Genmaicha, proprietà e benefici

Il tè verde giapponese genmaicha - detto anche tè pop corn - è una bevanda a cui è aggiunto del riso bianco soffiato e tostato. Di qualità pregiata, è adatto anche per i bambini in virtù del basso contenuto di teina.

genmaicha-tè-giapponese

Credit foto
©Maksym Kapusta /123rf.com

Il Genmaicha è un tè verde di origine giapponese. L’etimologia del suo nome ne indica una caratteristica peculiare: Genmai significa riso, cha significa tè. 

 

Si tratta di un tè, generalmente il Bancha a cui è aggiunto del riso bianco soffiato e tostato, una sorta di tè pop-corn come qualcuno l’ha definito. La qualità più pregiata prevede l’utilizzo di riso mochi, anche se generalmente viene utilizzato il riso comune, l’uruchimai.

 

Le leggende sull’origine del tè verde Genmaicha si sprecano, ce ne sono davvero tante e fantasiose.   

 

Quella più verosimile narra che in passato l’acqua per motivi igienici venisse fatta bollire prima di essere bevuta. Per renderla più gustosa anche per i bambini veniva aggiunto del riso tostato. A questo uso era stato aggiunto del tè bancha e alla fine era stato creato un tipo di tè, il Genmaicha appunto. 

 

Proprietà del Genmaicha

Il tè Genmaicha risulta un infuso di colore giallo chiaro, limpido dall’aroma intenso, fresco, erbaceo con note di riso soffiato. 

 

Il sapore è sicuramente particolare, ne è esaltato il gusto di tostato che addolcisce il tè e richiama il sapore della nocciola. Necessita di pochissimo zucchero per essere consumato e si accompagna piacevolmente a pietanze salate.

 

La base è data dal tè verde Bancha, con un tenore molto basso di teina, quindi adatto anche ai bambini.
Il tè verde giapponese possiede proprietà antiossidanti, grazie alla ricca presenza di catechine. Nel manuale “Lo Zen e l’arte di bere il tè” si legge “[…] Il tè è la medicina per serbare la salute dei santi; essa ha
la meravigliosa capacità di estendere gli anni della propria vita. Crescendo sui monti e nelle valli, accoglie in sé lo spirito della terra. Coloro che colgono [e bevono] quest’erba vivranno a lungo…

 

Il Tè Bancha possiede proprietà alcalinizzanti del sangue, è un tè digestivo, depurativo facilitatore della funzionalità epatica, ed è un coadiuvante delle diete poiché accelera il metabolismo. E’ un apportatore di vitamina A, di calcio, ferro e fluoro

 

Benefici del Genmaicha

I benefici del Genmaicha sono ascrivibili a quelli del tè Bancha naturalmente.

 

E’ una bevanda che apporta innumerevoli benefici all’organismo: la limitata presenza di teina ne consente un consumo superiore alla norma e può essere bevuto anche dai bambini.

 

> Ricco di sali minerali e vitamine esercita azione remineralizzante, utile sia per la crescita dei bambini sia per il mantenimento della densità ossea negli anziani.

 

> Favorisce la digestione e può essere consumato durante i pasti sia tiepido sia freddo.

 

> Nei cambi di stagione è un efficace coadiuvante detossinante, aiuta a depurare fegato e reni e facilita la diuresi, con effetto sgonfiante.

 

> Risveglia il metabolismo basale: associare il tè Genmaicha a un’alimentazione ipocalorica è utile in caso di dieta per il controllo del peso.

 

> Considerate le sue proprietà antiossidanti, contrasta la formazione di radicali liberi, aiuta a rigenerare le cellule dell’organismo e mantenerle efficienti.

 

> Utile in caso di lieve anemia, il tè Bancha aiuta a equilibrare i livelli di ferro e agisce da energizzante. 

 

La preparazione del Genmaicha

Per gustare un buon Genmaicha è importante che le infusioni nell’acqua ben calda siano brevi: le scuole di pensiero sulla preparazione del tè, che in Giappone è un vero e proprio rito, consigliano 5 g di miscela per 150 ml d’acqua a 90° C e minimo tre infusioni, la prima della durata di 30 secondi, la seconda di 10 secondi, la terza e successive ancora di 30 secondi. 

 

Il Genmaicha in ogni caso risulterà sempre gradevole anche se si procede in modo diverso perché il profumo da pop corn copre eventuali deroghe alla norma. 

 

Il tè bancha, qualche curiosità

Il Genmaicha è tè Bancha con riso tostato: il tè bancha è un tè verde giapponese molto pregiato e merita di essere conosciuto un po’ di più.

 

Esistono due tipologie di tè Bancha: hojika e kukicha. La prima variante, lo hojika è ottenuta dalle foglie mentre la seconda, il kukicha, dai rametti tostati della pianta invecchiata almeno di tre anni. 

 

La raccolta per la lavorazione del Bancha avviene a fine stagione, in modo da consentire una corretta maturazione delle parti e una degradazione della componente in teina.

 

La preparazione delle due varianti di tè Bancha avviene con modalità differenti:

 

> il tè Bancha Hojicha si prepara per infusione, con acqua molto calda intorno agli 80°/90°C;

 

> il tè Bancha Kukicha si prepara in decotto, facendo bollire i rametti per una decina di minuti. 

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio