Articolo

La candida: cause, sintomi, rimedi

L'infezione da candida non è come il raffreddore: non "si prende", perché l'abbiamo già. Vediamo allora le cause, i sintomi e i rimedi per curarle

La candida: cause, sintomi, rimedi

Si, l'argomento non è tra i più gradevoli. Ma, chi l'ha avuta lo sa, nemmeno l'infezione da candida è tra le esperienze più piacevoli della vita: bruciore, prurito, perdite nelle parti intime, oppure il "mughetto" dei bambini.

Tutto riconducibile a un lievito che abitualmente risiede nel nostro intestino, senza fare danni; quando però prende il sopravvento, provoca i ben noti sintomi.

Conosciamo meglio questa infezione: vediamo cause, sintomi e rimedi della candida.

 

La candida: le cause

Ricordiamolo ancora: in ognuno di noi ci sono piccole colonie di candida, naturalmente presenti nella nostra flora batterica intestinale. E innocue. La candidosi, o infezione da candida, si ha invece quando queste piccole colonie si ingrandiscono e diventano molto più numerose.

La candida non è qualcosa che "si prende" come accade per i virus: ce l'abbiamo già! Pertanto le cause della candidosi vanno ricercate in tutto ciò che fa crescere queste colonie, sbilanciando l'equilibrio con tutti gli altri "ospiti" della flora batterica intestinale.

La comunità scientifica ha solo di recente riconosciuto la valenza medica dell'infezione da candida come vera e propria malattia, indicando come cause una serie di fattori relativi a stile di vita ed alimentazione.

 

Le cause della candida: la dieta

La candida si nutre di zuccheri e carboidrati in generale meglio se raffinati (bianchi), che contribuiscono anche a diminuire le difese immunitarie, con l'impossibilità a far fronte alla infezione stessa da candida. Per lo stesso motivo, persone con diabete non correttamente curato o compensato, possono soffrire di candidosi.

 

Le cause della candida: gli antibiotici

Le cure antibiotiche distruggono gran parte della flora batterica intestinale, deputata, tra le altre cose, a difendere l'organismo dalle "invasioni esterne", Ccndida inclusa.

 

Le cause della candida: lo stress

Lo stress fa aumentare la produzione di cortisolo da parte delle ghiandole surrenali: il cortisolo causa una depressione del sistema immunitario e contemporaneamente innalza i livelli di zucchero nel sangue. Entrambe le situazioni come abbiamo visto, favoriscono la proliferazione della candida.

 

Le cause della candida: la pillola anticoncezionale

La pillola anticoncezionale contiene spesso estrogeni di sintesi, i quali promuovono lo sviluppo delle colonie di candida.

 

Prurito intimo: le cause e i rimedi

 

La candida: i sintomi

Spesso i sintomi della candida sono subdoli o riconducibili anche ad altre patologie. Di seguito un breve elenco dei principali (diciamo che ci si deve preoccupare quando sono presenti più sintomi contemporaneamente e se persistono nel tempo, cronicizzando):

  • Mal di testa, difficoltà di concentrazione, scarsa memoria, irritabilità
  • Stanchezza
  • Desiderio di dolci, soprattutto a fine pasto (è la candida che ha fame!)
  • Problemi digestivi, reflusso acido, nausea, diarrea, crampi allo stomaco, feci con muco
  • Problemi alla pelle: acne, dermatiti, eczemi, infezioni fungine alle unghie
  • Patina bianca sulla lingua, alitosi
  • Tosse persistente, mal di gola, sinusite, sintomi influenzali
  • Eccessiva sensibilità degli occhi alla luce, dolore e infezioni agli occhi o alle orecchie
  • Infezioni ricorrenti all'apparato gemito-urinario, sindrome premestruale, irregolarità mestruali
  • Aumento delle allergie o sensibilità a cibi o profumi o altre sostanze chimiche
  • Difficoltà a perdere peso, ritenzione idrica

 

La candida: i rimedi

Indagando le cause della candida, abbiamo portato già alla luce i rimedi possibili, da utilizzare contemporaneamente, in sinergia. Eccoli riassunti:

  1. Modificare la dieta, abolendo l'alcool, gli zuccheri raffinati e i carboidrati raffinati in generale
  2. Disintossicare il corpo, con abbondanti insalate, verdura cotta e cruda, centrifugati
  3. Diminuire la frutta
  4. Ripristinare la flora batterica, con fermenti lattici ma anche cibi fermentati (miso, kefir, yogurt )
  5. Utilizzare antifungini naturali: semi di pompelmo, olio di cocco, olio essenziale di origano, aglio, zenzero, cannella, curcuma, gel di aloe vera

Ricordiamo che le cure farmacologiche con farmaci anti-fungini possono avere scarsi risultati se non accompagnate da variazioni dello stile di vita, che dovrebbero essere definitive, ovvero mantenute anche dopo la guarigione.

Candidosi e vaginite: quali differenze?

 

Per approfondire:

> Candida, i rimedi naturali omeopatici