Articolo

Mirto: i suoi valori nutrizionali e benefici

I valori nutrizionali del mirto ne fanno una pianta ottima per le vie respiratorie e un antisettico naturale: ecco come sfruttarne al meglio i benefici

Mirto: i suoi valori nutrizionali e benefici

Forse non tutti sanno che della pianta del mirto non si butta via niente: foglie, fiori e bacche, tutte le sue parti sono preziose per qualche motivo, persino dal legno si ricavano piccoli utensili.

Dai bianchi fiori si estrae una profumata essenza che si usa in campo cosmetico; le foglie, oltre che per insaporire varie pietanze, vengono utilizzate nella preparazione di tisane e infusi; le bacche, che si consumano fresche, appena colte, sono comunemente impiegate per realizzare il tipico liquore che dalla pianta prende il nome.

A rendere il mirto un prezioso antiossidante naturale è il mirtolo, un olio essenziale dal sapore tipico.

Le bacche e le foglie di mirto contengono anche acido citrico, vitamina C e acido malico.


Leggi anche Mirto e mirtillo​​​​​​ >>​

 

Valori nutrizionali e benefici del mirto

I valori nutrizionali del mirto lo rendono un alimento prezioso, ricco di proprietà benefiche, sia per l'interno che per l'esterno dell'organismo, e poco calorico: 100 grammi di bacche apportano solo circa 20 calorie.

Le sostanze prezione che contiene lo rendono un prodotto ideale per apportare beneficio alle prime vie respiratorie, per cui tisane e decotti a base di foglie di mirto sono molto indicati.

Inoltre anche l'olio essenziale viene consigliato come coadiuvante nella cura di bronchiti, in aromaterapia e per farne suffumigi.

Sempre durante la stagione invernale, viene assunto come stimolante del sistema immunitario, per aiutare l'organismo a contrastare virus e batteri.

Questa sua azione antisettica si esplica anche a livello topico, per il cui il mirto viene utilizzato in campo cosmetico, come olio essenziale insieme a un olio vettore, per esempio, nella cura di acne, in risciacqui per le gengiviti, per le pelli sensibili e come detergente intimo.

Studi e ricerche ancora in corso dimostrerebbero altresì la sua validità come antitumorale, nonché regolatore dei livelli di colesterolo e di zucchero nel sangue. Infine, come è noto grazie al liquore, il mirto aiuta nel processo digestivo.

Non si segnalano particolari controìndicazioni, se non, come accade del resto anche per altre erbe, l'uso eccessivo dell'olio essenziale, sconsigliato in gravidanza e ai bambini al di sotto dei due anni.

 

Dove trovare il mirto

Il mirto è un sempreverde originario delle zone mediterranee, come Sardegna e Corsica. Si possono raccogliere le bacche da novembre a gennaio, le foglie sempre, mentre i fiori si trovano durante l'estate.

Se non si ha la fortuna di vivere in quelle zone, è possibile ordinarlo presso erboristerie ben fornite o acquistarlo on line.

Anche se non ci troviamo nell'ambito di medicinali, per un uso corretto ed efficace del prodotto è sempre bene affidarsi ai consigli di uno specialista o di un medico.


Curiosità: L'"Acqua degli angeli" è un'essenza tonificante e astringente che si ricava dai fiori del mirto.

 

Il mirto tra i frutti antichi e dimenticati di gennaio