Pitbull, caratteristiche

Addestrato per combattere. La fama del Pitbull lo precede, attribuendo alla razza ben note caratteristiche di pericolosità e aggressività. Molto, in questo senso, può fare l'educazione: allevato in un ambiente amorevole, il Pitbull può riservare ai propri compagni umani un affetto, una fedeltà e una generosità inaspettati.

Cane razza Pitbull

Credit foto
©Hugo Felix / 123rf.com


 

Pitbull, origini e storia

Le origini del Pitbull risalgono all'epoca medievale e si devono all’incrocio tra le razze inglesi Old English Terrier e Old Bulldog.

Nato come cani da lavoro, ben presto si iniziò a destinarlo ai combattimenti. Tale cruenta attività finì per identificare la razza (il vocabolo inglese “pit” significa, infatti, “arena”, dal luogo in cui si svolgevano le lotte), contribuendo nel tempo a costruire una reputazione basata su aggressività e pericolosità.

La denominazione Pitbull si riferisce, oggi, all’American Pit Bull terrier, razza riconosciuta dalla federazione inglese UKC (United Kennel Club) e dalla ADBA (American Dog Breeders Association). In Italia, al contrario, la FCI (Federazione Cinologica Internazionale) e l’ENCI (Ente Nazionale Cinofilia Italiana) non hanno inserito il Pitbull nell’elenco ufficiale delle razze.


 

Morfologia del Pitbull

Il Pitbull è un cane di taglia media. Molto forte a livello muscolare, mantiene una forma asciutta, compatta ed elegante, pur essendo robusto. Di altezza compresa fra i 41 e 54 cm (con maschi leggermente più grandi delle femmine), ha un peso che oscilla fra i 15 e i 27 kg. 

La sua testa è 'cuneiforme', la sua mandibola ben sviluppata, il suo collo possente. Ha occhi chiari e intensi, orecchie non molto lunghe, che generalmente vengono tagliate.

Il pelo, duro e corto, può contemplare diversi colori: dal rosso fulvo al bianco, dal pezzato al grigio, dal nero al marrone, dall'albicocca al cioccolato. 



 

Carattere e psicologia del Pitbull

Il Pitbull è un cane fiero e forte. Socievole e molto affettuoso con il suo compagno umano, è fedele, leale e pronto a difenderlo con coraggio, anche a scapito della sua incolumità. 

Intelligente e sagace, regge bene lo stress fisico e mentale. Ha una scorta sconfinata di energia, che va incanalata opportunamente. 

Ama giocare con i bambini e viene utilizzato nell'ambito della dog therapy per aiutare le persone affette da autismo. 

Tuttavia la sua prestanza fisica, unita a un forte istinto di protezione e una buona dose di testardaggine, rende particolarmente necessario impartirgli un'accurata disciplina fin da cucciolo. 



 

Il Pitbull è pericoloso?

Negli Stati Uniti, negli anni 1980-1990, una legislazione proibiva alle famiglie di allevare dei Pitbull a causa della loro “natura intrinsecamente aggressiva e pericolosa”. Anche in Italia, per un certo periodo, i Pitbull sono stati inseriti nella lista di razze pericolose per l’uomo.

 

Tuttavia, attribuire ai Pitbull un carattere intrinsecamente feroce sarebbe ingiusto: i potenziali problemi correlati alla razza non sono da ricercarsi nel temperamento, ma nella possenza fisica e, soprattutto, nell'intento umano.

Se allevato in un ambiente affettuoso ed emotivamente stabile il Pitbull può, infatti, sviluppare serenamente il suo carattere dolce e amorevole

Trattandosi di un cane selezionato e addestrato per combattere con i suoi simili, può tuttavia sviluppare una tendenza a mordere e aggredire gli altri cani. Abituarlo fin da piccolo a socializzare - aiutandolo a sfogare la propria energia con giochi adatti allo scopo e con la giusta dose di attività fisica - potrà arginare l'eventuale problematica, contribuendo a tenerla sotto controllo.


 

Salute del Pitbull

Il Pitbull gode in genere di ottima salute

Non predisposto a particolari patologie, non richiede attenzioni specifiche, oltre ai normali controlli di routine e alla profilassi contro zecche, pulci e filariosi cardio-polmonare.



 

Come prendersi cura del Pitbull

Fermo restando l'addestramento iniziale, il Pitbull è un cane che non necessita di particolari cure:

 

  • Toeletta: il suo pelo corto permette una spazzolatura regolare, ma non impegnativa;
  • Alimentazione: la sua tendenza a ingrassare richiede una dieta equilibrata e varia, da stabilire insieme al veterinario di fiducia. 
  • Movimento: ha bisogno di praticare quotidianamente un'adeguata attività fisica, che comprenda giochi e corse all'aria aperta.



Come educare un Pitbull

Il Pitbull è un cane adatto a chi ha esperienza nel campo degli animali. Il suo temperamento fiero, unito alla sua prestanza fisica e alle sue doti di cane da guardia, richiede un'educazione attenta, fin da piccolo. 

L'intelligenza della razza rende questo cane incline a comprendere i comandi, che tuttavia non devono essere imposti, ma proposti con spirito positivo. Per sviluppare le sue doti caratteriali più dolci e affettuose, le parole chiave sono fermezza, amorevolezza e pazienza

Inserire, fin da subito, l'attività fisica necessaria a incanalare la sua dirompente energia e prevedere momenti di socializzazione con altri animali sono ulteriori espedienti utili a evitare traumi relazionali e situazioni che possono sfociare in problematiche difficili da gestire.