Ananas, proprietà e benefici

Tutti conosciamo bene l'ananas come frutto gustoso perfetto in estate, ma in realtà è anche un efficace rimedio antinfiammatorio e drenante, utile in caso di ritenzione idrica, cellulite e non solo.

ananas

Credit foto
©Teerapat Pattanasoponpong / 123rf.com

L'ananas (Ananas comosus, Ananas sativus) è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Bromeliacee.

 

 

Proprietà dell'ananas

L'ananas è un frutto ricco di proteine altamente digeribili, vitamine e sali minerali tra cui potassio e manganese. Per quanto riguarda le vitamine dell’ananas, molto interessante è il contenuto in vitamina C che resta stabile anche dopo la raccolta, grazie alla scorza spessa in grado di proteggere questa molecola dall’ossidazione.

 

Gustoso, nutriente e poco calorico, è particolarmente indicato durante i mesi estivi per idratare l’organismo e reintegrare vitamine e minerali, oltre che nelle diete ipocaloriche in virtù del potere saziante e delsapore dolce. All'ananas sono anche state attribuite proprietà sessuali, perché pare che il suo consumo abbia effetto afrodisiaco.

 

In fitoterapia si utilizza il gambo dell’infruttescenza, il cui componente più importante è la bromelina o bromelaina, costituita da un insieme di enzimi proteolitici presenti appunto nel gambo, ma anche nel frutto e nel succo di ananas. Proprio la presenza di bromelina è alla base dei benefici dell'ananas, conferendogli proprietà antinfiammatoria, antiaggregante piastrinica, fibrinolitica e cicatrizzante.

 

Benefici dell'ananas

L’assunzione dell’ananas sotto forma di integratore ha effetti benefici soprattutto per il sistema digerente e per il microcircolo.

 

I preparati a base di gambo d’ananas sono particolarmente utili per facilitare la digestione di alimenti proteici, combattere gli stati infiammatori e migliorare la circolazione sanguigna e il drenaggio, contrastando la stasi venosa e il ristagno di liquidi.

 

Internamente si utilizza in caso di ridotto trofismo cutaneo, ematomi, tumefazioni post-operatorie e post-traumatiche acute, traumi muscolari e articolari, insufficienza venosa, gambe pesanti, edema e cellulite.

 

La cellulite infatti si manifesta come conseguenza di un rallentamento della circolazione linfatica e del microcircolatorio, che porta a ritenzione idrica, edema, infiammazione. Ritenzione idrica e cellulite possono essere contrastate migliorando il proprio stile di vita, oltre che con integratori naturali contro la cellulite.

 

La bromelina infine conferisce all’ananas attività cicatrizzante ed è utilizzata per trattare lesioni muscolo-scheletriche, scottature e infiammazioni cutanee.

 

I rimedi naturali per la cellulite e il sovrappeso

 

Modalità d'uso

Uso interno: 80-320 mg di estratto secco sotto forma di compresse o capsule in 2 somministrazioni al giorno, lontano dai pasti, per circa dieci giorni.

 

Cotroindicazioni

L'ananas è considerato un rimedio sicuro, con lievi effetti collaterali. Non va utilizzato in caso di allergie, in gravidanza e allattamento, prima di un intervento chirurgico. Inoltre, il suo impiego è sconsigliato se si assumono anticoagulanti o inibitori dell'aggregazione piastrinica, tetracicline, chemioterapici.

 

Descrizione della pianta

La pianta dell'ananas è un'erbacea originaria dell'America centrale, oggi coltivata in diverse zone tropicali per la commercializzazione del frutto. Ha foglie coriacee, lunghe, dentate e spinose, riunite in grandi rosette. Dal mezzo della rosetta si alza un asse  infiorescenziale che porta fiori blu-porpora. 

 

Il frutto deriva dalla fusione di diverse bacche. Ogni fiore possiede un proprio sepalo; i sepali diventano carnosi e succosi e si sviluppano nel frutto, coronato da una rosetta di foglie. Quello che noi chiamiamo erroneamente frutto è un’infruttescenza, che possiede una polpa di colore giallo e carnosa formata dalla riunione delle brattee e dell'asse e rivestita da una scorza marrone, formata da placchette fuse tra loro.

 

I frutti veri e propri sono dunque piccole bacche di cui si scorge la parete esterna a forma di scudo poligonale.

 

L'habitat dell'ananas

Originario dell’America centrale, comprende otto specie e diverse varietà ornamentali. Oggi è coltivato in Europa, nelle Hawaii, Filippine, nell’Asia sud-orientale, in America Latina, Florida e a Cuba. Predilige terreni con un buon drenaggio interno, e mediamente acidi e un clima tropicale o sub-tropicale.

 

Cenni storici

L'ananas fu portato nelle isole caraibiche dagli indi Caribi, che lo chiamavano anana. A Guadalupe, nel 1493, Cristoforo Colombo poté vederlo per la prima volta.

 

Venne poi portato in Europa e da qui distribuito nelle isole del Pacifico dagli esploratori spagnoli che lo nominavano “pigna delle indie” e “pigna reale". Gli spagnoli in seguito lo esportarono nelle Filippine e nel XVI secolo raggiunse le Hawaii e Guam. Sbarcò in Inghilterra nel 1660 e iniziò a essere coltivato nelle serre all’incirca nel 1720.

 

Oggi l’ananas è uno dei frutti tropicali più conosciuti al mondo. Il succo del gambo di ananas, per la sua attività enzimatica, era utilizzato già nel XVIII secolo per facilitare la digestione.

 

LEGGI ANCHE

L'ananas tra i cibi antinfiammatori: scopri gli altri

 

Altri articoli sull'ananas:
>  L'ananas tra la frutta di febbraio
>  Le proprietà della bormelina, enzima dell'ananas

Usi cosmetici dell'ananas

Il gambo d'ananas tra i prodotti naturali per le gambe gonfie

3 ricette esotiche particolari con l'ananas

>  Ananas, le proprietà meno conosciute

 

 

In collaborazione con Erboristeria del Pigneto

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio