Articolo

Il latte di amaranto fatto in casa

Il latte di amaranto è un prodotto buono e genutino, che arricchisce le colazioni grazie al ferro e al calcio che contiene; privo di colesterolo e di lattosio, è perfetto per chi segue regimi particolari: ecco come si prepara in casa con due semplici ingredienti

Il latte di amaranto fatto in casa

Semplice da preparare e nutriente, il latte di amaranto è un ottima alternativa a chi desidera sperimentare con i latti vegetali.

Meno noto del latte di riso o il latte di soia, è ottimo per i celiaci e per chi soffre di intolleranze, è ricco di ferro e calcio e non contiene lattosio.

Con il colesterolo pari a zero, grassi buoni, carboidrai e proteine, il latte di amaranto è ideale per chi desidera perdere peso o per i diabetici.

Inoltre, grazie ai preziosi nutrienti, è un'ottima fonte di vitamine e minerali per vegani e vegetariani.

 

Ricetta del latte di amaranto

Ingredienti:
> 100 grammi di semi di amaranto,
> un pizzico di sale (facoltativo),
> acqua

Preparazione: mettere a bagno i semi di amaranto per circa un'ora, sciaquarli per bene; in una pentola capiente portare a bollore un litro e mezzo di acqua, aggiungervi il sale e i semi. Lasciare cuocere a fuoco basso per circa 15 minuti. Spegnere e lasciare raffreddare il tutto. Frullare quindi con un frullatore a immersione. Filtrare bene in una bottoiglia di vetro pulita, utilizzando un colino o una garza sterile. Non buttare assolutamente la parte solida, ma utilizzarla per farne polpettine veg gustose e nutrienti. Il latte è pronto e può essere degustato così com'è, oppure dolcificato con miele, sciroppo d'acero o insaporito con la vaniglia, la cannella o le spezie preferite.

Si conserva ben chiuso in frigorifero per circa 3 giorni. 100 grammi di semi di amaranto costano circa 5/6 euro; i sacchetti si trovano facilmente in vendita nei negozietti di prodotti biologici, supermercati ben forniti oppure on line.

 

Ricette con latte di amaranto

Questo latte vegetale è ottimo per essere consumato la mattina per la prima colazione, con cereali, muesli o frutta fresca, ma anche sotto forma di porridge con l'avena.

Diventa un fantastico ingrediente per dolci al cucchiaio, come budini con semi di chia, o dessert addensati con agar agar e insaporiti con cioccolato, cannella, nocciole, mandorle o altro ancora.

Si può ugualmente inserire come ingrediente in torte, crespelle o usare nella preparazioni di piatti salati, come vellutate, creme o salse di vario tipo.

 

Amaranto soffiato, l'alternativa ai pop corn