Cheilite: sintomi, cause e rimedi

La cheilite è un’infiammazione delle labbra causata da diversi fattori. Può manifestarsi con secchezza, arrossamento o desquamazione dolorosa. La naturopatia può contribuire alla cura insieme a una terapia farmacologica.

cheilite

Credit foto
©Sergey Kolesnikov / 123rf.com

La cheilite è un’infiammazione delle labbra e può manifestarsi con secchezza, arrossamento, desquamazione dolorosa. Il coinvolgimento parziale o totale di queste mucose nello specifico può riguardare:

 

> l’area intorno alle labbra, dove il tessuto è epiteliale;

 

> la vera e propria mucosa labiale, quindi il labbro;

 

> il bordo delle labbra, detto zona di transizione tra la parte cutanea e la mucosa; 

 

> gli angoli della bocca, definiti commissure labiali, uno o entrambi.

 

Cheilite, le forme

L’infiammazione delle labbra può essere di diversa natura, innanzitutto acuta oppure cronica, inoltre esistono forme diverse più o meno severe, che sottendono cause differenti.

 

> Cheilite comune, che si manifesta semplicemente con labbra screpolate di veloce risoluzione.

 

> Cheilite angolare, la cosiddetta “boccarola”, che prevede un arrossamento intenso e screpolature con simili tagli ai lati della bocca.

 

> Cheilite allergica, infiammazione delle mucose o degli angoli per contatto con allergeni che entrano in contatto con la bocca.

 

> Cheilite attinica, dovuta all’esposizione solare, è causata dalle radiazioni ultraviolette, si manifesta con gonfiore e rossore iniziali e poi desquamazione e croste. Può essere molto pericolosa se non curata e
degenerare.

 

> Cheilite atopica, una dermatite atopica che colpisce le labbra e si manifesta con taglietti, secchezza, screpolature, e prurito/bruciore. L’aspetto insidioso è dovuto al fatto che questa forma di cheilite induce a bagnarsi frequentemente la bocca con la lingua e quindi a impedire una risoluzione rapida del disturbo. 

 

Cheilite, le cause

Le cause, come si può evincere dalle varie forme di cheilite, sono diverse, pur portando alla stessa manifestazione infiammatoria.

 

Oltre a quelle da esposizione solare e ipersensibilizzazione ai raggi ultravioletti, vi sono agenti attivi che possono essere causa della cheilite: 

 

> Infezioni provenienti da agenti micotici, come la candida albicans, annidata in bocca e trasmessa sulle mucose esterne attraverso la salivazione; batteri come stafilococchi, streptococchi e virus come l’herpes simplex che determina la cheilite erpetica, la cui manifestazione è data da vescicole umide e dolorose. 

 

> Carenze immunitarie: in caso di immunodeficienza o semplicemente di abbassamento delle difese immunitarie dovuto a stanchezza, stress o in seguito a cure farmacologiche, alcuni microorganismi si trasformano in agenti patogeni e possono intaccare le mucose, come le labbra e manifestare cheilite.

 

> Carenze nutrizionali: l’avitaminosi è una delle cause più diffuse di cheilite angolare. Carenza di vitamine del gruppo B, come la B6 e la B12 o di minerali come il ferro, sono generalmente alla base di manifestazioni infiammatorie alla bocca. Anche condizioni di  malnutrizione, anoressia, malassorbimento dovuto a celiachia, morbo di Crohn possono essere causa di cheilite.

 

> Reazioni irritative e allergiche: sostanze irritanti dovute a prodotti cosmetici di bassa qualità come rossetti, detergenti, dentifrici o allergeni contenuti in oggetti metallici, in particolari spezie, in alimenti.

 

> Cure farmacologiche: dopo terapie farmacologiche importanti con antibiotici o cortisone, se protratte per lungo tempo possono manifestare infiammazioni delle labbra, per riduzione della salivazione, secchezza di bocca e labbra.

 

> Malattie dermatologiche autoimmuni: alcune patologie autoimmuni come lupus eritematoso, psoriasilichen possono essere concausa di cheilite.

 

Cheilite, rimedi

Il dermatologo deve innanzitutto diagnosticare come tale questa infiammazione, attraverso una visita e una ricerca microbiologica per identificare la causa scatenante la cheilite e approntare la corretta terapia. 

 

La naturopatia può essere uno strumento a supporto della cura farmacologica, per accelerare i tempi di remissione e aiutare il soggetto a lenire la parte. Può aiutarci:

 

> burro di cocco: applicare burro di cocco per idratare e nutrire le labbra e le aree coinvolte da cheilite. E’ consigliabile avere mani pulite o utilizzare una palettina usa e getta per l’applicazione. Il burro di cocco possiede proprietà antisettiche, utile qualora la causa fosse di natura infettiva e in ogni caso indicato come rimedio universale a livello topico.

 

> Echinacea e astragalo: in caso di deficit del sistema immunitario è possibile aiutarsi con rimedi che ne rinforzino la risposta e aiutino ad aumentare le difese dell’organismo. L’echinacea è un immunomodulatore
che corregge gli stati depressivi del sistema immunitario e sollecita la produzione di linfociti T, di interleuchina 2, di fagociti contro elementi estranei. 

 

L’astragalo è un immunostimolante con proprietà antivirali e adattogene. Contrasta la stanchezza da stress, aiuta il rilassamento, favorisce la ripresa dopo la convalescenza.

 

> complesso vitaminico: in caso di avitaminosi, un complesso con vitamine del gruppo B, vitamina C e vitamina A e E sono utili per reintegrare e correggere le carenze. Contrastano anche forme di astenia e sono di supporto alle cure farmacologiche. 

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio