Articolo

Green washing, di cosa di tratta

Il green washing è un fenomeno in crescita ed è legato a quelle strategie di marketing di un brand volte a dare un’immagine sostenibile di sé, non supportata da azioni concrete a favore dell'ambiente.

green-washing

Credit foto
©Andriy Popov / 123rf.com

Green washing: cos’è

Il termine green washing è un neologismo coniato negli anni '90 e deriva dall’unione di green, inteso come ecologico, e whitewashing, cioè imbiancare, nascondere.

 

Con il termine green washing si indica, quindi, la strategia di comunicazione di alcune aziende, volta a dare un’immagine ingannevolmente eco-friendly della propria attività.

 

Il green washing è un fenomeno in crescita: questa pratica si è infatti diffusa in modo particolare negli ultimi tempi, poiché i consumatori sono sempre più attenti all’impatto ambientale delle loro scelte e tendono a rivolgere i loro acquisti verso aziende che producono in modo sostenibile.

 

Di conseguenza, la strategia di marketing di alcune aziende ha puntato a dare un’immagine aziendale ingannevolmente attenta alle tematiche ambientali, attraverso l’uso di parole, colori e packaging che richiamino nei clienti un’idea di sostenibilità.

 

In realtà si tratta di una sorta di pubblicità ingannevole, poiché dietro l’aspetto green non ci sono azioni concrete a sostegno di tale immagine. 

 

Coe difendersi dal green washing

Difendersi dal green washing non è semplice. Per prima cosa occorre valutare l’azienda nel suo complesso, cercando di capire se le dichiarazioni relative all’impegno ambientale sono radicate nella sua storia imprenditoriale o meno.

 

Grazie a internet è possibile cercare informazioni riguardo ai produttori ed esaminare quali siano le azioni concrete che tali produttori portano avanti per salvaguardare l’ambiente. 

 

Molte società si stanno concentrando sull'utilizzo di energia da fonti rinnovabili, che realizzano prodotti usando materiali di recupero, riciclati o riciclabili, attente ai diritti dei lavoratori o che finanziano progetti di sviluppo sostenibile: non è difficile reperire informazioni sulle azioni concrete di un produttore. 

 

Uno strumento utile per valutare la serietà delle imprese è assicurarsi di sapere se si tratta di B-CORP, società che nel proprio statuto dimostrano l'interesse di portare avanti valori nell'ambito del sociale e della preservazione ambientale.

 

Se un prodotto espone marchi o certificazioni in etichetta, è bene controllare di che tipo di certificazioni si tratta e valutarne la serietà.

 

Infine, rivolgersi a piccole realtà può essere utile a difendersi dal green washing, poiché in questo caso è possibile conoscere direttamente il produttore ed eventualmente chiedere a lui direttamente in che modo la sua azienda di impegna a favore dell’ambiente.