Articolo

Cervicale, come prendersene cura

Il tratto osseo e muscolare della cervicale è uno dei segmenti che più spesso risulta dolorante, a causa di posture errate, stress, traumi o artrosi. Prendersene cura significa adottare piccoli e semplici gesti come buone abitudini, ogni giorno.

Cervicale, come prendersene cura

Cervicale, un problema tante cause

Parlare di cervicale significa abbracciare sia la sezione ossea sia quella muscolare, non solo locale e ristretta quindi alla parte posteriore del collo che dalla schiena va fino alla base della nuca, ma anche quella limitrofa prossimale (spalle, torace, scapole), nonché alcuni tratti distali, quali le articolazioni di piedi e gambe, così come quelle delle braccia.

Poiché la cervicale è collegata a un insieme organizzato e indivisibile, averne cura significa avere cura del benessere di tutto il corpo.

In medicina tradizionale cinese il tratto cervicale si associa al meridiano di vescica urinaria, che percorre l'intera lunghezza della spina dorsale, laterale alle sinfisi spinose.

Solitamente il dolore alla cervicale è legato a invasione di vento, intesa come energia perversa, e come tale viene trattato: si premono i punti alla base del cranio e ai lati della colonna nel tratto cervicale, con pressioni lievi e movimenti rotatori antiorari in dispersione. Si trattano inoltre i punti sulle spalle e lungo l'inserzione del muscolo trapezio.

In medicina analogica ci sono più letture possibili dei sintomi per il tratto cervicale: la rigidità è la prima e più diretta associazione che si nota.

Schemi di pensiero fissi, eccessiva dogmaticità e tendenza al giudizio, soprattutto nei confronti di quanto è nuovo e inusuale, il non vedere alternativa e l'incapacità di dire sì o no e quindi di scegliere, possono portare a un irrigidimento della zona, a maggior ragione se la parte razionale è in contrasto con la parte emotiva.

Il collo, e quindi anche il tratto cervicale, risente di una difettosa comunicazione fra alto e basso, fra cuore e testa. Il collo si fa più forte per sostenere ciò che la testa comanda, e si irrigidisce per evitare che venga raggiunta da ciò che il cuore suggerisce. Anche una eccessiva rimuginazione può portare al dolore cervicale: il collo fatica a sostenere tanto lavorio mentale e a trasmetterlo alle braccia per renderlo concreto. E quindi fa male.

 

Leggi anche Cervicale, come dormire per ridurre l'infiammazione >>

 

Come prendersi cura della cervicale

Prevenire e migliorare i dolori cervicali è possibile. È necessario seguire una blanda attività di mobilizzazione della zona, per evitare che le posture diventino abitudinarie e si perda l'estensione del movimento reale del tratto interessato.

Riposare in caso di dolore acuto e utilizzare rimedi naturali specifici in questa fase è consigliato, ma rimanere troppo immobili non permette il recupero della funzione di articolazioni e muscoli.

Esistono molti modi per prendersi cura della cervicale, in particolare si può agire quotidianamente prima che esploda il dolore:

> yoga: non tutte le posture dello yoga sono adatte alla cervicale, ma alcune asana possono aiutare la prevenzione dei sintomi e sostenere il collo e la postura.

È necessario affidarsi a bravi insegnati e non improvvisare da soli asana che non si conoscono e che interessano il collo e la schiena, nemmeno quelle apparentemente più semplici;

> massaggi: il massaggio in generale aiuta a decontrarre tutta la muscolatura, a rilassare, e a rilasciare le tensioni sulle fasce. Anche un semplice massaggio estetico eseguito con oli può aiutare la cervicale: prestate però attenzione che la posizione con la fronte appoggiata al lettino o con il capo girato di lato non siamo protratte per troppo tempo.

La postazione più utile è quella seduta su apposita sedia ergonomica da massaggio. Lo shiatsu e il massaggio connettivale agiscono direttamente sul dolore, pur senza trattare direttamente le zone dirette doloranti.

Anche la riflessologia podalica agisce distalmente. Infine affidarsi ad un trattamento osteopatico aiuta a risolvere il dolore cervicale;

> oli essenziali: oli essenziali decontratturanti e che scaldano la zona permettono di alleggerire il lavoro muscolare e sciogliere le tensioni che causano il dolore e spesso esacerbano posture anatomiche che causano cervicalgia;

> alimentazione: una alimentazione ricca di vitamine, sali minerali, e che escluda o limiti alimenti pro infiammatori quali zuccheri, farine raffinate, carni lavorate, alcool, latticini, e alimenti processati, può aiutare il benessere generale dell'organismo e quindi diminuire la risposta infiammatoria.

Esistono antinfiammatori naturali che possono aiutare nel risolvere il dolore alla cervicale. È inoltre utile prendersi cura del proprio intestino: spesso i problemi cervicali hanno origine da una cattiva digestione e da una mobilità intestinale ridotta;

> meditazione: meditare fa bene a tutto il corpo ed è facile, rilassa la mente e distende i nervi. Si può meditare comodamente sdraiati, e non sollecitare così la colonna con posizioni sedute scomode.

Meditare aiuta inoltre a osservare il collegamento diretto tra i pensieri e la risposta del corpo, aprendoci a una più profonda consapevolezza del funzionamento della nostra “macchina”.

 

Leggi anche Consigli per dare benessere ala cervicale >>

 

Foto: Stanislav Ponomarenko / 123rf.com