Articolo

Genziana per depurarsi

La genziana è una pianta spontanea che cresce nelle zone montane. Apprezzata nella preparazione di liquori e in erboristeria con proprietà digestiva, vediamo come utilizzarla per un'azione depurativa.

genziana-per-depurarsi

Credit foto
©Christa Eder / 123rf.com

Caratteristiche della genziana

La genziana è una pianta erbacea perenne che appartiene alla famiglia delle Gentianaceaea. Il nome scientifico è Gentiana lutea ed è chiamata anche genziana maggiore o genziana gialla.

 

La genziana è una specie che cresce nelle aree montuose dell’Europa centrale e meridionale tra i 1000 e 2500 metri. La pianta della genziana presenta un caule eretto e foglie opposte, larghe ed ellittiche, con 5-7 nervature longitudinali. 

 

D’estate la genziana produce grandi fiori gialli che formano una specie di pannocchia e da cui si sviluppa poi il frutto, una capsula ovale e acuminata.

 

La droga della genziana è rappresentata dalla radice essiccata, che viene raccolta  alla fine dell’estate e quando la pianta ha circa cinque anni di età.

 

Tradizionalmente, la radice di genziana è usata come amaro, eupeptico, tonico e per stimolare l’appetito. La genziana è inoltre utilizzata in liquoreria.

 

Genziana, proprietà e uso

La genziana contiene principi amari detti iridoidi, un trisaccaride amaro caratteristico chiamato gentianosio e un alcaloide.

 

Tra le proprietà della radice di genziana vi è la capacità di stimolare le papille gustative e di aumentare il flusso salivare e le secrezioni gastriche

 

La genziana ha anche proprietà coleretiche e favorisce le secrezioni bronchiali. L’azione della genziana è attribuita alle sostanze amare in essa presenti.

 

L’assunzione di genziana è consigliata per stimolare l’appetito, favorire la digestione, contrastare il senso di pienezza e il gonfiore addominale

 

La genziana non rappresenta quindi un rimedio per depurasi ma è indicata soprattutto in caso di dispepsia, quindi in caso di digestione lenta o difficile.

 

La genziana è somministrata sotto forma di tintura o estratto fluido e generalmente la dose giornaliera corrisponde a 2-4 grammi di droga essiccata.

 

La radice di genziana è considerata sicura ma non è consigliata in caso di ulcera gastrica e duodenale e nelle persone con ipertensione.