Articolo

Alitosi, alimenti da evitare e dieta giusta

L’alito cattivo è un disturbo fastidioso, che può mettere a disagio e influire negativamente sulla vita sociale. Vediamo come combattere l’alitosi con la dieta e gli alimenti giusti.

Alitosi, alimenti da evitare e dieta giusta

L’alitosi è un disturbo più comune di quanto si pensi; circa la metà delle persone ne soffre, almeno periodicamente, in maniera più o meno marcata.

Se l’alitosi non è di natura patologica, quando, cioè, non è secondaria a una malattia, molto si può fare con una corretta igiene orale e con la dieta giusta.

 

Alitosi, quali alimenti escludere dalla dieta

Le principali cause di alitosi transitoria sono una scorretta igiene orale e il consumo di alimenti che la favoriscono.

Influiscono negativamente sull’odore dell’alito tutti i cibi che appesantiscono la digestione:

  > zucchero bianco, dolciumi e bevande zuccherate;
  > carni rosse, affumicate, e insaccate;
  > eccesso di latticini e formaggi stagionati o molto saporiti;
  > tutti i prodotti troppo raffinati;
  > le fritture.

Altri alimenti che possono causare alito cattivo sono aglio, cipolla, porro e spezie.

Per combattere l’alitosi è consigliabile limitare moltissimo il consumo di caffè e alcolici, compresi vino e birra.

Una delle comuni cause di alitosi è il fumo di sigarette; di conseguenza, chi vuole avere un alito fresco non dovrebbe fumare.

 

I rimedi naturali per l'alitosi per una bocca a prova di bacio

 

Aglio e alitosi

L’aglio, si sa, non favorisce un buon odore dell’alito e infatti lo abbiamo appena citato tra gli alimenti che possono causare alitosi.

L’aglio, però, è molto salutare e sarebbe un peccato escluderlo completamente dalla dieta per via del suo cattivo odore.

Che fare allora? Bisognerebbe abbinarlo agli alimenti giusti. È stato infatti osservato che limonata, tè verde, menta, prezzemolo e, in generale, i cibi ricchi di polifenoli aiutano a neutralizzarne l’odore; contengono, infatti, enzimi in grado di accelerare la rottura dei composti solforici che ne sono alla base.

 

Alitosi, la dieta ideale e gli alimenti giusti per combatterla

Per prevenire l’alitosi e combatterla, è consigliabile seguire una dieta equilibrata e sana, privilegiando il consumo di cereali integrali, proteine facilmente digeribili (per esempio uova e pesce fresco di piccola taglia), frutta e verdura di stagione.

Quando l’alitosi è dovuta a un’eccessiva acidità di stomaco bisognerebbe però far attenzione a limitare anche il consumo della frutta, che potrebbe fermentare, contribuendo, in questo modo, al disturbo.

Sempre tra i frutti, però, esistono alimenti molto utili a mantenere un alito fresco; le fragole, per esempio, contengono xilitolo, una sostanza che aiuta a prevenire la formazione di placca dentale. Le mele crude, invece, eliminano dalla bocca componenti che conferiscono un odore sgradevole all’alito, quali, ad esempio, il solfuro di allile.

Un rimedio naturale, semplice ed efficace per combattere l’alitosi consiste nel masticare qualche fogliolina di menta piperita fresca; tenerne una piantina sul balcone può essere dunque una pratica idea salva-alito.

Ovviamente, indipendentemente dalla dieta, se non si cura l’igiene orale non si può combattere l’alitosi. Oltre a tenere sempre puliti i denti e, più in generale, il cavo orale, è importante recarsi periodicamente dal dentista per una pulizia più accurata e per un controllo che escluda la presenza di carie. 

 

Ecco 10 semplici regole di igiene orale

 

Per approfondire:

> Tutti i rimedi per l'alitosi