Argilla espansa, cos'è e come si utilizza

L’argilla espansa è un materiale naturale impiegato in diversi ambiti, tra cui il giardinaggio. Grazie alle sue proprietà drenanti e isolanti, è utile per la coltivazione delle piante in vaso e in idroponica e per la pacciamatura.

argilla-espansa

Credit foto
©mikeosphoto / 123rf.com

 

 

Cos’è l’argilla espansa e dove si trova

L’argilla espansa è un materiale naturale molto utilizzato in giardino per le sue proprietà drenanti e isolanti.

 

Si presenta sotto forma di sfere di piccole dimensioni, leggere, porose e resistenti, di colore grigio marrone o rossastro e a pH neutro. Le sfere di argilla espansa si ottengono grazie alla cottura ad alte temperatura di diversi tipi di argille, che vengono poi sminuzzate e lavorate per conferire la forma rotondeggiante.

 

Trattandosi di un materiale naturale al 100%, il suo utilizzo è consentito anche in agricoltura biologica. Normalmente l’argilla espansa viene venduta negozi di giardinaggio e fai da te, anche online e il suo prezzo è abbastanza variabile: un sacco da 10 litri di prodotto va generalmente dai 5 ai 10-15 euro.

 

Poiché il processo produttivo dell’argilla espansa prevede alte temperature, nonché l’utilizzo in qualche caso di sostanze chimiche potenzialmente nocive e di spazi molto ampi per l’asciugatura e il raffreddamento delle sfere, il consiglio è di non limitarsi a valutare l’argilla espansa solo in base al prezzo, ma di verificare anche che sia prodotta in modo sostenibile e a basso impatto ambientale.

 

Come si utilizza l’argilla espansa per le piante

L’argilla espansa è un materiale molto utilizzato per le piante d’appartamento e in giardino. Grazie alle sue proprietà, infatti, l’argilla espansa è utile per evitare i ristagni idrici all’interno dei vasi e delle fioriere, mantenere il giusto grado di umidità nel terreno e prevenire danni alle radici causate dal freddo.

 

Oltre a garantire il drenaggio dell’acqua di irrigazione e una buona areazione del terriccio, l’argilla espansa riduce il peso dei vasi, così che questi possano essere spostati in modo più agevole durante le pulizie o quando è necessario riparare le piante d’inverno.

 

Inoltre, l’argilla espansa è impiegata anche per coltivare le piante in idroponica e a scopo decorativo. Di seguito, le indicazioni su come utilizzare l’argilla espansa per le piante.

 

Argilla espansa per drenare

Le piante coltivate in vaso o nelle fioriere temono i ristagni idrici: l’acqua in eccesso può infatti determinare marciume radicale e questo può portare alla morte della pianta. L’argilla espansa può prevenire questo pericoloso inconveniente. 

 

A questo scopo, è sufficiente disporre sul fondo del vaso uno strato di circa 5 centimetri di argilla espansa, prima di riempire il contenitore con il terriccio.

 

Argilla espansa come riserva d’acqua

Alcune piante d’appartamento coltivate in vaso hanno bisogno di molta umidità per crescere sane e rigogliose. In questo caso, disporre alcune sfere di argilla espansa all’interno del sottovaso può essere utile a migliorare il microclima, creando le condizioni ambientali ideali per il
benessere delle piante.

 

Questa soluzione è utile anche quando dobbiamo assentarci per brevi periodi, per consentire alle piante coltivate in casa di disporre di acqua durante la nostra assenza.

 

Argilla espansa per areare il terriccio

Oltre che per drenare l’acqua di irrigazione in eccesso, l’argilla espansa può essere utilizzata per garantire il giusto equilibrio tra aria e acqua nel terriccio, fondamentale per proteggere le piante in vaso dall’attacco di funghi e muffe che possono essere loro fatali.

 

Per migliorare le caratteristiche del terriccio occorre miscelare 2/3 di terra con 1/3 di argilla espansa quando di mettono a dimora le piante in giardino, orto, frutteto o nelle fioriere.

 

Argilla espansa per la pacciamatura

La pacciamatura del terreno, in vaso o in piena terra, svolge diverse funzioni. In primo luogo protegge le radici dalle possibili gelate invernali.

 

Inoltre, consente di limitare l’evaporazione dell’acqua di irrigazione, diminuendo la frequenza delle innaffiature, e previene la crescita di erbe infestanti. La pacciamatura con l’argilla espansa si effettua disponendo uno strato di circa 5 centimetri sulla superficie del terreno, in piena terra o in vaso.

 

Argilla espansa per coltivazioni idroponiche

L’argilla espansa è un’ottima soluzione anche per coltivare le piante in idrocoltura. Oltre a essere particolarmente decorativo, questo materiale durevole e riciclabile immagazzina acqua e nutrienti rilasciandoli alle piante.

 

La coltivazione idroponica può essere avviata semplicemente disponendo le piante in vasi o contenitori precedentemente riempiti con argilla espansa. Per poter controllare al meglio il livello di acqua, meglio utilizzare vasi in vetro trasparente.

 

Argilla espansa per decorare

L’argilla espansa si utilizza infine per decorare aiuole e vasi, migliorando
contemporaneamente le condizioni del substrato e prevenendo lo sviluppo di erbe infestanti in giardino. In genere a scopo decorativo si preferisce l’argilla rossiccia anziché marrone, esteticamente più gradevole. 

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio