Melatonina, cos'è e proprietà

La melatonina è un ormone che regola il ciclo sonno-veglia, stimola la risposta del sistema immunitario e protegge il sistema nervoso centrale.

melatonina

Credit foto
©photogonzo -123rf

 

Che cosa è la melatonina

La melatonina è un ormone che viene sintetizzato dal nostro organismo è secreto soprattutto dall'epifisi o ghiandola pineale, una piccola ghiandola del cervello.

 

La melatonina serve a regolare il ciclo sonno-veglia e la sua produzione varia in base all'età e alle ore del giorno: i livelli di melatonina nei neonati e negli anziani sono infatti più bassi, così come lo sono durante le ore di luce.

 

A cosa serve la melatonina

La melatonina serve a regolare il ritmo circadiano, il nostro orologio biologico interno.

 

La produzione di melatonina avviene infatti in risposta alla luce e al buio ambientale. Quando lo stimolo luminoso colpisce la retina dell'occhio, la sua sintesi viene inibita, mentre nelle ore di buio viene stimolata la sua secrezione.

 

La sintesi di melatonina inizia dunque al calare del sole e cessa al mattino, fornendo all'organismo informazioni sulla durata del giorno e della notte.

 

Nelle persone o nelle situazioni in cui questo ormone è prodotto in quantità insufficienti, il medico può consigliarne l'assunzione per dormire meglio, ad esempio nel caso di integrazione di melatonina nei bambini o nelle persone anziane.

 

Proprietà della melatonina

La melatonina è un ormone dalle proprietà sedative e gioca un ruolo importante nel sonno e nel riposo. 

 

In particolare, la secrezione di melatonina comunica all'organismo che è il momento di riposare. Per questo motivo, chi fatica ad addormentarsi assume melatonina per dormire.

La melatonina è utile infatti a ripristinare l'orologio biologico, ad esempio nel caso del del jet lag o sindrome da fuso orario, che può verificarsi nelle persone che lavorano su turni o in quelle che viaggiano da un continente all'altro.

 

Tra le proprietà della melatonina troviamo poi quella antiossidante, utile a rallentare il processo di invecchiamento.

 

Benefici della melatonina

I benefici della melatonina riguardano soprattutto il sonno. Come abbiamo visto, la melatonina viene secreta quando la luce solare cala e questo segnala all'organismo la necessità di riposare.

Inoltre, la melatonina sembra avere effetti benefici anche sulla vitalità e l'energia dell'organismo.

Grazie all'azione antiossidante della melatonina viene rallentato l'invecchiamento fisico e mentale e, secondo alcuni, la sua assunzione potrebbe avere anche degli "effetti collaterali sessuali", migliorando le prestazioni.

 

Dove si trova la melatonina

La melatonina è secreta da una delle ghiandole endocrine, l'epifisi o ghiandola pineale, situata all'altezza degli occhi al centro del cervello.

 

La produzione di melatonina avviene durante la notte come risposta al buio, raggiunge il massimo livello nel mezzo della notte (tra le 2 e le 4), diminuendo progressivamente con l'avvicinarsi del mattino, in quanto la sua sintesi e distribuzione nel corpo sono inibite dalla luce.

 

La secrezione di melatonina è perciò influenzata dall'esposizione alla luce solare: quando lo stimolo luminoso arriva alla retina viene trasmesso un segnale all'epifisi, che blocca la sua secrezione; mentre Il buio, come abbiamo detto, ne stimola il rilascio.

 

Per queste ragioni, le concentrazioni plasmatiche di melatonina durante la notte sono da 3 a 10 volte superiori rispetto a quelle registrate nelle ore diurne.

 

Melatonina, zinco e magnesio contro i disturbi del sonno

 

Usi della melatonina 

La melatonina ha un effetto sedativo: l'aumento della sua concentrazione ematica è un segnale che informa l'organismo che è buio e che pertanto è giunto il momento di dormire e riposarsi, regolando così il nostro ritmo sonno-veglia o ciclo circadiano.

 

Questa sostanza non è un sonnifero, ma un regolarizzatore del sonno che agisce con meccanismi diversi rispetto a farmaci o rimedi naturali sedativi.

 

Grazie alla sua azione ripristina l'orologio biologico e contribuisce a combattere l'insonnia caratterizzata dalla fatica a prendere sonno.

 

Viene efficacemente consigliata per superare l'effetto del jet lag, disturbo che si verifica quando si attraversano vari fusi orari, come  nel caso di un lungo viaggio in aereo che porta a sentirsi assonnati, stanchi o confusi a causa dell'alterazione dei normali ritmi circadiani.

L'uso della melatonina può essere utile anche nelle persone che lavorano su turni e negli anziani, poiché con l'avanzare dell'età la produzione di questo ormone diminuisce

 

Chi non può assumere melatonina?

L'assunzione di integratori di melatonina può interagire con diversi farmaci e integratori, in particolare:

  • sedativi;
  • anticoagulanti;
  • immunosoppressori.

Inoltre, l'uso di melatonina è sconsigliato nelle persone che soffrono di alcune patologie come:


Prima di assumere melatonina pura è dunque consigliabile sentire il parere del medico.

 

Dosaggio

La melatonina assunta sotto forma di integratore ha un dosaggio generalmente compreso tra uno e cinque milligrammi. 

La melatonina deve essere assunta sempre alla stessa ora e circa una mezz'ora prima di dormire.

 

Controindicazioni della melatonina

La melatonina è controindicata se si soffre di malattie epatiche e renali e malattie autoimmuni, cioè quelle patologie in cui l'organismo viene "attaccato" dal proprio sistema immunitario.

 

Effetti collaterali della melatonina

La melatonina può dare sonnolenza diurna, tachicardia e disturbi dell'umore: è quindi sconsigliabile l'uso della melatonina a chi assume farmaci per il cuore e per la modulazione dell'umore. Il parere del medico, in questo caso, è fondamentale. 

 

Altri articoli sulla melatonina