Pitbull, caratteristiche

La sua fama lo precede ma non tutto quanto si dice sul Pitbull è veritiero. Cane molto affettuoso con il suo proprietario, gli amanti di questi cani si stanno battendo per far riconoscere la razza anche in Italia e difenderne le caratteristiche caratteriali, ben lontane da questo alone di aggressività.

Cane razza Pitbull

Credit foto
©Hugo Felix / 123rf.com

 

Pitbull, caratteristiche

Pitbull è il nome più breve per indicare l’America Pitbull Terrier. Al momento è una razza riconosciuta solo nel Regno Unito e negli Stati Uniti, con standard differenti. 

 

In Italia invece non è stata ancora annoverata nei registri FCI ed ENCI e nell’immaginario collettivo il Pitbull rientra tra i cani aggressivi di difficile gestione, ma è una considerazione da rivedere alla luce delle caratteristiche di questo cane, sicuramente per pochi e non per tutti.

 

Origini del Pitbull

Il Pitbull dei giorni nostri è il risultato di una selezione di razze inglesi, l’Old English Terrier e l’Old Bulldog. Erano cani da lavoro, poi utilizzati in gare di combattimento, tanto in voga a fine '800. Questo uso improprio ha coronato di un’aura negativa il Pitbull, con connotazioni di aggressività, ferocia e pericolosità. 

 

Negli Stati Uniti negli anni '80 era vietato detenere questa razza ed era prevista addirittura un’ammenda poiché definita “per sua natura intrinsecamente aggressiva e pericolosa”. Gli amanti di questi cani si stanno battendo per far riconoscere la razza anche in Italia e soprattutto per difenderne le caratteristiche caratteriali, ben lontane da questo alone di criticità.

 

Morfologia del Pitbull

Il Pitbull è un cane con una struttura estremamente muscolosa e compatta. Rientra tra le taglie medie, con un peso che oscilla tra i 23 e i 27 kg e un’altezza al garrese intorno ai 54 cm. Possiede un collo taurino sul quale poggia un cranio cuneiforme da cui spicca una mandibola molto ben sviluppata. 

 

Gli occhi sono tondi e vivavi, le orecchie non sono lunghe ma spesso vengono mozzate. Il corpo è squadrato, con arti potenti. Il pelo è corto e ruvido, e sono ammessi vari colori, come il fulvo, sesamo, bianco, nero, grigio, pezzato, marrone, sabbia.

 

Psicologia del Pitbull

Come già accennato il carattere del Pitbull non è intrinsecamente aggressivo come si può credere. Si tratta di una razza molto equilibrata che come tutte riceve l’imprinting dei primi mesi. Nei contesti corretti sviluppa un carattere docile e affettuoso, molto legato al suo proprietario, addirittura amorevole nei confronti dei bambini della sua famiglia.

 

Dimostra doti di intelligenza, facile all’addestramento se ben motivato. Solo a volte un po’ testardo, ma serve un handler esperto che sappia gestirlo.

 

Cura del Pitbull

Il Pitbull però non è un cane per tutti. Chi non ha mai posseduto cani e non ha dimestichezza con l’addestramento dei cani dovrebbe pensare ad altre razze. Non necessita comunque di cure particolari, solo di interagire il più possibile con il suo proprietario, di potersi sfogare all’aria aperta in giochi e corse.

 

Un’alimentazione equilibrata per la sua stazza è fondamentale, soprattutto se vive in appartamento. Il Pitbull non è soggetto a particolari malattie specifiche, anzi è molto resistente con un’aspettativa di vita
intorno ai 10, 12 anni.

 

Negli anni passati è stato un cane “alla moda”, e questo ne ha stabilito il prezzo d’acquisto piuttosto alto, anche intorno ai 1.500 €. Esistono però dei Rescue Center dove è possibile adottarli, perché abbandonati o allontanati per esigenze familiari. Sono cani sicuri perché verificati da veterinari ed addestratori, con storie tracciabili.