Gufo, caratteristiche

Il Gufo, non così semplice da incontrare, vive nei boschi, predilige le conifere. Nell’immaginario collettivo è molto espressivo con i suoi grandi occhi e l’aria sorniona. Il verso del gufo è piuttosto riconoscibile e viene riprodotto spesso in documentari a tema o in film con ambientazioni suggestive.

gufo-reale

Credit foto
©Wolfgang Zwanzger -123rf

Gufo, caratteristiche
Tipologie di gufo
Alimentazione del gufo
Habitat del gufo
Gufo come animale domestico
Gufo, simbologie e leggende

 

Gufo, caratteristiche

La denominazione ornitologica del Gufo comune è Asio Otus, che rientra tra gli uccelli rapaci della famiglia degli Strigidi.
Il gufo è
 un rapace notturno come il barbagianni, la civetta, l’allocco, e può arrivare ad un’apertura alare di quasi un metro.

Si presenta con un piumaggio a ciuffetti, caratteristico quello sulle orecchie, dal color marrone sfumato scuro su testa, collo e ali, mentre il resto del corpo cangia in sfumature più chiare tendenti al giallo.

I colori naturali del suo piumaggio gli consentono di mimetizzarsi sui rami degli alberi o negli incavi dei tronchi, dove trova riparo. Gli occhi sono tondi e grandi, fissi, di colore arancione, con una striscia più chiara al centro e contornati da due cerchi scuri. Per poter guardare attorno a sé il gufo deve ruotare la testa che può arrivare ad un’escursione di 270 gradi.
 

Tipologie di gufo:

  • Il Gufo Reale, dalle dimensioni più grandi che può arrivare ad un’apertura alare di 2 metri circa ed è considerato il rapace notturno più grande d’Europa.
  • Il Gufo Elfo, l’esemplare più piccolo di gufo, lungo al massimo 15 cm. Esistono gufi simili anche nelle zone artiche e vengono denominati Gufo delle Nevi.
  • Il Gufo di Palude: tipico di alcune zone del Nord America
     

Il Gufo è un uccello notturno, al buio va a caccia delle sue prede per cibarsi, mentre di giorno preferisce dormire. E’ un animale sociale, spesso condivide il ramo o la tana negli alberi con altri gufi, un po’ per proteggersi un po’ per spirito di difesa e si ripropone fedele al suo gruppo nel tempo.

Lascia il gruppo quando si apre la stagione della riproduzione, che generalmente coincide con l’inizio della primavera, da marzo fino a luglio, e in questo periodo si separa dal gruppo per vivere in coppia.

Nella stagione degli amori riproduce un verso ripetitivo che si sente solo a breve distanza, mentre quando vuole delimitare il territorio il suo verso diventa più lungo, e sonoro e si riverbera come un’eco, quasi inquietante. In caso di pericolo il suono emesso è ulteriormente differente, dei sibili simili a soffi e dei rumori col rostro per attirare l’attenzione e allertare.
 

Gufo, alimentazione

Il Gufo è un rapace carnivoro. Il suo cibo è molto vario, insetti, altri uccelli, topi, serpenti, lepri sono le sue prede. Come tutti i rapaci la tecnica di caccia è quella di avvistare, planare silenziosamente e afferrare con gli artigli la sua vittima, con i quali già la dilania, poi col becco la stordisce e la divora, ingurgitata per intero. Il suo stomaco compie una sorta di sintesi, scartando ossa e pelo che vengono rigurgitati sotto forma di bolo.
 

Gufo, habitat

Il Gufo come già accennato predilige i boschi e le foreste di conifere. Cerca zone con vegetazione rigogliosa, ma anche spazi aperti per volare e cacciare. Il Gufo Reale in particolare vive anche in paesi caldi come il Nord Africa, oltre che sulle Alpi e gli Appennini del nostro Paese.
 

Gufo, come animale domestico?

Che possa essere un rapace dall'aria simpatica è fuor di dubbio e alcuni si sono posti il problema se sia possibile allevare in cattività il gufo. Si tratta in ogni caso di un animale selvatico, che necessita di particolari condizioni e nel caso chi se ne occupa deve avere una certa esperienza di rapaci.

Necessita di spazio per potersi muovere e volare. Ama procacciarsi il cibo in autonomia e le sue prede come già visto sono anche altri animali che divora per intero e questo è un aspetto da tenere in alta considerazione.

Caratterialmente il gufo è un animale abitudinario, che mal sopporta eventuali cambiamenti nella gestione, nell'ambiente che gli si riserva e questo deve essere compatibile con lo stile di vita di chi decide di "adottare" un gufo.

Nella stagione degli accoppiamenti il gufo emette versi ripetuti come richiamo, principalmente notturni.

 

Gufo, simbologie e leggende

Il Gufo è oggetto di leggende controverse. Per alcuni è simbolo di fortuna. Molti infatti amano collezionare effigi di questo rapace a simboleggiare saggezza.

Per altre credenze invece si pensa che il gufo porti sfortuna, e sia considerato addirittura uccello del malaugurio. Il termine “gufare” indica l'atto o le parole di chi possa o voglia interferire con il buon esito di una situazione.

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio