Articolo

Vertigini e labirintite: esercizi da fare in casa

L'equilibrio dell'intero sistema corpo-mente può essere compromesso quando ci troviamo ad affrontare la labirintite. Come contrastare questo disturbo che si associa spesso a vertigini, mal di testa, senso di paura estremo?

Vertigini e labirintite: esercizi da fare in casa

Proprio sulla nostra testa c'è una complessa e meravigliosa opera di ignegneria che è l'orecchio.

Vediamo insieme come la labirintite può comprometterne il funzionamento, in che modo influisce sul sistema complessivo e quali esercizi si possono fare a casa per contrastare le vertigini.

 

Labirintite: vertigini e paura

Spesso si sottovaluta quanto importanti siano i meccanismi interni all'orecchio. Le onde sonore entrano meccanicamente nel nostro complesso uditivo, raggiungono il timpano, martello, incudine e staffa, dalla finestra ovale passano all'organo del Corti e lì l'impulso meccanico si tramuta in elettrico.

L'apparato vestibolare è quello che viene intaccato in caso di labirintite e quel che viene compromesso è il sistema di comunicazione dell'impulso che arriva al cervello. la prima alterazione avviene a livello oculare, infatti in caso di labirintite si verifica un movimento rapido e indesiderato dell’occhio (il cosiddetto nistagmo), perché i movimenti rotatori non sono rilevati con precisione dal cervello.

Queste informazioni distorte riguardanti l'equilibrio sono responsabili di vertigini che possono essere anche di grave entità. A causare il disturbo può essere un virus ma anche un'infezione batterica e si tratta degli stessi batteri responsabili di meningite e otite.

La vertigine e la paura camminano spesso insieme, specie per chi teme di perdere il controllo e questa sensazione di paura si può unire a nausea, stordimento, sudorazione e malessre generale. 

 

Esercizi per contrastare le vertigini 

La sindrome vertiginosa rotatoria associata alla labirintite deve essere preceduta da una diagnosi attenta che riguardi tutti i recettori che abbiamo nel nostro corpo e che vengono coinvolti nel casi di labirintite; si effettueranno quindi visite all'orecchio, alla vista ed esami neurologici.

Alcuni esercizi possono aiutare ad alleviare i sintomi in maniera efficace. Eccone alcuni.

 

Vertigini e sclerosi multipla: c'è un legame?

 

Propriocezione e stability ball

Prima di tutto si deve riassettare l'equilibrio interno del corpo e questo spesso richiede un allenamento propriocettivo continuo nel tempo.

Non piccoli esercizi, non sequenze casuali e disordinate ma un programma di lavoro vero e proprio con stability ball, attrezzi e lavoro a terra con tappetino.

vertigini labirintite esercizi stability ball

 

Rieducazione fisioterapica di Semont e Brandt Daroff

Esiste una vera e propria rieducazione fisioterapica detta rieducazione secondo Semont e Brandt Daroff, utile per eliminare gli otoliti distaccati dai liquidi del labirinto e viene fatta prima in presenza del medico o del fisioterapista: si chiama cananolitiasi e prevede la discesa su un lato piuttosto che su un altro, a seconda del lato colpito dalla sensazione.

Dopo esser stati seduti di traverso sul letto, ci si mette rapidamente sul fianco sinistro ad aspettare che la vertigine termini. Se non si scatenano vertigini si rimane nella posizione per 30 secondi. Si torna poi alla posizione seduta e la si mantiene per 30 secondi o fino all'esaurimento della vertigine.

Si passa con una certa velocità sul lato destro e se anche qui non compare vertigine si mantiene la posizione. Gli esercizi andrebbero ripetuti ogni 3 ore e interrotti se la vertigine non compare oltre i 2 giorni.

vertigini labirintite esercizi cananolitiasi

 

Visualizzazione e respirazione insieme

Spesso si trascura lo stato generalizzato di ansia che viene generato dalle vertigini; per attenuare queste sensazioni occorre lavorare con una certa costanza nella direzione del "vedere con gli occhi interni".

L'esercizio è una vera e propria pratica, non troppo complessa, ma che richiede concentrazione e giusto spazio di esecuzione: sedete cercando di stare con la colonna dritta e il bacino in asse; non abbiate fretta e non aspettatevi risultati immediati, si tratta soprattutto di un modo per tornare in contatto con se stessi.

Cercate di porre entrambe le mani all'atezza del ventre e di alzare col respiro solo quella zona, fate poi lo stesso a livello del torace, portando le mani in alto. Alternate con il ritmo che volete e sentite di voler adottare; potete portare il viso a destra e sinistra assecondando il movimento con la respirazione.

Questo movimento calma la mente ed è efficace se evitate di girare e ruotare la testa troppo velocemente. Di fatto, già il solo esercizio respiratorio aiuta. Potete anche associare una visualizzazione di onda che arriva e si ritrae o di espansione di colori sotto il petto e dentro al ventre che si allargano fino alla testa. In alternativa, un fascio di luce che si irradia dalla cervicale per la testa e scende in basso.

Infine, a casa potete praticare esercizi di pranayama classico in abbinamento con le asanas che permettono a tutto il sistema di radicarsi a terra. 

vertigini labirintite esercizi respirazione

 

Le vertigini in gravidanza e i loro rimedi

 

Per approfondire:
> Labirintite da stress, sintomi e rimedi 

> Vertigini, i rimedi naturali omeopatici

> Labirintite e cervicale, c'è un legame?