Articolo

Sintomi della candida, come riconoscerli

La candida è sempre presente nel nostro organismo. Quando però prende il sopravvento dà una sintomatologia molto fastidiosa.

Sintomi della candida, come riconoscerli

I bambini piccoli hanno “il mughetto”, e spesso alle loro mamme (ma non solo a loro) viene la candida.

Forse non tutti sanno che l’origine dell’infezione è la stessa, e che tutto parte dall’intestino, passando attraverso le nostre difese immunitarie. Vi sono differenti tipologie di infezione da candida, che si manifestano con sintomi diversi. Vediamo di riassumere in un unico prospetto quali sono i sintomi della candida e come riconoscerli.

 

Cos'è la Candida

La candida è un micete, ovvero un fungo, abitualmente residente nel nostro corpo come parte della normale flora batterica, poiché vive in simbiosi con l'organismo umano, partecipando alla digestione degli zuccheri.

Quando però il sistema immunitario non è più in grado di controllarne la proliferazione - specie in particolari circostanze tra le quali uso di antibiotici e cortisonici, umidità, macerazione cutanea, malattie debilitanti, diabete mellito - la candida si trasforma in un patogeno opportunista, ovvero dà origine a infezioni, chiamate candidosi.

Le candidosi delle mucose riguardano il cavo orofaringeo, l’area vaginale e l’intestino.

Nelle persone con sistema immunitario gravemente compromesso, si può sviluppare un' infezione sistemica, in cui la candida si diffonde attraverso il sangue in uno o più organi, con effetti simili a quelli della setticemia. In questi casi è necessario il ricovero ospedaliero.

Esistono varie tipologie di candida:

> albicans;
> torulopsis;
> tropicalis;
> rhodotorula.

 

Le varie tipologie di differenziano sia in relazione ai sintomi, sia in rapporto alla reazione ai farmaci utilizzati per la terapia.

Nel nostro Paese la forma più comune è quella della candida albicans.

 

Leggi anche Come prevenire la Candida >>

 

Sintomi della candida: come riconoscerli

 Il tipo di sintomi provocati dalla candida dipende dalla localizzazione dell’infezione: può colpire la vagina (si parla di vulvovaginite), il cavo orale (causando il mughetto) o la pelle (specie nelle pieghe cutanee e attorno alle unghie). Nei pazienti immunodepressi può avvenire una diffusione ematica con complicanze potenzialmente molto gravi. Nel caso in cui la persona è portatrice delle spore del fungo, ma non avverte alcun disturbo si parla di candidosi asintomatica.

Ecco come riconoscere i principali sintomi della candida:

Sintomi della candidosi nell’uomo: secrezioni di colore biancastro, arrossamento, dolore, prurito e bruciore localizzati soprattutto sul glande e sul prepuzio. L’infezione prende il nome di balanite.

Sintomi della candidosi vaginale: prurito intenso, perdite vaginali “a ricotta”, dolore durante i rapporti, ulcere a livello perineale, difficolta e dolore ad urinare. Un colore più scuro delle secrezioni denota la presenza delle spore del fungo. Sulla cute all'esterno della vagina, fino alla base delle cosce, alle natiche e alla radice della schiena, si possono manifestare chiazze rosse. La candidosi vaginale cronica invece è contraddistinta da una costante secchezza vaginale, arrossamento e desquamazione. La forma cronica è spesso generata da trattamenti terapeutici non corretti o dalla resistenza a specifiche famiglie di farmaci

> Sintomi del mughetto, o candidosi del cavo orale: bruciore alla bocca e alla lingua, e dolore alla deglutizione, gengive bianche, lingua ingrossata, gialla o bianca o rivestita da una patina bianca, placche in gola

Sintomi di candidosi delle unghie: infiammazione dei tessuti delle unghie, soprattutto dei piedi. Si manifesta con deformazione dell'unghia e a cambiamenti della sua colorazione, che dapprima assume tonalità giallognole per poi diventare sempre più grigiastra.

Sintomi della candida rari ed aspecifici: stanchezza, dolori e indolenzimento delle articolazioni, diarrea e acne

Sintomi della sindrome da candidosi: sbalzi di umore e difficoltà di concentrazione e di memoria.

 

In caso di dubbi, rivolgetevi sempre al vostro medico di fiducia.

 

Leggi anche Flora batterica intestinale: come prendersene cura >>