Violetta, caratteristiche e coltivazione

Viole e violette sono piccole piante molto apprezzate per la delicatezza dei fiori e possono essere coltivate in vaso o nelle aiuole dei giardini.
Resistenti, semplici da curare e disponibili in un grande numero di sfumature, le violette fioriscono nei mesi invernali per diverso tempo, rendendo balconi e giardini vivaci anche nella stagione fredda.

violetta-caratteristiche-e-coltivazione

Credit foto
© Olga Miltsova - 123RF

 

Violetta, caratteristiche e coltivazione

Le violette comprendono una grande varietà di piante erbacee annuali o perenni diffuse anche allo stato spontaneo, nelle zone ombreggiate dei boschi e lungo i corsi d’acqua. 

Viole e violette appartengono alla famiglia delle Violacee, che conta circa 500 specie differenti, caratterizzate da foglie cuoriformi e da fiori di piccole e medie dimensioni. Le violette più conosciute sono sicuramente la Viola tricolor, nota anche come viola del pensiero, la Viola odorata o viola mammola dai fiori profumati, e la Viola hortensis, rustica e con fiori particolarmente grandi.  

I fiori delle violette si aprono alla fine dell’inverno e hanno generalmente due petali che puntano verso l’alto e tre petali verso il basso. In base alla varietà, possono presentare diverse sfumature di viola o blu ed essere o meno profumati.

Le violette sono piantine molto resistenti e possono essere coltivate in vasi da sistemare all'aperto su balconi o terrazzi oppure collocate direttamente a terra in giardino. 

Quando vengono piantate in giardino, le violette tendono a diffondersi attraverso gli stoloni, creando interi prati di foglie e fiori.
 

Come coltivare le violette in giardino

Per coltivare le violette è possibile partire dai semi o da piccole piantine e la coltivazione può essere effettuata in piena terra. 

Se si parte dai semi, questi possono essere collocati nel terreno a partire da giugno e fino a settembre, mentre le piantine vanno messe a dimora dall'inizio dell’autunno alla primavera, collocandole a una distanza di circa quindici centimetri l’una dall'altra. 

Le violette sono piante rustiche che non temono il freddo. Il luogo ideale in cui sistemare le violette è all'esterno, ad esempio ai piedi di alberi e arbusti a foglie caduche, così che durante i mesi freddi possano godere del sole, mentre d’estate saranno protette dal fogliame e potranno rimanere all'ombra e al fresco.

Per quanto riguarda il tipo di terreno, la violetta non ha particolari esigenze: le è sufficiente un neutro o calcareo.
Durante la stagione fredda, generalmente non occorre nemmeno irrigare le violette, poiché  le precipitazioni bastano a garantire la giusta quantità di acqua alle violette. Nei mesi più caldi, invece, le violette hanno bisogno di annaffiature frequenti e abbondanti.

 

Come coltivare le violette in vaso 

La coltivazione delle violette in vaso è assai semplice e richiede poche accortezze in più rispetto alla coltivazione in piena terra.

Per prima cosa, occorre scegliere con attenzione il terriccio, optando per un terriccio per piante fiorite mescolato a terra di campo. Sul fondo del vaso, meglio sistemare uno strato di argilla espansa per drenare l’acqua. 

Il vaso andrà poi collocato in una zona soleggiata d’inverno e ombreggiata d’estate, sempre all’esterno dell’abitazione. 
Rispetto alla coltivazione in piena terra, la coltivazione in vaso richiede irrigazioni anche durante i mesi invernali se la pianta non è raggiunta dalla pioggia: è importante che la terra non sia mai del tutto asciutta.

Per garantire la giusta umidità è possibile sistemare delle cortecce sopra alla terra del vaso, tra le foglie delle violette. 
Quando le radici delle violette riempiono completamente il vaso, le piante vanno trasferite in un contenitore di dimensioni maggiori. Il rinvaso si effettua dopo la fioritura, verso aprile o maggio.
 

Come curare le violette

Le violette sono piante molto resistenti e autonome e richiedono pochissime cure.
Per stimolare la crescita della pianta è però consigliabile eliminare fiori e foglie appassite e concimare le piantine.

Le concimazioni si effettuano ogni due settimane dall’inizio dell’autunno e fino ad aprile sia che la violetta sia coltivata in vaso  sia che cresca in piena terra. 
Se coltivate in terra è molto raro che le violette siano attaccate da parassiti o sviluppino malattie: in primavera possono però essere mangiate dalle lumache dopo le piogge

Quando sono coltivate in vaso, irrigazioni errate ed eccessiva umidità possono portate a malattie come l’oidio o muffa grigia. In questi casi, è necessario eliminare le parti danneggiate della pianta e posizionare la violetta in una zona meno umida. 

In piena terra può essere necessario controllare la diffusione della violetta che può essere rapida e invasiva e creare in breve tempo una fitta rete di radici che rende poi difficoltosa la messa a dimora di altre piante. 
 

Curiosità sulle violette 

Nel linguaggio dei fiori la violetta è simbolo di timidezza, pudore e innocenza: il significato deriva forse dal fatto che la ninfa Io rifiutò il corteggiamento di Apollo e lui la trasformò nella violetta, fiore casto e pudico. 

Le violette simboleggiano però anche la profondità dei sentimenti, la tenerezza e la paura di dichiararsi, dunque regalare un mazzo di violette indica un timido amore che non riesce a esprimersi a parole.

Le violette sono molto utilizzate in profumeria, cosmesi e in fitoterapia: già nel Medioevo questa piantina era usata per preparare tisane contro la tosse e il raffreddore e ancora oggi i fiori e i rizomi della violetta sono impiegati negli sciroppi emollienti ed espettoranti.

 

Leggi anche

Ortensia: caratteristiche e coltivazione

Tulipano: caratteristiche e coltivazione

Iris: caratteristiche e coltivazione

Ciclamino: caratteristiche e coltivazione

Orchidea: caratteristiche e coltivazione

Peonia: caratteristiche e coltivazione