Articolo

Moringa oleifera: aiuto naturale per la disfunzione erettile

La disfunzione erettile è un disturbo che affligge circa il 10% della popolazione generale e che può salire fino ad oltre il 50% con l’aumentare dell’età. Il rimedio naturale grazie alla Moringa oleifera.

Moringa oleifera: aiuto naturale per la disfunzione erettile

Le ultime stime riportano che in Italia gli uomini affetti da impotenza, o in generale, da problemi erettivi, sono tre milioni circa, ovvero il 10-15% della popolazione maschile. La disfunzione erettile è definita da molti, sbagliando, impotenza. 

Con il termine impotenza, invece, gli andrologi si riferiscono un ampio ventaglio di disturbi sessuali quali: il deficit dell'erezione, dell'eiaculazione e della fase orgasmica.

La Moringa oleifera riesce ad intervenire in maniera profonda garantendo la risoluzione dei problemi nella maggior parte dei casi, così come numerosi studi clinici riportano.

 

Come si manifesta il problema

Un problema dell'erezione si ha quando, pur avendo combinati desiderio e relazione interpersonale giusta, non si ha un giusto flusso di sangue al pene con conseguente scarsa rigidità e riduzione o assenza dell’erezione. 

Esistono diversi tipi di disfunzione erettile: alcuni persone presentano l’incapacità di avere l’erezione fin dall’inizio del rapporto sessuale, altri hanno un’adeguata erezione e poi perdono la tumescenza provando la penetrazione, infine altri hanno un’erezione sufficientemente valida per la penetrazione, ma perdono la tumescenza prima o durante le successive spinte.

Alcuni uomini affetti da impotenza sessuale riescono ad avere l’erezione solo durante la masturbazione o al mattino, tanto che, anche le erezioni masturbatorie possono ridursi pur trattandosi di un fenomeno decisamente raro.

Negli ultimi anni sono stati condotti diversi studi per appurare quanto i problemi erettivi potessero essere di origine psicologica e quanto no. Da tali studi è risultato che, oltre il 50% dei casi valutati, avevano una patologia di natura organica causata da carenza di testosterone o per un eccesso di ormoni inibitori come la prolattina. Questi studi hanno annullato la precedente idea che vedeva, nel 90% dei casi, una motivazione di origine psicologica. 

 

Come avviene un'erezione

Due sono i processi fisici che provocano erezione: 

  • il primo è dovuto ad una stimolazione psicologica e la mediazione avviene dal centro dorso lombare; 

  • il secondo è legato ad una sollecitazione riflessa dell’organo maschile e la mediazione avviene dal centro sacrale a livello midollare

Nella fase dell’erezione, la muscolatura si rilassa aumentando l’afflusso di sangue arterioso che  rimane intrappolato nei corpi cavernosi.

L’eccitazione maschile coinvolge la testa, alcuni ormoni, i nervi, i muscoli e vasi sanguigni. La disfunzione erettile, quindi, può essere causata da ognuno di questi elementi, così come lo stress ed i problemi di igiene mentale possono causare, o comunque ampliare, il quadro complessivo. A volte, invece, è un mix psico-fisico, per esempio un piccolo problema fisico, che rallenta la risposta, può generare ansia nel mantenere l’erezione.

La Moringa oleifera già a questo livello risulta essere una valida alleata possedendo tutti i nutrienti necessari a ripristinare l’equilibrio psico-fisico. Donando maggiore benessere e più sicurezza, permette la dissolvenza delle componenti psicologiche che gravano, con un peso specifico importante, sui problemi erettili.

 

Quali sono le cause dell'impotenza

Le cause dell’impotenza sono diverse e comprendono fattori organici, in particolare problemi circolatori e neurologici, e fattori psicologici, in particolare l’ansia da prestazione.

È importante quindi, effettuare uno scrupoloso esame medico, con l’obiettivo di sincerarsi dell’assenza di cause organiche, per poi passare agli aspetti psicologici, che solitamente incidono significativamente.

Il manifestarsi di erezioni spontanee notturne ed al mattino, ovvero la capacità di raggiungere e mantenere l’erezione durante la masturbazione, sono prove del fatto che non vi siano cause organiche di disfunzione erettile, ma che il problema sia di natura psicologica e, come tale, vada affrontato con una terapia comportamentale specifica.

Cause organiche:

  • Patologie cardiache

  • Aterosclerosi

  • Pressione alta

  • Diabete

  • Obesità

  • Sindrome metabolica

  • Morbo di Parkinson

  • Sclerosi Multipla

  • Testosterone basso

  • Malattia di Peyronie con sviluppo di tessuto cicatriziale nel pene

  • Determinati farmaci

  • Tabagismo

  • Alcolismo e altre forme di abuso di sostanze

  • Trattamenti per il cancro alla prostata o per ingrandimento della prostata

  • Interventi chirurgici o lesioni che colpiscono l’area pelvica od il midollo spinale.

 

Cause psicologiche:

  • Depressione

  • Stress

  • Stanchezza

  • Problemi relazionali dovuti a stress, scarsa comunicazione od altre preoccupazioni

 

Fattori di rischio:

  • Diabete o problemi cardiaci,

  • Tabagismo, che riduce il flusso di sangue a vene e arterie

  • Sovrappeso, specialmente l’obesità

  • Trattamenti medici, come interventi chirurgici sulla prostata o radioterapia per cancro

  • Lesioni, in particolare se danneggiano i nervi che controllano le erezioni

  • Farmaci, inclusi gli antidepressivi, antistaminici e farmaci per trattare l’ipertensione, il dolore od il cancro alla prostata

  • Condizioni psicologiche come stress, ansia o depressione

  • Abuso di alcool o di altre sostanze

  • Andare in bicicletta per lungo tempo, a causa della compressione dei nervi in grado di influenzare il flusso di sangue al pene.

 

Come diagnosticare l'impotenza

Un problema dell'erezione genera paura ed ansie e la prima visita copre un'importanza delicata nel determinare un rapporto di fiducia tra medico e paziente.

È fondamentale la chiarezza ed una dettagliata descrizione del disturbo e trasferire se questo va ad aggiungersi al calo del desiderio, a difficoltà dell'eiaculazione o all’orgasmo complicato.

In questi casi è consigliabile una ricerca ematochimica con dosaggio del testosterone e della prolattina. Gli esami medici che ci permettono di escludere le cause organiche sono:

  • Erettrometria notturna, per verificare la presenza di erezioni notturne;

  • Dosaggi ormonali, prolattina e testosterone, che possono influire sulla reazione erettiva;

  • Cavernosografia - Eco-doppler penino - arteriografia per valutare le disfunzioni vascolari;

  • Evocati sacrali, per valutare l’integrità delle vie nervose implicate nella reazione erettiva;

  • Test alla papaverina, vale a dire l’iniezione nel pene di una sostanza vasodilatatrice che permette di valutarne il funzionamento.


Come curare la disfunzione erettile

Oggi è possibile intervenire per risolvere la maggior parte dei disturbi. Sul mercato sono disponibili farmaci che compensano le sostanze di cui l'organismo è carente oppure inibiscono l'attività di ormoni in eccesso.

Nelle forme più gravi di patologia dell’erezione, dove i farmaci non sono efficaci, si può ricorrere alla chirurgia vascolare. La strada da percorrere sembra essere nuovamente quella naturale. La Moringa oleifera, infatti, agisce da inibitore della fosfodiesterasi di tipo 5 (PDE-5), enzima che trasforma in metaboliti inattivi la guanosina monofosfato ciclico (cGMP), una sostanza che induce la muscolatura liscia a rilassarsi, provocando un afflusso di sangue dalle arterie al pene, con il conseguente ingrossamento del corpo cavernoso. Inoltre, grazie al suo potere antiossidante, permette la perfetta assimilazione di vitamine e proteine donando all’organismo un giusto apporto amminiacidico, oltre ad una elevata protezione cellulare.

La Moringa oleifera è l’unica pianta che contiene oltre 92 nurtienti, 46 antiossidanti, 36 antinfiammatori, omega 3-6-9 e 19 amminoacidi, rendendola il Superfood per eccellenza con un punteggio ORAC di 157,600. Gli studi sulla disfunzione erettile riportano, in prima battuta, l’esigenza di ripristinare il benessere psicofisico sia se le carenze dipendono dall’utilizzo di farmaci, sia che le cause vadano ricercato in cattivi stili di vita o periodi di affaticamento.

Gli studi riportano anche che la corteccia della pianta ha evidenziato anche un’utilità nei confronti dei soggetti che soffrono di eiaculazione precoce e riduzione della produzione di sperma. Inoltre, le proprietà tonico-adattogene delle Moringa, permettono all’uomo di ritrovare energia e resistenza, senza corrieri rischi cardiocircolatori, principale conseguenza dei farmaci. Infine, la Moringa aiuta a combattere il diabete ed i problemi metabolici, patologie che rientrano tra le principali cause organiche della disfunzione erettile.

 

Moringa oleifera e allattamento al seno