Articolo

Come si cucina la borragine

La borragine è un'erba spontanea che si presta a numerosi utilizzi: per tisane, in cosmetica o come ingrediente per piatti semplici e tradizionali. Riconoscerla è facile, cucinarla ancora di più.

borragine-cucinare

Credit foto
©Luis Carlos Jimenez Del Rio / 123rf.com

Borago officinalis: questo il nome botanico della borragine. È una pianta molto diffusa, cresce bene in quasi tutti i terreni ed è considerata, per questo, una pianta infestante che si propaga velocemente e non ha bisogno di grandi cure. 

 

Caratteristica principale di questa pianta è la peluria che ricopre steli, foglie e boccioli: i fiori sono a forma di stella di un colore indaco molto acceso, le foglie sono ricoperte di piccole setole morbide bianche e fitte.

 

Ha numerose proprietà: espettorante e sudorifera, depurativa, antinfiammatoria delle affezioni orali e polmonari, diuretica e utile contro dolori articolari dovuti ad artrite e artrosi

 

Impacchi con le foglie e olio di borragine poi sono alleati della bellezza della pelle, anche della più delicata, tendente ad arrossamenti, herpes, foruncoli, eczemi. 

 

Borragine: come si cucina

La borragine è una pianta annuale, le foglie sono presenti tutto l'anno, mentre i boccioli fioriscono da maggio a fine estate. 

 

Si può mangiare cotta o cruda, ma attenzione al periodo in cui si raccolgono le foglie: per consumarla cruda è opportuno scegliere le foglioline più tenere e presenti da settembre e febbraio perché poi, con la fioritura, diventano meno buone. 

 

Se la coltivate in casa fate attenzione a non accostarla, in orto o in giardino, ad altre piante, perché ha la tendenza a propagarsi spontaneamente. 

 

Quando raccogliete le foglie della vostra pianta abbiate cura di scegliere le foglie più giovani, senza spogliarla troppo, in modo da permetterle di fiorire e inseminare il terreno. 

 

Pulire la borragine è semplice, nonostante la folta peluria presente sulle foglie. Basta infatti passare le dita delicatamente sulla superficie, per togliere polvere o terra, e poi immergere le foglie in acqua fresca e lasciarle riposare per qualche minuto. In questo modo avranno anche modo di reidratarsi, diventando più morbide: una volta sciacquate saranno pronte per le vostre ricette.

 

Usata in molte ricette popolari, alcune molto semplici e “povere”, la borragine si può far cuocere in poco olio, insieme ad altre erbe spontanee, oppure bollita e usata come ripieno di pasta, torte salate, per le lasagne, tagliata e mescolata a minestre o in una buonissima frittata di borragine.

 

Cruda la borragine è buona se si hanno a disposizione le foglie più giovani e piccole. Anche la borragine fritta fa la sua splendida figura, servita come antipasto o secondo piatto. 

 

È un'erba dal sapore particolare ma delicato, quindi non necessita di grande lavorazione: la borragine è buona così com'è, con il suo retrogusto amarognolo tipico delle erbe invernali e primaverili.

 

La borragine in cucina può essere una vera scoperta, alla portata di tutti.