Articolo

Ricette con l’alga nori

L'alga nori è ricca in vitamine e minerali importanti per il nostro organismo. Scopriamo come usarla in cucina in queste quattro ricette della tradizione giapponese rivisitate sul gusto nostrano.

ricette-con-l-alga-nori

Credit foto
©Valentina Gabdrakipova / 123rf.com

I benefici dell'alga nori

L’alga nori si è guadagnata la reputazione di superfood  ma molti dei suoi utilizzi in cucina rimangono ancora tutti da esplorare. 

 

Perché dovremmo scegliere l’alga nori nella nostra alimentazione? Come detto, è anzitutto un superfood la cui produzione è particolarmente sostenibile: non richiede grandi investimenti, non consuma risorse e cresce a ritmi molto veloci, velocissimi se comparati a certe verdure.

 

Si tratta di una delle migliori fonti di iodio tra quelle conosciute, ed è ben noto che la nostra dieta occidentale è nella gran parte dei casi carente di questo oligoelemento, che tra l’altro risulta essere uno dei micronutrienti essenziali per la produzione di ormoni tiroidei.

 

Una volta essiccata, diventa inoltre una vera e propria miniera anche di altri oligoelementi come calcio, ferro, rame, magnesio, fosforo, zinco, manganese e potassio.

 

Venendo alle vitamine, il suo range è quasi completo, potendovi trovare vitamine del gruppo A, del gruppo B, la C, la D, la E e la K. Senza dilungarci troppo, concludiamo questa lista con la presenza di polifenoli e di fibra alimentare. Ma veniamo alle ricette.

 

 

Pizza alla giapponese

Ingredienti

> 100 g di funghi champignon;
> tamari;
> aceto di riso;
> 3 tazze di riso integrale;
> sale;
olio di sesamo;
> miele;
> alga nori;
> semi di sesamo;
> 1 carota media;
> 1 tazza di anacardi;
miso;
zenzero fresco;
wasabi.

 

Preparazione
Non fatevi spaventare dalla lista degli ingredienti, la pizza giapponese non è così complessa.

 

Si comincia preriscaldando il forno a 190 gradi. Nel frattempo, in una ciotola, i funghi tagliati a fette marineranno nel tamari. Una volta cotto il riso, si mischierà con un cucchiaino di aceto di riso, uno di miele e uno di sale.

 

Una volta pronto, metteremo un cucchiaio d’olio sul fondo di una teglia e si stende il praparato a base di riso integrale per poi mettere in forno per circa 10 minuti.

 

Ricoprire allora con alga nori, funghi e un po’ di semi di sesamo. Cuocere per altri 10 minuti ed infine grattugiare sopra una carota aggiungendo un po’ di miso, di zenzero fresco e wasabi.

 

Orzo alla giapponese

Ingredienti

> olio di oliva;
orzo;
> 1 patata dolce;
> 1 cipollotto;
> prezzemolo;
> wasabi;
> tamari;
> semi di sesamo;
> alga nori.

 

Preparazione

Il primo passo consiste nel tostare per pochi secondi l’orzo in un filo d’olio d’oliva, giusto per farlo bronzare.

 

Una volta che cambia colore aggiungere due tazze di acqua e portare a ebollizione con una fiamma media. Dovrebbe ammorbidirsi in circa un quarto d’ora. Scolare e condire con tamari.

 

Nel frattempo aggiungeremo una patata dolce previamente lessata e tagliata a cubetti, assieme al cipollotto, al prezzemolo, all’alga nori, al wasabi e ad una fine pioggia di semi di sesamo prima di servire.

 

Risotto alle alghe

Ingredienti

> 1 cipolla bianca;

> 2 scalogni;

> 3 spicchi d’aglio;

> 2 tazze di riso da risotto;

> vino bianco;

> dado vegetale;

> alga nori;

> spinaci;

> noci;

> parmigiano.

 

Preparazione

Nell’olio soffriggeremo assieme la cipolla, gli scaloni e l’aglio. Dopo pochi minuti sarà il momento di aggiungere il riso e il sale, e dopo poco il vino. Si mescola bene per poi aggiungere il brodo ottenuto da un dado vegetale. 

 

Dopo circa 40 minuti di cottura a fuoco basso, mescolando costantemente, il riso avrà assorbito il liquido. E' questo il momento per aggiungere le alghe, gli spinaci tagliati finemente e un po’ di parmigiano. Una volta impiattato, guarniremo con delle noci tostate.

 

Miglio con alghe, erbe e limone

Ingredienti

>1 e ½ tazza di miglio;

> brodo vegetale;

> 3 cipolle rosse;

> prezzemolo;

> basilico;

> pepe nero;

> 1 limone;

> alga nori;

> pinoli.

 

Preparazione

Tostiamo il miglio fino a renderlo dorato e fragrante. Aggiungere 2 tazze di brodo vegetale e un po’ di sale per poi coprire e lasciare cuocere a fiamma bassa per mezz’ora.

 

Una volta pronto verrà impiattato e ricoperto da erbe e alghe finemente tritate, da un po’ di pepe, dal succo di un limone e da pinoli tostati.