Sommacco, proprietà e benefici

Il sommacco, spezia dal sapore agrumato, si ottiene da una pianta originaria dell’Europa meridionale e del Medio Oriente, molto diffusa in Italia allo stato spontaneo. Da millenni il sommacco è utilizzato in cucina e nella medicina tradizionale per le sue proprietà antibatteriche, antinfiammatorie e antiossidanti.

sommacco

Credit foto
©ziashusha / 123rf.com

Il sommacco (Rhus coriaria) è una pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Anacardiaceae e originaria dell’Europa meridionale e dei paesi del Medio Oriente.

 

Da non confondere con quella del sommacco americano o sommacco della Virginia (Rhus typhina), usata a scopo ornamentale, la pianta del sommacco può raggiungere i tre metri d’altezza, presenta foglie composte e una caratteristica infiorescenza a pannocchia.

 

L’uso del sommacco risale a migliaia di anni fa: nei paesi d’origine, infatti, la polvere color porpora che si ottiene dalle bacche di questa pianta è da sempre utilizzata in cucina come spezia, nonché come rimedio naturale nella medicina tradizionale.

 

Fino alla metà del ‘900 il sommacco siciliano era molto utilizzato anche per la concia delle pelli grazie alla presenza di tannini e nell’industria tintoria, per colorare i tessuti.

 

Oggi, pur essendo ancora molto diffuso in Italia allo stato spontaneo, il sommacco non trova quasi più impiego ed è considerato una pianta infestante. In natura è possibile trovare il sommacco nei terreni poveri e aridi dove questo arbusto riesce a ricoprire aree abbastanza estese. 

 

Uso del sommacco in cucina

La Rhus coriaria è l’unica specie di Rhus che può essere impiegata come alimento, adottando alcuni accorgimenti. I frutti di tutte le varietà di Rhus sono infatti tossici quando vengono consumati freschi. 

 

Per ovviare a questo problema, i frutti della Rhus coriaria vengono raccolti poco prima della maturazione e lasciati essiccare affinché perdano la loro tossicità. 

 

La polvere pregiata, delicatamente profumata di limone, è poi usata per insaporire piatti a base di pesce.

 

Il sommacco ha un sapore leggermente agrumato, pungente e piccante e può essere anche aggiunto all’hummus, ai condimenti per le insalate o al riso.

 

Unendo il sommacco a timo essiccato e semi di sesamo si prepara lo zaatar, una miscela tipica di origine palestinese che si utilizza per condire le carni.

 

Grazie al suo gusto particolare e deciso, il sommacco può essere usato come alternativa al sale, favorendo una pressione sanguigna regolare. 

 

Proprietà, benefici e controindicazioni del sommacco

L’uso terapeutico del sommacco è antico quanto l’impiego in cucina della spezia. La polvere di sommacco veniva un tempo consigliata contro i dolori per le sue proprietà antinfiammatorie.

 

Il sommacco svolge inoltre una straordinaria azione antiossidante data dalla presenza di acido gallico. Le proprietà antiossidanti sono utili a combattere i danni causati dai radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cellulare e aiutano a prevenire diverse malattie, tra
cui tumori.

 

La polvere di sommacco ha poi proprietà antibatteriche e tradizionalmente era impiegata per risolvere i disturbi gastrointestinali e per abbassare la febbre.

 

Sebbene il sommacco vanti numerosi benefici per la salute, si raccomanda comunque di non eccedere nel suo consumo poiché ad alte dosi questa droga può provocare disturbi e danni al sistema gastrointestinale e renale.

 

ll sommacco può essere acquistato nelle erboristerie più fornite o nei negozi specializzati online e il prezzo è di circa 50 euro al chilo