Labrador Retriever, caratteristiche

Il Labrador è un amico sempre al proprio fianco, pronto a rendersi utile e a dare e ricevere affetto.

labrador

Credit foto
©stieberszabolcs -123rf

Il Labrador Retriever è un cane a cui manca letteralmente la parola, come si suol dire.
Di intelligenza notevole, è un soggetto che viene utilizzato oltre che come piacere per la sua compagnia, anche per la sua spiccata propensione a rendersi utile: cane da soccorso in acqua, da accompagnamento a non vedenti e disabili, da ricerca.

Origini del Labrador

Si tratta di una razza relativamente recente, riconosciuta nei primi del 1900. Non vi è documentazione certa ma è presumibile che le sue origini siano da rintracciarsi oltreoceano, sulle coste dell’isola di Terranova, in Canada, dove veniva indicato con il nome di "cane di St. John" o cane di Terranova minore. Altre fonti invece ne trovano tracce in Groenlandia, utilizzato dai pescatori dell’epoca per il recupero del pescato.

Il nome Labrador si deve al conte di Malmesbury, che in una lettera ufficiale faceva riferimento ai suoi cani come Labrador Dogs e li utilizzava per gli sport di tiro nel Regno Unito agli inizi del 1800; il territorio di Labrador si trova a nord ovest dell’isola di Terranova.

Queste terre erano state colonizzate dai pescatori inglesi nel corso del Cinquecento e utilizzavano i cani di St. John per recuperare i pesci pescati e caduti al di fuori delle reti. Avevano definito questi cani degli stakanovisti da riporto, poiché erano instancabili nel supportare i loro proprietari con il loro lavoro.

L’allevamento standardizzato di questa razza si deve ai discendenti del Conte di Malmesbury e al quinto Duca di Buccleuch che in Scozia diedero vita ad un’attività di importazione e selezione della razza.
 

Morfologia del Labrador

Il Labrador si presenta come un cane dalle forme molto armoniose e strutturate. Di taglia media può raggiungere i 57 cm di altezza al garrese. Possiede una muscolatura robusta e forte, rilevata da un torace piuttosto largo.

Anche la testa è larga ma senza guance cadenti. Il mantello si presenta di colore uniforme, folto, il pelo è corto, idrorepellente e le versioni ammesse sono nei colori, nero, miele o gold e cioccolato o fegato.

Il Labrador è un cane nuotatore, la sua linea dorsale orizzontale e la sua coda piatta lo aiutano a fendere anche le correnti più avverse e a direzionarsi come se dotato di timone.
 

Psicologia e carattere del Labrador

La dolcezza, l’equilibrio, la delicatezza nei movimenti lo rendono un cane declinabile per tutte le esigenze, dalla cura dei bambini a quella degli anziani, passando per attività di pet-therapy e aiuto ai disabili.

La sua intelligenza gli consente di essere addestrato a vari supporti all’uomo: cane da soccorso in acqua e a terra, guida per non vedenti, cane da lavoro.

L’affetto che nutre nei confronti del suo proprietario e la sensibilità di cui è dotato lo spronano a rendersi sempre utile e a compiacere la sua famiglia. E’ socievole anche con gli sconosciuti e gli altri animali, quindi poco indicato come cane da guardia. Il Labrador si adatta a vivere in appartamento senza nessun problema, ma non ama rimanere da solo per lunghi periodi.
 

Cure del Labrador

Il Labrador è un cane dalla costituzione forte con un’aspettativa di vita intorno ai 15 anni. Resiste alle temperature rigide e ai climi caldi.

La muta del pelo, pur essendo corto è un po’ impegnativa, poiché il pelo è spesso e doppio. Spazzolarlo quotidianamente in quei periodi è consigliato per arginare gli eccessi di pelo in casa.
Il Labrador tende ad ingrassare se l’alimentazione non è equilibrata e calibrata all’attività fisica, perché è molto vorace.