Bird Gardening, che cos'è

Creare, nel proprio giardino, un habitat ideale per la nidificazione e il ricovero di alcuni uccelli: questo è il birdgardening, un modo semplice per accogliere e incentivare la biodiversità.

birdgardening

Credit foto
©Jason Wells - 123rf

Birdgardening, cos'è
Quali piante preferire per il birdgardening
Elementi decorativi per il giardino
Quali uccelli visiteranno il vostro giardino
 

 

Birdgardening, di cosa si tratta

E’ un modo per aprire gli spazi verdi della propria casa alla biodiversità, inserendo elementi naturali atti ad accogliere e proteggere insetti, uccelli e piccoli animaletti e piante specifiche che possano attirare maggiormente alcuni tipi di volatili.

Non è complicato, ma esistono alcune regole da seguire per poter arricchire di vita il proprio giardino e farlo diventare un punto d’incontro tra il regno vegetale e quello animale.
 

Quali piante prediligere?

Un elemento che non deve mancare nella pianificazione del birdgardening è la siepe. Possibilmente i sempreverdi e arbusti che producono bacche.

Le siepi sono dei ripari naturali dove gli uccelli possono nidificare e proteggersi dal freddo e da altri animali predatori. Cespugli un po’ ruvidi e selvatici come quelli di rosa canina o di cotonastro sono particolarmente adatti, con le loro bacche rosse, e i rami dal colore verde inteso attirano varie specie di uccelli, come scriccioli, pettirossi, capinere, fringuelli.

Sia il cotonastro sia la rosa canina prediligono un’esposizione soleggiata o semiombrosa e ben si adattano a qualsiasi tipo di terreno. 

Un'altra specie cespugliosa molto adatta alla realizzazione di un birdgarden è il viburno, appartiene alla famiglia delle Caprifoliaceae e pssiede una struttura molto ramificata che può raggiungere altezze considerevoli, fino a 10 metri.
Possiede foglie coriacee, frutti rossi, bacche che fanno la loro comparsa in autunno e fiori dal colore bianco o rosa, raggruppati a mazzetti. Esistono molte specie di Viburno, alcune sempreverdi altre decidue.

Per un più semplice birdgardening è meglio scegliere un sempreverde che garantisca attrazione e riparo in tutte le stagioni dell’anno e resiste alle varie temperature.

Un bellissimo arbusto che può abbellire il giradino in tutti i periodi dell’anno è la callicarpa. Dalla Primavera all’Autunno fornisce colori vivaci con il suo fogliame e la fioritura dai colori bianco, rosa e rosso, mentre d’inverno si adorna di bacche violacee, nutrimento invitante per alcuni uccelli come merli, tordi e storni.

Se ci sono muri, muretti o graticci si possono inserire rampicanti come l’edera o il caprifoglio dai fiori particolarmente profumati. Il caprifoglio è un rampicante invadente, che deve essere controllato nella sua crescita, però riempie in modo molto ricco e suggestivo spazi che necessitano di essere abbelliti. I suoi fiori attirano insetti utili come le api e la sua struttura accoglie e fornisce rifugio a merli e codirossi. 

Anche la scelta dei fiori deve essere guidata. Fiori colorati e profumati sono vettori attrattivi. La selezione di specie con fioriture alternate è consigliabile, per garantire il più possibile macchie di colore” nel birdgarden.

Per esempio la Rudbeckia, una sorta di margheritona dai colori giallo-arancione, il cui arbusto può raggiungere anche il metro di altezza, con fogliame fitto di un verde sgargiante e disposto a spirale. Fiorisce in estate ed in autunno e la sua struttura cespugliosa accoglie facilmente ospiti del regno animale.

Naturalmente condizione imprescindibile per la creazione di un giardino per le biodiversità è il non utilizzo di disinfestanti, anticrittogamici e qualsiasi altro tipo di “veleno” chimico che potrebbe nuocere a volatili, insetti o piccoli animali selvatici. 
 

Elementi decorativi per il birdgardening

Se lo spazio lo consente, creare bordure con sassi, inserire piccoli nidi, casette di legno faciliterà l’arrivo e “l’accasarsi” di varie specie di uccelli.

Non deve mancare l’elemento acqua, quindi una piccola fontanella, o in ogni caso contenitori per la raccolta dell’acqua che deve essere rinnovata con frequenza; molte specie di uccelli oltre a bere adorano lavarsi il piumaggio.

 

Quali uccelli da giardino

Una volta creato un piccolo paradiso verde, con strutture protettive e accoglienti, colori attrattivi, quali uccelli possono arrivare a vivere in questo habitat ideale?

  • Cinciallegra: uccellino colorato che cova due volte all’anno in primavera e che predilige luoghi riparati, come casette costruite dall’uomo.
  • Gufo: predatore notturno, ama stare nascosto nei cespugli e nidificare in nidi a cesto.
  • Merlo: una delle specie più diffuse, predilige aree aperte, mangiatoie. Si muove zampettando sul prato e si nasconde nei rovi, nei cespugli, nelle siepi. 
  • Passerotto: nidifica facilmente nelle casette, e cova anche tre volte all’anno. 
  • Pettirosso: preferisce nidi aperti, mangiatoie dove può osservare ciò che lo circonda. 
  • Cardellino: con il suo piumaggio colorato e il suo becco lungo e sottile, può diventare un abitante stabile del garden.

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio