Artemisia: proprietà, uso, controindicazioni

L'artemisia è una pianta dall’effetto amaro-tonico, utile soprattutto in caso di inappetenza e problemi digestivi.

artemisia

Credit foto
©heikerau - 123rf

L'artemisia (Artemisia vulgaris) è una pianta perenne della famiglia delle Asteracee, utilizzata in passato per le sue proprietà aromatiche, digestive e per favorire la comparsa delle mestruazioni.

 

 

 

Cos'è e a cosa serve l'artemisia

L'artemisia, nota anche con il nome di assenzio selvatico, è una grande erba perenne che appartiene alla famiglia delle Asteraceae o Compositae.

L'artemisia serve soprattutto come antispasmodico e amaro nei disturbi digestivi, tonico per il sistema nervoso ed emmenagogo, cioè come rimedio utile a stimolare il flusso mestruale.

 

Proprietà dell'artemisia

Dell'artemisia si utilizzano le sommità per il loro contenuto in:

  • Olio essenziale;
  • flavonoidi;
  • idrossicumarine; 
  • polline;
  • triterpeni;
  • steroli;
  • lattoni sesquiterpenici.

In erboristeria e fitoterapia è impiegata anche la radice di artemisia, ricca in inulina.

Grazie alla presenza dei costituenti attivi appena visti, l'artemisia vanta proprietà:

  • Aromatiche;
  • amaro-toniche;
  • eupeptiche;
  • antispasmodiche;
  • emmenagoghe.

 

Benefici dell'artemisia

L'artemisia e le preparazioni erboristiche a base di artemisia sono utili per favorire l'appetito e le funzioni digestive e per stimolare il flusso mestruale e il parto.

Tra i benefici dell'artemisia troviamo anche l'azione ipoglicemizzante della radice, effetto apprezzabile dopo un uso prolungato del rimedio.

 

Come si usa

Per godere dei benefici dell'artemisia si possono utilizzare l'infuso di artemisia, nonché la polvere e gli estratti ottenuti dalle sommità (artemisia erba). In commercio si trova anche la tintura madre di artemisia, preparata con la radice fresca della pianta.

 

Modalità d'uso

Infuso

1 cucchiaino di sommità essiccate di artemisia per ogni tazza d'acqua, da somministrare tre volte al giorno.

Tintura madre

30 gocce diluite in acqua da una a tre volte al giorno.

 

Dove trovare l'artemisia

I prodotti a base di artemisia si trovano facilmente in erboristeria. La pianta di artemisia cresce comunemente nei prati incolti e lungo i bordi delle strade in tutta Italia, dunque la si trova facilmente.

 

Le differenze con l'assenzio

L'assenzio, o assenzio maggiore, è l'Artemisia absinthium. si tratta di un'erba perenne della stessa famiglia dell'artemisia, ma caratterizzata dalla presenza di tujione, una molecola tossica. Le proprietà dell'assenzio sono simili a quelle dell'artemisia, anche se l'effetto di questa pianta è più forte.

La pianta di assenzio si distingue da quella dell'artemisia osservando i capolini e le foglie: i capolini dell'assenzio sono penduli e le foglie sono grigiastre.

 

Effetti indesiderati e controindicazioni

Alle dosi terapeutiche l'artemisia non presenta effetti indesiderati ma, a dosaggi elevati, può presentare alcuni effetti collaterali. Nelle persone sensibili, inoltre, il contatto con la pelle può causare dermatiti.

Per quanto riguarda le controindicazioni dell'artemisia, questo rimedio non deve essere assunto durante la gravidanza e in caso di gastrite o ulcera gastrica e duodenale.

 

Descrizione della pianta

La pianta dell'artemisia è un'erbacea perenne di grandi dimensioni, con fusto eretto rossiccio e striato alto dai 50 ai 150 centimetri e radice legnosa. 

Le foglie sono pennatosette a segmenti acuto-dentati, verde scuro nella pagina superiore e biancastre nella pagina inferiore.

I fiori dell'artemisia sono piccoli capolini gialli, disposti in racemi; sono molto aromatici e dal sapore amaro.

Dopo la fioritura dell'artemisia la pianta produce i frutti,  acheni glabri oblunghi, appuntiti, lisci e privi di pappo.

Oltre all'assenzio comune (Artemisia vulgaris) e all'assenzio maggiore (Artemisia absinthium) esistono altre specie di artemisia tra cui il qinghao (Artemisia annua) usata nella medicina cinese per curare la febbre e la malaria.

 

L'habitat dell'artemisia

Nativa delle zone temperate dell'Europa, Asia e Nord Africa, è naturalizzata anche in Nord America. Cresce dalla pianura alla zona pedemontana, lungo i fiumi e ai bordi dei campi.

 

Cenni storici

Il nome Artemisia deriva da Artemide la dea, nella religione dell'antica Grecia, della caccia, della selvaggina, dei boschi, del tiro con l'arco e della verginità. Altre denominazioni sono assenzio selvatico, amarella e canapaccio per la vana somiglianza alla canapa.

Secondo Plinio il Vecchio, il nome del genere Artemisia deriva da Artemide dea, nella religione dell'antica Grecia, della caccia e della luna che presiedeva i parti, perché era ritenuta una pianta utile ai disturbi delle donne

Altre tradizioni derivano il nome Artemisia dalla parola greca artemes. che vuol dire “sano", "di buona salute”. Il termine specifico vulgaris indica che si tratta di una specie comune.

Il binomio scientifico attualmente accettato, Artemisia vulgaris, è stato proposto da Carl von Linné (1707 – 1778) biologo e scrittore svedese, considerato il padre della moderna classificazione scientifica degli organismi viventi, nella pubblicazione ”Species Plantarum”.

L'artemisia è utilizzata nella medicina tradizionale cinese e giapponese, per la preparazione della moxa (dal giapponese moe kusa che significa "erba che brucia"), una medicina ottenuta triturando in un mortaio la pianta fino a ricavare un impasto lanoso, con cui si preparano delle palline o dei coni che, una volta appoggiati su punti specifici della pelle (corrispondenti ai punti dell'agopuntura), vengono fatti bruciare.

Conosciuta anche come erba "scaccia diavoli", si coglieva al solstizio d'estate e diversi usi e tradizioni popolari attribuiscono alla pianta anche proprietà antiepilettiche.

 

LEGGI ANCHE

Moxibustione: la cura con il calore

 

Altri articoli sull'Artemisia

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio