Koala, caratteristiche

Animale iconico del continente australiano, il koala è un marsupiale la cui sopravvivenza è minacciata dai cambiamenti climatici. Conosciamo l'habitat e le abitudini di un mammifero erbivoro molto amato per la sua dolcezza.

Koala Marsupiale

Credit foto
©parfenov1976 / 123rf.com

 

 

Il koala oggi

A causa di un terribile periodo di forte siccità, recentemente sia la foresta pluviale che i bush australiani hanno subito forti incendi che hanno preso di mira tra l’altro la popolazione dei koala, e molte notizie a riguardo sono regolarmente apparse sui social media e i notiziari. 

 

Questo ci ha avvicinato di nuovo a questo animale altrimenti lontano e misconosciuto sebbene iconico e inconfondibile. Come tutti gli animali originari dell’Australia anche il koala, come gli altri marsupiali, è molto differente dagli animali a cui siamo abituati. 


L’aspetto del koala

Il koala è un marsupiale erbivoro e arboricolo, specializzato nel cibarsi di foglie di eucalipto, ed è l’unico membro del genere Phascolarctos, essendo il vombato il suo cugino più prossimo. 

 

Questo isolamento genetico lo rende inconfondibile: privo di coda, testa larga con piccoli occhi, naso a cucchiaio, ciuffi bianchi che spuntano ai lati della testa, forme arrotondate, colore marrone-grigiastro. L’eucalito di cui si nutrono quasi esclusivamente, ha un apporto nutrizionale particolarmente basso, il che determina l’attitudine sedentaria e pigra del koala, una vera e propria tendenza al risparmio energetico. 

 

Per contro, le foglie di eucalipto contengono molta acqua, il che permette al koala di sopravvivere sugli alberi senza bisogno di scendere per abbeverarsi.

 

Gli antenati del koala

I primi abitanti dell’Austrialia usavano dipingere le figure dei koala nelle grotte, pertanto il suo rapporto con l’essere umano è radicato nell’antichità. Anche per questo il koala è oggi uno dei principali simboli dell’Australia

 

Assieme al vombato, è l’ultimo dei vombatiformi, tutti estinti più o meno recentemente, tra i quali si annoverava anche il leone marsupiale o Thylacoleo, una sorta di spaventoso koala carnivoro.

 

Oggi le varietà di koala più grandi non superano i 90 cm, arrivando a pesare un massimo di 15 kg, con un forte dismorfismo sessuale, in virtù del quale un individuo maschio può pesare il doppio di una femmina.

 

La pelliccia del koala è un gioiello evolutivo: la parte dorsale è altamente isolate e resistente a forti venti e sbalzi di temperatura, mentre la parte addominale, in genere bianca, è in grado di respingere le radiazioni solari, caratteristica di estrema importanza per la salvaguardia dei cuccioli protetti nel marsupio.

 

L’habitat del koala

Il koala è distribuito lungo tutta la costa est dell’Australia e nei secoli scorsi è stato introdotto anche in alcune isole dove l’eucalipto e le acacie sono presenti. Il comportamento del koala è unico e iconico come il suo aspetto. Come già descritto, si tratta di un animale che tende all’inerzia ogni volta sia possibile. Per la precisione, esso spende circa 20 ore al giorno in sonno e riposo, dedicando poi più di tre ore all’alimentazione e circa mezz’ora in scambi sociali con gli altri membri del proprio gruppo.