Articolo

Tachicardia sinusale: sintomi, cause e cure

La tachicardia sinusale, il "cuore in gola", spesso ci sorprende e ci spaventa, ma in assenza di patologie gravi, rientra nella nostra natura e non deve farci paura

Tachicardia sinusale: sintomi, cause e cure

La tachicardia sinusale è semplicemente un aumento del battito cardiaco estemporaneo, spesso dovuto a cause facilmente riconducibili ad un cambiamento emotivo o ad uno sforzo fisico. Si definisce “sinusale” perché coinvolge il battito imposto dal nodo seno atriale.

Quando da fenomeno episodico inizia a diventare invece sintomo ricorrente oppure se i battiti aumentano in misura superiore ai 180 al minuto è bene sottoporsi ad accertamenti seri e scrupolosi, poiché la causa potrebbe essere di natura patologica.

Ipertiroidismo, anemia, embolia polmonare, ischemia e insufficienza cardiaca possono essere cause da accertare in tempi rapidi.

 

Cause della tachicardia sinusale

Rimanendo in un ambito di competenza naturopatica, prendiamo in esame casi di innalzamento del battito fisiologici e quindi le possibili cause di tachicardia, che possiamo imparare a gestire con rimedi semplici e del tutto naturali.

 

Tachicardia sinusale e sport

Quando pratichiamo un’attività sportiva, da semplici dilettanti senza non molto allenamento, il primo effetto che avvertiamo è il respiro corto, l’affanno e il cosiddetto “cuore in gola”. Provate ad andare in piscina dopo una lunga pausa di inattività e a cimentarvi in una o due vasche: sembrerà di morire colti da un infarto!

In realtà l’esercizio a cui ci siamo sottoposti ha richiesto un incremento di ossigeno non solo per la respirazione modificata dall’ambiente acquatico, ma anche per i muscoli che sollecitati a movimenti inusitati necessitano di maggiore irrorazione e ossigenazione.

Lo stesso se ci cimentiamo nella corsa: le prime volte avremo pulsazioni molto alte, respiro affannato e cuore “a mille”. Con un allenamento costante e controllato anche il battito varierà perché avremo allenato il muscolo cardiaco e l’effetto tachicardico sarà modulato di conseguenza.

 

Tachicardia in gravidanza, cause e rimedi

 

Ansia e Stress e tachicardia sinusale

Ansia e stress sono due fattori dei tempi moderni che ci colgono spesso alla sprovvista e possono modificare in modo così repentino il nostro stato emotivo tanto da influire sul ritmo cardiaco e indurre un aumento del battito incontrollato e incontrollabile lì per lì, per cui avvertiamo una sensazione al cardiopalmo che ci condiziona e imbriglia.

Cuore in gola, rossore in viso, sudorazione fuori controllo, pensiero confuso, respirazione affannata. Se i “sintomi” poi ci travolgono e pensiamo di stare per essere colti da un malore la reazione peggiora ulteriormente. La nostra sfera emotiva a volte è subdola e non ci difende, anzi amplifica situazioni stressogene e ci rende ancor più vulnerabili.

È il caso di dire che in queste situazioni dobbiamo imparare a respirare! Chi è consapevole di essere sensibile a reazioni emotive incontrollate dovrebbe iniziare ad approcciarsi allo yoga, allo studio di come utilizzare la respirazione per governare le proprie emozioni.

Esistono molte classi di pranayama e pratyahara che insegnano a gestire il flusso respiratorio, il battito cardiaco, le visualizzazioni positive per star meglio con se stessi e con gli altri.

 

Febbre e tachicardia sinusale

Quando la nostra temperatura corporea aumenta per uno stato febbrile, può accadere che anche il nostro battito si alteri a tal punto da percepirne la variazione.

Il nostro organismo in questi casi sta spesso contrastando un’infezione e un’infiammazione, quindi si sta sforzando a livello fisiologico per difenderci da attacchi patogeni e anche il cuore apporta maggiore ossigeno ai vari distretti coinvolti, con un surmenage che può indurre uno stato tachicardico.

In questi casi bisogna solo attendere e lasciare che il sistema immunitario combatta la sua battaglia, senza ansie: non stiamo per avere un infarto!

 

Cure e rimedi contro la tachicardia sinusale

Abbiamo già accennato prima a come possiamo gestire episodi tachicardici non preoccupanti. Approfondiamo meglio alcuni rimedi, soprattutto in caso di sforzo da sport e ansia e stress.

  • In ambito sportivo è bene pianificare con accuratezza gli allenamenti, mai strafare ai primi approcci e se l’intenzione è quella di fare i supereroi in una sola performance, meglio lasciar perdere: sarebbe un inutile stress a cui sottoponete il vostro fisico, con effetti sicuramente dannosi.
  • La gestione dello stress e dell’ansia deve essere una scelta consapevole e mirata e come già detto la respirazione è lo strumento con cui controllare le nostre reazioni. Molti di noi non sanno respirare, malgrado sia la prima attività della nostra vita e una delle ultime alla nostra morte. Ci sono molti corsi che nascono dallo yoga che insegnano a respirare in maniera corretta e addirittura ad utilizzare il respiro per incanalare le nostre energie e potenziare le nostre attività. Alcuni stadi avanzati dello yoga come i già citati pranayama e pratyahara sono molto validi ed efficaci per liberarci dalla schiavitù di stati emotivi invalidanti. E’ fondamentale trovare buoni maestri ed evitare i ciarlatani. Rivolgetevi ad associazioni con background consolidati che sapranno consigliare tutor specializzati.

 

Il biancospino per la cura della tachicardia sinusale

Non può mancare un aiuto dalla farmacia della natura che in caso di “effetto sorpresa” ci consenta di ristabilire i giusti equilibri. È il caso del biancospino, un rimedio prezioso per sedare gli attacchi di ansia, le aritmie e la tachicardia.

Il biancospino, grazie alla vitexina esercita un effetto calmante e anche sedativo, molto utile in caso di insonnia. Il gemmoderivato è la soluzione più indicata, poiché è un macerato glicerico pronto all’uso: 30 gocce in poca acqua 3 volte al giorno.

L’unica controindicazione: abbassa la pressione. Attenzione quindi per coloro che pur soffrendo di tachicardia sinusale hanno la pressione sanguigna bassa.

 

Scopri di più sull'uso del biancospino per la tachicardia

 

 

 

Per approfondire:

> Tachicardia ventricolare: sintomi, cause, rimedi 
> Tachicardia parossistica: sintomi, cause e rimedi

> Cuore, disturbi e rimedi naturali