Articolo

Peperoni, la verdura estiva per eccellenza

In estate i peperoni sono pronti per essere raccolti e mangiati. Scopriamo la pianta del peperone, le sostanze nutrizionali che contiene e qualche consiglio per mangiare i peperoni in estate.

Peperoni, la verdura estiva per eccellenza

I peperoni sono la verdura estiva per eccellenza e iniziano a produrre da giugno sino alla fine di settembre. Fermano la fruttificazione proprio quando la temperatura comincia ad abbassarsi mentre in altri paesi dove il clima è più caldo i peperoni sono produttivi anche tutto l’anno.

I peperoni sono i frutti della pianta Capsicum annuum appartenente alla famiglia delle solanaceae come i pomodori, le melanzane e le patate.

Tutti questi ortaggi sono originari dell’America centrosettentrionale e soltanto con l’arrivo di Cristoforo Colombo i peperoni hanno avuto diffusione in Europa giungendo sino in Italia dove hanno trovato un clima adatto a loro.

Questi primi peperoni erano molto simili ai peperoncini, piccoli allungati e piccanti ma con il passare del tempo e della selezione dei contadini e della natura attualmente i peperoni sono di più grandi dimensioni e non più piccanti.

In Italia attualmente abbiamo molte varietà di peperoni anche riconosciute come prodotti tipici e IGP sia nelle terre del Nord Italia che al Sud Italia.

 

Caratteristiche del peperone

La pianta del peperone cresce come pianta erbacea arbustiva con fusto eretto e leggermente legnoso, i rami si sviluppano lateralmente e la pianta del peperone ha una leggera peluria. Le sue foglie sono verdi e lucide mentre i fiori sono di colore bianco nascono proprio all’ascella fogliare. Dai fiori poi avremo la maturazione dei frutti che sono bacche commestibili, questi sono i veri e propri peperoni, quelli che noi utilizziamo in cucina.

La forma del peperone è differente a seconda delle varietà e solitamente è rotondeggiante, a cornetto o allungato. Anche il colore varia al variare del tipo di peperone e troviamo così peperoni gialli, verdi e rossi. I peperoni rossi sono croccanti nella polpa e di sapore dolce, mentre quelli gialli sono più teneri.

I peperoni comunque variano il colore anche secondo il grado di maturazione infatti iniziano tutti di colore verde e man mano virano verso il giallo o il rosso.

Il loro sapore dolce e la ricchezza di nutrienti comprese vitamine come la vitamina C sono all’apice quando il peperone è ben maturo. I peperoni verdi sono infatti più usati per la conservazione in barattolo mentre quelli gialli e rossi sono più utilizzati in cucina per ricette a crudo o cotti.

Queste piante di peperoni vengono prodotte a partire dalla semina dei semi in inverno ma stanno protette in semenzai riscaldati per poi essere trapiantate in pieno campo da primavera inoltrata.  Il periodo di maturazione e raccolta inizia a giugno e continua sino a settembre con il finire del estate.

 

Leggi anche Ricette con i peperoni >>

 

Composizione dei peperoni

I peperoni sono ricchi di acqua sino oltre il 90% e già questo indica che sono ortaggi indicati per il consumo estivo quando il corpo necessità di abbondanti liquidi per l’idratazione.

Le calorie nel peperone sono molto basse intorno alle 45 calorie ogni 100 gr e quindi sono ottimi per chi vuole mantenere la linea.

Il peperone è ricco di vitamine ed in particolare betacaroteni che sono i precursori della vitamina A e inoltre è un eccellente fonte di acido ascorbico. I betacaroteni sono pigmenti naturali che danno infatti il colore giallo o arancio alla buccia e alla polpa.

Questi betacaroteni aiutano a proteggere la pelle e le mucose del corpo e persino sono utili per la prevenzione dei tumori. Il peperone rosso è il più ricco di betacaroteni.

Inoltre i peperoni sono ricchi di vitamina C e una porzione di 50 grammi copre il 75% della razione giornaliera raccomandata. Dobbiamo però ricordare che la vitamina C è termolabile quindi è consigliato mangiare i peperoni crudi perché la cottura elimina oltre il 60% di questa vitamina. L’acido ascorbico presente nella nostra dieta aiuta a mantenere giovane la pelle e il corpo oltre a sostenere l’attività del nostro sistema immunitario.

I peperoni sono anche ricchi di vitamina E utile sempre per la pelle e i capelli, di luteina che protegge dal sole e fortifica gli occhi e anche vitamine del gruppo B come la B6 che è importante per la rigenerazione cellulare e per il sistema nervoso tanto che agisce anche riducendo gli stati di ansia.

La particolarità dei peperoni è la presenza di un principio attivo chiamato capsicina. Questa sostanza è presente anche nei peperoncini piccanti e infatti è la responsabile di questo gusto piccante. Inoltre però la capsicina ha anche molte altre proprietà come l’effetto rubefacente che aiuta a richiamare il sangue e quindi è indicato in caso di malesseri quali contratture, blocchi muscolari o altre situazioni in cui serve attivare il microcircolo sanguigno superficiale.

Un'altra sua proprietà è quella di ridurre il colesterolo riequilibrando i trigliceridi in circolo.
Infine i peperoni hanno fibre alimentari utili per aiutare un buon transito intestinale.

Inoltre le fibre vegetali hanno un alto potere saziante che rende così il peperone sempre indicato per chi vuole fare una buona “prova costume” ed inoltre sono leggermente lassative perché richiamano acqua e facilitano l'evacuazione.

 

Consigli per mangiare i peperoni in estate

Per alcune persone i peperoni proprio non sono ben digeribili ma forse non tutti sanno come è consigliabile mangiarli. All’interno dei peperoni infatti abbiamo la capsicina, la solanina e parte della fibra cellulosa che effettivamente sono poco digeribili.

Queste sostanze però si trovano nei semi, nella buccia e nella placenta del peperone quindi se evitiamo queste parti la digestione di questo ortaggio sarà molto più facile.

Altra accortezza è come tagliare il peperone: è preferibile farlo orizzontalmente perché il lato verticale ha le linee di forza della fibra.

Tagliare quindi la fibra permetterà al nostro stomaco ed intestino di lavorare meno e digerire così più facilmente il peperone.

Ultimo consiglio è la scelta del colore del peperone perché quelli rossi  o gialli e ben maturi contengono meno solanina di quelli verdi.

 

Foto: payphoto / 123RF Archivio Fotografico