Articolo

Suffumigi per la tosse

In caso di tosse è possibile ricorrere ad una pratica antica come i suffumigi, per ammorbidire le fauci e il muco e lenire la gola.

Suffumigi per la tosse

Raffreddori, tosse, secca o grassa, spossatezza  si possono attenuare con i rimedi che le nostre nonne adottavano e che sono efficaci per aiutare la respirazione, fluidificare il muco, liberare i bronchi.

I suffumigi fanno parte di questa tradizione, sono i precursori delle inalazioni e dell’aromaterapia.

Tecnicamente sono molto semplici da mettere in atto, serve una pentola di acqua calda fumante, un asciugamano con cui creare una sorta di tenda indiana che copra testa e pentola per convogliare i vapori e l’aiuto prezioso di qualche rimedio naturale da aggiungere all’acqua e da inalare.

Vediamone alcuni nel dettaglio.

 

Bicarbonato

In caso di congestione delle vie aeree il bicarbonato è un ottimo rimedio per la mucosa nasale. Ne bastano due cucchiai in una bacinella d’acqua bollente di cui respirare i vapori per almeno 10 minuti.

E’ proprio il calore che libera i canali respiratori, e il bicarbonato possiede la proprietà di modificare il pH regolando i picchi di acidità e creando così un ambiente sfavorevole all’attecchimento batterico.

E’ possibile potenziare l’effetto del bicarbonato con l’aggiunta di qualche olio essenziale: quelli maggiormente indicati per la tosse sono l’olio essenziale di Pino e il Cajeput, che svolgono un’efficace azione emolliente e antibatterica. Ne bastano 2 gocce e l’accortezza di tenere gli occhi chiusi durante la fumigazione.

 

Leggi anche Alimenti per contrastare la tosse >>

 

Camomilla

La camomilla spesso è associata a problematiche del sonno o a difficoltà digestive e poco considerata invece per i suoi benefici effetti sui nostri bronchi e sulle infezioni delle vie respiratorie. In caso di tosse è un ottimo rimedio, lenitivo, idratante, calmante.

Possiede infatti proprietà antispasmodiche, antinfiammatorie, antibatteriche, e anche antipiretiche in caso di febbre.

In acqua calda un cucchiaio da minestra raso di fiori essiccati di camomilla, da inalare ammorbidisce le mucose sia olfattive sia della bocca, disinfetta il cavo orale e poi se ne possono bere alcune tazze nell’arco della giornata arricchite con del miele.

La camomilla disinfiamma la gola, seda la tosse e fluidifica il muco.

 

Timo

Il timo è un rimedio da manipolare con cautela, perché potrebbe essere irritante per gli occhi e in caso di allergie irritare le mucose. Quindi salvo interazioni legate a questo aspetto possiamo utilizzare il timo nei suffumigi per sedare la tosse, disinfettare l’aria e il cavo orale.

Il timo sia in pianta essiccata sia in olio essenziale è un rimedio balsamico, espettorante, mucolitico. Particolarmente indicato per la tosse secca, aiuta a smuovere i blocchi di catarro e a fluidificarli. In caso d’infezione batterica il timo disinfetta e crea un ambiente ostile alla proliferazione dei batteri.

L’accortezza è quella di mantenere gli occhi chiusi durante la fumigazione per proteggerli e di respirare i vapori sia attraverso la bocca sia attraverso il naso per assorbirne tutti i benefici effetti balsamici.

 

Leggi anche Curare la tosse con la fitoterapia >>