Articolo

Gli antibiotici naturali per l'inverno

Il nostro corpo affronta bene gli "assalti" esterni se è in buona salute: gli antibiotici naturali ci aiutano proprio in questo senso.

Gli antibiotici naturali per l'inverno

Si avvicina l’inverno e ormai tutti siamo rassegnati…prima o poi ci ammaleremo. Perché? Non è detto!

Un corpo forte si ammala di rado e, quando capita, guarisce in fretta.

I virus e i batteri aggrediscono il nostro corpo solo se le sue difese immunitarie sono indebolite.

Un' alimentazione corretta sarà presupposto fondamentale, ma anche i supporti che la natura ci fornisce, come antibiotici naturali.

Ricordiamo che gli antibiotici (anche quelli dei farmaci di sintesi!) non agiscono sui virus, che sono la causa principale delle malattie da raffreddamento, ma sui batteri.

Vediamo perché funzionano e quali sono gli antibiotici naturali per l’inverno.

 

Leggi anche 5 antibiotici naturali per la tua salute >>

 

Antibiotici naturali per l’inverno: perché

Facciamo un passo indietro: i batteri o microrganismi ci sono sempre e ovunque, ma noi ci ammaliamo quando il nostro sistema immunitario è debole e non riesce a contrastare “l’attacco esterno”: per esempio in una situazione di stanchezza, di stress, di depressione, alimentazione sbilanciata, disordini intestinali.

Gli antibiotici naturali e i rimedi naturali in genere danno la possibilità di potenziare “dall'interno” il sistema immunitario senza aggredirlo, attivando le proprie difese, ed essere in grado di difendersi da solo dalle aggressioni di microorganismi esterni.

Facciamo attenzione però: in casi di sintomi acuti, febbre alta persistente e malessere che non passa, chiamate subito il vostro medico curante.

Vietato il “fai da te” soprattutto coi farmaci! Infatti tutti gli antibiotici, anche quelli naturali vanno impiegati solo in caso di reale necessità, perché il loro uso improprio può selezionare ceppi batterici resistenti, proprio come avviene per gli antibiotici di sintesi.

 

Antibiotici naturali per l’inverno: quali

La maggior parte del nostro sistema immunitario risiede intorno all’apparato gastro-intestinale, perché il cibo è il primo “agente esterno” che assumiamo ogni giorno, dal quale proteggesi e difendersi, prima di assimilarne le parti nutritive “buone”.

La prima azione pe rla nostra salute in inverno sarà quindi il rispetto della flora batterica intestinale e il suo ripristino in caso di alimentazione scorretta oppure uso indiscriminato proprio di antibiotici. Infatti la flora intestinale è costituita per la maggior parte da batteri, e viene fortemente compromessa in caso di cure antibiotiche non supportate dal reintegro di fermenti lattici probiotici.

Nel dettaglio, ecco i prodotti naturali coi migliori effetti antibiotici, per ‘inverno:

Semi di pompelmo: il loro estratto ha proprietà antisettiche. Uno studio pubblicato sul Journal of Alternative and Complementary Medicine sostiene che è in grado di combattere più di 800 tipi diversi di batteri e virus, ceppi di funghi e parassiti. Il succo di pompelmo contiene inoltre esperidina, un flavonoide dalle proprietà antiossidanti e antinfiammatorie che stimola le difese immunitarie.

L’estratto di semi di pompelmo come integratore alimentare si assume diluito in piccole quantità in acqua o altre bevande, aggiunto al dentifricio per un effetto battericida del cavo orale, oppure diluito in acqua per gargarismi in caso di mal di gola.

> Tea Tree oil: è l’olio essenziale ricavato dalla pianta Melaleuca Alternifolia. Ha proprietà disinfettanti e antinfiammatorie.

È composto da circa 48 composti organici attivi, tra i quali il terpinene e il cineoloed,  molto attivi come antibatterici, come antimicotici e come antivirali. In inverno è efficace il suo utilizzo tramite suffumigi per disinfettare e liberare le vie respiratorie e migliorare i disturbi causati da tosse e raffreddore;

inserito nell’umidificatore aiuterà a purificare l’aria della casa; miscelandone qualche goccia in un po’ d’acqua, si potranno effettuare gargarismi sfiammanti per la gola.

Attenzione, però: il Tea Tree Oil va comunque usato con cautela, in quanto potrebbe causare reazioni allergiche o di sensibilità.

aglio: i composti solforati contenuti nell'aglio e responsabili della formazione del tipico odore, includono l'allicina. L'allicina ha anche un notevole effetto un antibiotico, il cui potere su numerosi tipi di batteri (tra cui i responsabili del tifo) venne notato già da Louis Pasteur.

L'aglio contiene altre sostanze antibatteriche come la garlicina. Ha inoltre effetti benefici sull’intestino; sotto forma di infuso è un ottimo aiuto per combattere tosse e raffreddore. Per limitare l’alitosi basta rimuovere, prima dell’assunzione, il germoglio verde che al suo interno.

echinacea: è una pianta erbacea perenne del Nord America. Se ne utliizzano le radici e le parti aeree, che contengono: polisaccaridi dall’azione immunostimolante e antinfiammatoria; echinacoside con blanda azione antibiotica e antivirale.

L’echinacea aiuta a trattare e a prevenire le infezioni di ogni tipo e ha una forte azione stimolante del sistema immunitario. Viene usata pura, in radice, per farne infusi, oppure come estratto alcolico, colluttorio o olio.

È controindicata in gravidanza e allattamento, si sconsiglia a chi è allergico alle Asteracee, consultare il proprio medico curante in caso di patologie autoimmuni.

 

propoli: la sua componente principale è una resina composta da sostanze antibiotiche che agiscono contro batteri, funghi e parassiti.

Le api bottinatrici raccolgono questa resina dai germogli delle foglie, dalle cortecce, e la trasformano in propoli e la utilizzano come materiale di costruzione e di difesa dell'alveare. Sostanze attive componenti della propoli sono: flavoni e flavonoidi che rinforzano il sistema immunitario, oli essenziali, polline, oligoelementi che in piccole dosi sono essenziali al sistema immunitario.

È di aiuto nelle infiammazioni della bocca e della gola, nei raffreddori, nelle otiti, per uso esterno, nelle bronchiti. Si trova puro o in forma di tintura o in forma di compresse, unguenti, oli.

È necessaria cautela nei soggetti allergici alla propoli. Il propoli sconsigliato in gravidanza e allattamento, previo parere del medico.

 

Leggi anche Integratori naturali per l'inverno? >>