Beagle, caratteristiche

Il famoso bracchetto dei fumetti, Snoopy, disegnato da Charles Schulz è proprio la raffigurazione di questo segugio inglese usato per le battute di caccia in muta dei nobili.

beagle

Credit foto
©soloway -123rf

Il Beagle, conosciuto come l’ispiratore di Charles Schulz, disegnatore del cane Snoopy, è un piccolo segugio dall’aspetto caratteristico che ispira subito simpatia in chi lo guarda.

Da sempre è rinomato come cane inglese selezionato per le battute di caccia alla lepre e purtroppo anche per esperimenti di laboratorio.

Origini del Beagle

Pare che il Beagle sia il risultato di una selezione iniziata a partire dal FoxHound, di taglia ben più grande del bracchetto. Si è poi giunti alla definizione degli standard a cui si attiene la razza, anche se in merito alle taglie del Beagle ci sono state alcune varianti in passato.

Alla corte di Elisabetta I d’Inghilterra era stato selezionato un beagle di dimensioni ridotte, che arrivava a stento a misurare 25 cm al garrese, e conosciuto come Beagle Elisabeth.

Questa linea ad oggi è del tutto estinta ed eventuali selezioni di Beagle nani rientrano tra le truffe di allevatori senza scrupoli. Esiste una differenza in taglie tra Beagle di selezione inglese, più grandi e di selezione americana, più piccoli. Chi desiderasse un Beagle adulto di dimensioni ridotte deve quindi ricercare linee genealogiche provenienti dagli USA.

 

Morfologia del Beagle

Il Beagle è un piccolo segugio, altrimenti detto bracchetto, rientra tra i cani di piccola taglia appunto. Arriva a circa 40 cm al garrese e può pesare anche 16 kg. Il muso è particolarmente caratteristico, con occhi grandi e languidi e orecchie lunghe all’ingiù.

Possiede una struttura armoniosa e forte, con un collo lungo, un tronco compresso, zampe muscolose e la caratteristica coda all’insù. Il mantello a pelo corto può essere bi o tricolore, e i colori ammessi sono bianco, fulvo, nero, miele, marroncino e blu.

 

Psicologia e carattere del Beagle

Il Beagle è un cane vivace, molto socievole e dal carattere mansueto e affettuoso. Si affeziona a tutta la famiglia ed è molto adatto a fare compagnia e diventare compagno di giochi dei bambini. E’ molto sensibile e non bisogna dimenticare che nasce segugio, quindi con un istinto alla caccia che necessita di essere educato.

Il Beagle infatti può risultare un po’ testardo, il proprietario deve armarsi di tempo e pazienza per insegnargli a gestire la curiosità olfattiva e a non scappare o semplicemente allontanarsi.

Risulta essere molto accogliente anche con gli sconosciuti, quindi non è la razza migliore per fare la guardia a casa e famiglia. Socializza molto facilmente anche con gli altri animali, ama vivere in branco.

 

Cura del Beagle

Il Beagle vive tranquillamente in appartamento ma necessita di fare movimento quotidiano. Deve correre e sfogare la sua voglia di sperimentare e curiosare mosso dal suo olfatto. Una prolungata costrizione potrebbe provocargli stress.

E’ una razza tendenzialmente sana, con una buona aspettativa di vita che può protrarsi fino ai 15 anni di età.
Non richiede cure particolari grazie al mantello a pelo corto e denso. E’ invece raccomandabile porre attenzione alle orecchie e rimanendo abbassate possono accogliere parassiti ed essere soggette ad infiammazioni.