Articolo

Silicio organico per l’artrosi

L'artrosi è un appuntamento con l'età che segna un cambiamento degenerativo, a volte invalidante. Le articolazioni subiscono una perdita di elasticità per il consumo delle cartilagini e per un ispessimento osseo doloroso. Il silicio organico può essere una buona risposta e la sua integrazione ha carattere preventivo.

Silicio organico per l’artrosi

Artrosi, tutti vorremmo rimandarla in là nel tempo il più possibile. Come si può fare? Scegliendo i giusti rimedi per mantenere elastiche le articolazioni.

In realtà dovremmo pensare a tutto il nostro organismo come un apparato da allontanare dall’irrigidimento e allenare all’elasticità, cervello compreso!

 

Artrosi? No, grazie

L’artrosi è una patologia degenerativa che colpisce le articolazioni, con progressivo danneggiamento delle cartilagini e formazione di tessuto osseo indiscriminato.

Questo processo porta dolore e limitazione nei movimenti, micro e macro. Le porzioni ossee interessate sono generalmente l’articolazione dell’anca e del ginocchio, le dita delle mani e dei piedi con deformazioni più o meno importanti.

E’ facilmente comprensibile che con l’usura del tempo, con l’età, l’artrosi è un appuntamento che può essere segnato nell’agenda di tutti.

Perché allora non sfruttare semplici strumenti naturali che consentono di mantenere il nostro organismo in buone condizioni e supportare il tempo che passa? Un po’ come facciamo con l’automobile, con gli elettrodomestici di casa, utilizziamo per tempo rimedi che possano “disincrostare” le articolazioni, mantenerle pulite ed elastiche e poter dire quindi “artrosi? No grazie”.

Il silicio organico è esattamente ciò che può aiutare le giunture a mantenersi efficienti, da assumersi preventivamente. Vediamo di cosa si tratta.

 

Leggi anche Artrite psoriasiaca, sintomi e cura >>


Silicio organico? Sì, grazie

Per silicio organico si intende un minerale presente nel nostro organismo, nell’apparato scheletrico, in quello cardiovascolare, in quello ghiandolare e nei tendini, coinvolto in processi metabolici di ricambio cellulare, per l’elasticità del tessuto connettivo, delle pareti venose, delle membrane.

Il silicio diventa un elemento indispensabile il cui consumo per assorbimento aumenta sempre più con l’avanzare dell’età e se non opportunamente integrato risulta insufficiente a sostenere le funzionalità della nostra struttura.

In particolar modo l’apparato scheletrico, in caso di carenza di silicio, vede l’indebolimento osseo, l’aumento di porosità, fragilità cartilaginea, ispessimento articolare, ma anche circolatorio, indebolimento dei denti e dei capelli.

Comprendiamo facilmente l’importanza di questo elemento e fortunatamente la natura lo mette a nostra disposizione sia attraverso l’alimentazione, sia attraverso integratori davvero preziosi.

E’ un minerale facilmente assorbibile, non presenta pericoli di sovradosaggio, anzi non manifesta effetti collaterali o controindicazioni e quindi possiamo prevenire o ritardare di molto l’appuntamento con l’artrosi.

A dire il vero, L’EFSA e tutto il mondo scientifico non si pronuncia sulle reali virtù curative del silicio, infatti non è classificato come medicinale, ma come integratore, quindi acquistabile facilmente in erboristeria e nei negozi che trattano prodotti naturali.

 

Le fonti di silicio

Come possiamo approvvigionarci di silicio? In commercio esistono integratori specifici di silicio organico, per remineralizzare la densità ossea, per contrastare l’artrosi, per elasticizzare le cartilagini e per rafforzare capelli e unghie.

L’assunzione di silicio organico favorisce l’assorbimento della vitamina D.
Esistono interessanti quote di silicio nelle patate, nelle cipolle, nell’avena e cereali integrali in genere, nel cavolfiore, nella buccia della frutta.

In erboristeria possiamo utilizzare l’equiseto standardizzato in silicio, utile in caso di osteoporosi, artrosi. Possiede proprietà diuretiche ed è efficace nel ridurre la presenza di acido urico, quindi può essere utilizzato anche per prevenire la formazione di calcoli renali, se di quella costituzione.

 

Leggi anche Artrosi e artrite, le differenze >>

 

Foto: belchonock / 123rf.com