Broccolo siciliano, proprietà e benefici

I broccoli, anche nella qualità siciliana, per il loro contenuto di minerali, vitamine e antiossidanti, sono delle vere e proprie medicine alimentari.

il-broccolo-siciliano-proprieta

Credit foto
©Yuliya Gontar -123RF

"Sparacelli": così vengono chiamati i broccoli siciliani. Appartenenti alla stessa famiglia dei cavoli, ossia le Cruciferae, queste verdure si sono dimostrate efficaci per mantenere in salute l'organismo.

 

broccolo-siciliano-proprieta

Credit foto
©Ekaterina Kondratova - 123RF

Broccolo siciliano: proprietà

I benefici di una dieta che includa con costanza l'assunzione broccoli sono numerosi e documentati da un' ampia sperimentazione e letteratura scientifica.

 

Il broccolo siciliano contiene:
 

> Sulforafano e l'indolo3-carbinolo che si sono dimostrati in grado di detossinare il corpo dalle sostanze cancerogene, contrastare il proliferare delle cellule precancerose, favorire l'apoptosi delle cellule anomale, ossia la capacità di autodistruggersi, e contrastare l'angiogenesi attraverso le quali le masse tumorali creano una rete di vasi sanguigni da cui traggono nutrimento;
 

> Fibre che favoriscono una buona motilità intestinale, e hanno un alto potere saziante;
 

> Prebiotici perfetti per la flora intestinale, permettono così di regolarizzare il transito in caso di stipsi o dissenteria, quando si è in presenza di gastriti, o quando si è rimasti indeboliti da cure antibiotiche e influenze a carico del sistema intestinale e digestivo;
 

> Vitamina A e vitamina C, antiossidanti e utili per la salute della pelle, intesa anche come barriera immunitaria e protezione dagli inquinanti e dagli effetti del sole, e per il sistema immunitario;
 

> Vitamina K, indispensabile per la salute delle ossa, più di quanto non lo sia il calcio, presente anch'esso nei broccoli, ma in quantità minore e in forma meno disponibile;
 

> Carotenoidi, eccellenti antiossidanti, protettori della salute degli occhi.

Il broccolo risulta perfetto per contrastare il colesterolo, grazie alla presenza del già citato sulforafano, della luteina e delle fibre, che ripuliscono non sono l'intestino dalle tossine, ma anche il sangue, prevenendo la formazione di placche arteriosclerotiche e promuovendo l'elasticità delle pareti dei vasi sanguigni;

 

Sfruttare i benefici del broccolo siciliano

Per sfruttare al meglio questo alimento tanto ricco di benefici, è importante affidarsi a due raccomandazioni:
 

> Sceglierlo, quando possibile, derivante da agricoltura biologica, perché il broccolo è soggetto, per i metodi di coltivazione, a contaminazioni, oppure da filiera corta e conosciuta, da piccoli produttori e da orti.
 

È sempre opportuno, in ogni caso, sciacquarlo accuratamente sotto acqua corrente, evitando bicarbonato o altri prodotti per lavare le verdure che, lungi dall'eliminare residui contaminati, contribuisce ad una perdita di nutrienti;
 

> Cuocerlo poco: cuocere eccessivamente le verdure fa loro perdere molte sostanze nutritive benefiche. Anche il broccolo, se cotto per troppo tempo, si impoverisce.

Il giusto grado di cottura si evince dal colore e dalla croccantezza: il broccolo ben cotto, e ancora ricco di quanto di buono contiene, è di un colore verde brillante e leggermente croccante. Oltre questo limite le sostanze antiossidanti, i minerali e le vitamine sono state irrimediabilmente perse.

 

Del broccolo si può consumare tutto: dalle infiorescenze ai gambi più prossimi al fiore. Le prime devono essere verdi e non presentare cime viola o gialle, e si consumano cotte leggermente in padella con poca acqua o al vapore, mentre i gambi, un po' più coriacei, si possono utilizzare stufati e frullati per vellutate e passati di verdura, in modo da sfruttare le fibre alimentari.