Intervista

I benefici della melatonina

Due esperti di fama mondiale ci spiegano i rapporti tra la melatonina e la ghiandola pineale fornendoci una lista di benefici che si ottengono grazie all'assunzione di melatonina zinco-selenio.

Melatonina

Credit foto
©lightpoet - 123RF

La melatonina: Walter Pierpaoli e Savino Marroccoli

Sono in molti a ricorrere all’uso di melatonina per contrastare vari problemi, o per meglio dire, per ridare armonia a sbilanciamenti ormonali che si traducono in disturbi di varia natura, specialmente quelli del ciclo sonno-veglia.

Proveremo a scoprirne qualcosa di più con due veri esperti del settore: il dottor Walter Pierpaoli e il dottor Savino Marroccoli.

Il primo, classe 1934, laureato in medicina e chirurgia e specializzato in cardiologia e immunologia, rivolge da subito il suo interesse alla ricerca tanto da abbandonare la clinica per diventare responsabile del CNR (Centro Nazionale Ricerche).

Da quel momento in poi la sua carriera di scienzato e ricercatore è piena di successi e di incarichi prestigiosi: Atomic energy Commision degli Stati Uniti, direttore del Laboratorio del Centro per lo stidio della Patologia cellulare a Milano, docente e direttore a Milano presso l’Istituto di Patologia Generale, Visiting Scientist all’Istituto di Ricerca  Medica di Davos-Platz Svizzera, Professore a contratto presso l’Istituto di Anatomia dell’Università di Zurigo, responsabile dei Laboratori del Jean Choay  Institute in Svizzera e Francia.

Ha pubblicato sulle più prestigiose riviste scientifiche internazionali.

E' considerato uno dei più importanti esperti sulla funzione della ghiandola pienale e su uno dei suoi metaboliti, la melatonina
, e parte delle sue conoscenze è pubblicata nel libro "The Melatonin Miracle".

Il dottor Marroccoli si laurea in medicina e chirurgia e si specializza in ostetricia e ginecologia: è esperto in omeopatia classica tedesca.

Appasionatosi al lavoro del dottor Pierpaoli ha fondato con lui la scuola di Risincronizzazione InterOrmonale.
 

Perché credete che la melatonina zinco-selenio sia differente dalle altre e particolarmente efficace?

Sulla base dei suoi studi sulla ghiandola pineale e sul ruolo della stessa nel mantenimento e determinazione dei ritmi biologici, Pierpaoli ha formulato un prodotto unico a base di melatonina, zinco e selenio con rilascio del picco melatoninico notturno a livelli giovanili, con il risultato di normalizzare tutte le funzioni immunologiche, metaboliche ed endocrine.

Tale formulazione è necessaria nella sincronizzazione dei cicli fisiologici dell’organismo e può risultare utile per favorire un corretto ritmo sonno-veglia.

L’errore più comune è quello di attribuire alla melatonina le azioni benefiche che essa svolge quando in realtà è la ghiandola pineale il vero artefice di tali benefici e la melatonina è solo lo strumento attraverso cui riusciamo ad attivare le funzioni di tale ghiandola.
 

Quali sono dunque le funzioni che la ghiandola pineale attiva grazie alla melatonina?

Il ciclo circadiano, basato sull’esposizione alla luce e sul ritmo della ghiandola pineale e del suo rilascio di melatonina, in condizioni ottimali permette un sonno completo, il che permette alla biochimica del corpo di espellere con cura di tutte le tossine accumulate durante il giorno tramite l’alimentazione, il lavoro, lo stress (fisico, mentale ed emotivo), l’inquinamento, eccetera.

Saranno poi soprattutto i reni, l’anello di unione dell’apparato endocrino e di quello urinario, a prendersi cura del rilascio di tali tossine, in modo da riequilibrare il corpo e riportarlo in condizioni ottimali.

Quando il ciclo ricardiano è alterato e il sonno non è ottimale per via di un non corretto rilascio di melatonina della ghiandola pineale, allora l’organismo non riesce a espellere tutte le tossine, che, accumulandosi, vanno ad accelerare il processo di invecchiamento.

Questo è un breve elenco delle funzioni della melatonina zinco-selenio: 

>  Mantenimento e la protezione delle funzioni della ghiandola pineale

>  Il riequilibrio delle funzioni ormonali, metaboliche e immunitarie

> Il mantenimento delle condizioni metaboliche giovanili

> La sincronizzazione dei cicli fisiologici dell’organismo

> Un’azione benefica sull’affaticamento e sullo stress

> Il miglioramento di eventuali condizioni di carenze fisiologiche

> Il riequlibrio del ritmo sonno-veglia

> Una significativa riduzione del jet - lag