Le proprietà dell'olio di ricino

L’olio di ricino, ricco di acido ricinoleico, è un potente lassativo, utile anche come ristrutturante per capelli e ciglia. Scopriamone le proprietà, le modalità d'uso e le controindicazioni.

olio-di-ricino

Credit foto
©Pakdara / 123rf.com

L’olio di ricino è un olio vegetale ottenuto dalla spremitura a freddo dei semi della pianta Ricinus communis, della famiglia delle Euphorbiaceae. Ricco di acido ricinoleico, un acido grasso insaturo, è noto da sempre per le sue proprietà lassative.

 

Caratteristiche dell’olio di ricino

L’olio di ricino è caratterizzato da un odore intenso, un’alta densità vischiosa e un colore tra il giallo e il marrone.

 

Racchiude in sé una composizione acidica complessa formata da acido palmitico, acido stearico, acido oleico, acido linoleico, acido alfa-linoleico, acido ricinoleico e acido arachico. Tale composizione giustifica le sue proprietà e i suoi impieghi sia per depurazione dell’organismo sia in ambito cosmetico.

 

Il sapore e l’odore non sono gradevoli né al palato né all’olfatto. 
La sua particolare affinità alle componenti cheratiniche lo rende un prodotto elettivo per tutti gli annessi corporei, come capelli, ciglia e unghie, per i quali espleta azione rafforzante, rinfoltente e idratante. 

 

Proprietà dell’olio di ricino

L’olio di ricino è conosciuto da sempre per le sue proprietà fortemente lassative e in tempi passati è stato usato anche come strumento di tortura.

 

L’azione depurativa intestinale è ascrivibile alla presenza di acido ricinoleico, che viene liberato una volta processato dagli enzimi digestivi. Una minima parte viene assorbita dall’intestino, mentre quella restante rimane nei tratti intestinali del digiuno e dell’ileo e agisce come fosse un sapone che crea una barriera e impedisce l’assorbimento di acqua e sali minerali. Questo comporta un aumento di fluidi nel lume intestinale con la conseguente sollecitazione allo svuotamento in poche ore di feci semiliquide. 

 

L'olio di ricino è conosciuto anche per le sue proprietà rinforzanti, ristrutturanti e ammorbidenti, efficaci in caso di capelli secchi, sfibrati e tendenti a spezzarsi. È largamente utilizzato per rinforzare e dare volume alle ciglia e per favorire la ricrescita delle unghie. Tali proprietà sono legate alla presenza di minerali, vitamina E, Omega 6 e Omega 9, la cui azione ontiossidante limita la degenerazione della cheratina

 

Possiede anche proprietà antibatteriche e antimicotiche, sfruttate dall’industria farmaceutica per la produzione di prodotti farmaceutici a uso topico.

 

Controindicazioni dell’olio di ricino

L’olio di ricino non è un prodotto di semplice utilizzo e può presentare effetti collaterali e controindicazioni:

 

> malassorbimento a livello gastrico;
> dolori addominali;
> nausea o vomito;
> crampi muscolari;
> aritmia;
> rash cutanei e prurito.

 

La sua assunzione è sconsigliata in caso di sindrome da colon irritabile, in stato di gravidanza e allattamento per principio precauzionale e se si stanno assumendo farmaci salvavita, poiché potrebbe alterarne l’assorbimento.

 

Leggi anche

Come rinforzare le ciglia in modo naturale

Dai semi di ricino, l'olio delle ciglia e dei capelli