Articolo

Cime di rapa: come cucinarle con qualche ricetta

Le cime di rapa sono un "pezzo forte" della nostra cucina tradizionale. Vale la pena conoscerle meglio per scoprirne proprietà, benefici e qualche ricetta.

Cime di rapa: come cucinarle con qualche ricetta

Dite la verità: pugliesi o meno, tutti avete pensato alle orecchiette. L’abbinamento con le cime di rapa è universamente riconosciuto come vincente per creare un piatto della tradizione italiana che il mondo ci invidia.

Forse però sono meno note le proprietà benefiche delle cime di rapa, il loro valore nutrizionale.

E ancor meno note sono le ricette alternative che utilizzino le cime di rapa in altri modi.

Vedremo insieme perché vale la pena aumentare il consumo di cime di rapa, e come utilizzarle in alcune ricette sfiziose.

 

Cime di rapa: cosa sono

Attenzione: quelle che comunemente chiamiamo “cime di rapa” in realtà non sono - come si potrebbe immaginare dal nome – le foglie della rapa. O meglio, possono comprendere anche alcune foglie, ma si tratta degli steli e dei fiori ancora chiusi (i boccioli, per intenderci, chiamati broccoli o friarielli). Le cime di rapa sono la parte commestibile della sottospecie sylvestris, della specie Rapa, appartenente alla famiglia delle Brassicaceae; il loro nome botanico è quindi Brassica rapa sylvestris; ve ne sono differenti qualità, con diversa forma, periodo di semina e tempo di fioritura.

In genere, le cime di rapa vengono commercializzate come germogli interi (ancora uniti dalla base della radice), come fiori (infiorescenza) senza foglie e anche come foglie senza fiori.

Sono di colore verde e lunghezza variabile tra i 15 ed i 100 cm.

E' sempre consigliabile acquistare le cime di rapa ben fresche, ovvero foglie e gambi non devono essere flosci, e i fiori devono essere completamente chiusi.

 

Cime di rapa: perché usarle

Le cime di rapa, come abbiamo visto, appartengono alla preziosa famiglia delle brassicacee (cavoli & co., per intenderci), che viene spesso citata addirittura come protettiva contro lo sviluppo di patologie severe per il suo elevato contenuto in antiossidanti.

Il contenuto nutrizionale delle cime di rapa vanta un modesto apporto calorico, elevate quantità di fibra, abbondanza di minerali, ferro, calcio e vitamine A, C, K e B (Folati). Unica controindicazione al consumo eccessivo di cime di rapa è il loro notevole contenuto in purine, molecole che possono acutizzare i problemi di iperuricemia e/o gotta.

Date queste caratteristiche nutrizionali, possiamo così riassumere le proprietà benefiche delle cime di rapa:

> Disintossicanti.

> Stimolanti per l’appetito.

> Rimineralizzanti.

> Antistress (dato il loro elevato contenuto in magnesio).

> Antiossidanti.

> Antinfiammatorie.

 

Leggi anche 5 ricette con le cime di rapa >>

 

Cime di rapa: come usarle in cucina, 3 ricette

Visto che fanno tanto bene, vale la pena imparare a cucinarle in modo gustoso e vario, per poterle avere spesso in tavola. Ricordiamo innanzitutto che le cime di rapa vanno mangiate cotte: i metodi di cottura e preparazione variano in base al prodotto finale, ma ciò che accomuna tutte le ricette con cime di rapa è la loro mondatura; prima di tutto, è opportuno lavarle accuratamente; in secondo luogo va eliminata (ove presente) la porzione radicale e, nel caso, le foglie rovinate.

 

1. Un classico: le orecchiette con cime di rapa
 

Ingredienti per 5 persone:
> 1 mazzo di cime di rapa;
> 500 g di orecchiette;
> 2 spicchi di aglio;
> peperoncino in polvere qb;
> olio EVO;
> sale qb.

Preparazione
Mondare le cime di rapa, metterle a bollire aggiungendo una manciata di sale. A fine cottura, scolare con un colino e lasciar asciugare, mantenendo l’acqua di cottura, nella quale si faranno cuocere le orecchiette.
Intanto, in una padella capiente, versare l’olio, far rosolare l’aglio, aggiungere i broccoli e far cuocere. Una volta scolate le orecchiette, aggiungerle nella padella con i broccoli, mescolare e spolverare col peperoncino.

 

2. Una ricetta super cool: lo smoothie vegan disintossicante
 

Ingredienti
> 1 mazzetto di cime di rapa;
> 1 manciata di foglie di spinaci (circa 100 g);
> 1 mela bio;
> 1 cetriolo bio.

Preparazione
Cuocere a vapore le cime di rapa, lasciar raffreddare, poi frullare con gli spinaci freschi, la mela e il cetriolo a tocchetti, fino a raggiungere la consistenza gradita. Si potrà utilizzare questa bevanda come pranzo o cena di una giornata depurativa, oppure come aperitivo depurativo.

 

3. Una ricetta vegetariana: polpette alle cime di rapa

Ingredienti per 4 persone
> 500 g di cime di rapa
> parmigiano grattugiato e pangrattato qb
> 1 uovo
> 1 manciata di prezzemolo
> 1 pizzico di peperoncino in polvere
> 1 spicchio d’aglio.

Preparazione 
Mondare le cime di rapa, strizzarle e tritarle; mescolarle con il parmigiano, l’uovo, il prezzemolo, l’aglio (tritato) e il peperoncino. Amalgamare con cura e formare delle palline che verranno ricoperte con pangrattato. In alternativa (più salutare) alla frittura, mettetele in una teglia su carta da forno e cuocete per circa 15 minuti in un forno preriscaldato a 180 gradi.

N.B. nell’alternativa vegana, l’uovo sarà sostituito con 2 cucchiai di fecola di patate.

 

Leggi anche Cime di rapa: proprietà e come mangiarle >>

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio