Articolo

Tintura madre di curcuma, gli usi

La tintura madre di curcuma si usa per contrastare l'invecchiamento, come protettore dell'orgamismo e per combattere le infiammazioni: scopriamo tutti gli usi di queste gocce d'oro

Tintura madre di curcuma, gli usi

La tintura madre di curcuma è un preparato che si ottiene per macerazione a freddo in solvente idroalcolico della radice essiccata della pianta di Curcuma longa. Dall'azione depurativa, coleretica e colagoga, la tintura madre di curcuma è usata cura di malattie come l'Alzhaimer e il Parkinson. Scopriamola meglio.

 

Preziosa come la curcuma

 

La curcuma, rizoma giallo oro, nota anche come "zafferano orientale" o "zafferano delle Indie", oltre ad essere un potente antiossidante e antinfiammatorio naturale, svolge anche un'azione depurativa, coleretica e colagoga, utile qundi per il fegato e la colecisti.

La tintura madre di curcuma fa sue le stesse proprietà della pianta, aiutando ad eliminare infezioni e batteri, stimolando il fegato ed esercitando una discreta azione ipocolesterolemizzante. Vediamo più da vicino i suoi molteplici effetti benefici.

La curcuma è usata anche sotto formai di oleolito di curcuma, utile per ringiovanire la pelle e far splendere i capelli.

 

Consigli d'uso della tintura madre di curcuma

L'assunzione della tintura madre di curcuma viene consigliata per i casi seguenti:

  • Per contrastare infezioni batteriche o virali, secondo le più recenti ricerche incrementando persino l'azione di alcuni antibiotici o antibatterici
  • Come antinfiammatorio, agisce rinforzando il sistema immunitario, in particolare monitorando e contrastando l'insorgenza di infezioni gastrointestinali
  • Come antiossidante, contrastando i radicali liberi e favorendone l’eliminazione, determinando una notevole azione antinvecchiamento
  • Come antispastico, soprattutto in caso di dolori e spasmi intestinali
  • Come cardio protettore, prevenendo ipertensione e coagulazione del sangue, quindi anche utile per fluidificare il sangue
  • Come coadiuvante nella terapia di regolarizzazione e metabolizzazione dei grassi e del colesterolo, importante è quindi la sua zione ipocolesterolemizzante.
  • Come digestivo e anticarminativo naturale: la curcuma ha effetto coleretico, aiuta cioè il fegato a produrre la bile, con conseguenti effetti digestivi

In più, la tintura madre di curcuma aiuta ad eliminare le infezioni alle vie urinarie e recenti studi hanno sottolineato il potere curativo della curcuma anche per l'artrite reumatoide e come alleato in terapie antitumorali.
 

Scopri anche come coltivare la pianta di curcuma

 

Modalità di somministrazione della tintura madre di curcuma

In genere si prescrivono 20 gocce di tintura madre di curcuma diluite in poca acqua prima dei pasti principali se impiegata come aperitivo, dopo i pasti per favorire la digestione; 40 gocce diluite in poca acqua 2 volte al giorno si usano invece come antinfiammatorio.

Si sottolinea l'importanza di seguire il parere di un medico o di uno specialista prima di assumerla, specialmente in caso di gravidanza, allattamento o se si presentano disordini gastrici e si soffre di problemi legati alla coagulazione del sangue.

 

Un po' di storia

Per le sue proprietà benefiche e curative la curcuma è tradizionalmente impiegata sia nella medicina ayurvedica, che nella medicina tradizionale cinese, in particolare è utilizzato come integratore alimentare naturale per la capacità di contrastare i processi infiammatori all'interno dell'organismo.

Il principio attivo più importante è la curcumina, che recenti studi hanno dimostrato avere proprietà antitumorali, perché capace di bloccare l'azione di un enzima ritenuto responsabile dello sviluppo di diversi tipi di cancro; si sarebbe dimostrata altresì utile utile per la cura di malattie come l'Alzhaimer e il Parkinson, specie se assunta in unione alla piperina del pepe nero o alle catechine del tè verde. Olio essenziale, polisaccaridi, vitamina C sono gli altri i principi contenuti nella curcuma.

La tintura madre di curcuma si compra on line, più raramente in parafarmacie o nelle erboristerie. Un flaconcino di estratto idroalcolico da 50ml costa circa 10 euro.

 

Curcuma: prezzo e dove si compra