Articolo

Sintomi della pressione bassa: intervenire con l'alimentazione

Se soffrite di cali di pressione otre a prestare attenzione, vi sono rimedi ed accorgimenti che possono giovare.

Sintomi della pressione bassa: intervenire con l'alimentazione

Meglio averla bassa che alta” mi disse una volta il mio medico curante. Anche se, dati i sintomi poco gradevoli, la pressione bassa non riempie proprio di energia le nostre giornate!

Facciamo un passo indietro: la pressione sanguigna – ovvero la forza che il sangue pompato dal cuore esercita contro le pareti delle arterie - negli adulti, per essere considerata normale, deve essere inferiore ai 120/80 mmHg.

Quindi si parla di pressione bassa o meglio di ipotensione quando la pressione è inferiore ai 90/60 mmHg.

Che fare quindi in presenza dei sintomi di pressione bassa? Come intervenire con l’alimentazione?

 

Sintomi della pressione bassa

Il corpo umano ha recettori specializzati nel monitorare i cambiamenti anche lievi della pressione sanguigna: speciali cellule presenti nelle arterie sono in grado di avvertire se la pressione aumenta o diminuisce e possono indurre l’organismo a riportarla alla normalità.

Per esempio se si passa troppo in fretta dalla posizione sdraiata a quella in piedi, la pressione può abbassarsi bruscamente, le cellule avvertono la diminuzione e subito si attivano affinché il sangue continui ad affluire al cervello, ai reni e agli altri organi principali. Se invece l’organismo non è in grado di ripristinare i corretti valori pressori, si può sviluppare un permanente stato di ipotensione, o pressione bassa.

Alcuni pazienti hanno sempre la pressione bassa, non manifestano alcun sintomo e per loro è una situazione normale. Per altri invece, l’abbassamento della pressione è brusco e può essere causato da determinati diversi fattori o patologie. 

In questi casi i sintomi tipici della pressione bassa sono:

> Senso di non stabilità con vertigini o capogiri;
> visione offuscata;
> svenimento;
> palpitazioni,
> nausea;
> senso generale di confusione;
> problemi di concentrazione;
> debolezza, stanchezza e senso di confusione mentale.

 

Leggi anche Pressione bassa, cosa mangiare >>

 

Nel caso invece di ipotensione ortostatica, i sintomi si verificano alcuni secondi o minuti dopo che ci si è alzati in piedi provenendo da posizione seduta o sdraiata; ci si può sentire sul punto di svenire oppure si può svenire davvero. Un’altra forma di ipotensione ortostatica, detta ipotensione postprandiale, consiste nel brusco calo della pressione dopo i pasti.

Colpisce soprattutto gli anziani oppure chi soffre di ipertensione o di disturbi del sistema nervoso centrale, come il morbo di Parkinson. Dopo un pasto infatti, l’intestino richiama una grande quantità di sangue per la digestione e se la frequenza cardiaca non aumenta a sufficienza per mantenere la pressione, questa può diminuire fino a causare sintomi.

Tra i sintomi della ipotensione ortostatica ricordiamo:

> Capogiri o vertigini, nausea;
> visione confusa;
> confusione, debolezza.

In questo caso i sintomi scompaiono se ci si siede o ci si sdraia per alcuni minuti, permettendo così alla pressione di ritornare alla normalità.

 

Pressione bassa: intervenire con l'alimentazione

Episodi di pressione bassa sono un disturbo frequente soprattutto nella stagione estiva quando le giornate sono calde e quando, paradossalmente, sono maggiormente disponibili proprio quei cibi che possono aiutare ad alleviare il disturbo.

Scopriamo quali sono gli alimenti adatti, che consentono l’apporto di alcuni sali minerali (potassio e magnesio) dal ruolo fondamentale nella regolazione dei meccanismi della pressione:

Sale, per il suo elevato apporto di sodio.
> Banane e albicocche secche, per il loro elevato apporto in potassio.
> Cereali integrali e frutta secca soprattutto mandorle, per il loro elevato apporto in magnesio.
> Caffè, poiché favorisce l’attività del cuore (ha azione vasodilatatrice), accresce l’ampiezza e la frequenza della respirazione.
> Tè verde e cioccolato fondente, grazie alla presenza di epicatechine, che regolano la flessibilità dei vasi sanguigni.
> Liquirizia: aumenta la pressione del sangue grazie ai principi attivi in essa contenuti (glicirrizina).

 

Consigli per una corretta alimentazione in caso di pressione bassa:

> Fare pasti leggeri;
> in caso di caldo, bere molta acqua, tenere alta la quantità di sali minerali nella dieta, stare al fresco e lavarsi o fare impacchi con acqua fredda per un effetto di vasocostrizione;
> fare pasti equilibrati e a basso carico glicemico. Infatti oltre al caldo la pressione bassa può essere data da un calo glicemico, cioè ad un abbassamento rapido degli zuccheri nel sangue.

 

Leggi anche Liquirizia per la pressione bassa >>

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio