Articolo

Serotonina: cos’è e quali funzioni ha

La Serotonina è un neurotrasmettitore fondamentale per il nostro benessere psicofisico. L'ormone del buonumore ci aiuta a sostenere molte funzionalità che forse mai immagineremmo.

Serotonina: cos’è e quali funzioni ha

Sentiamo spesso parlare di serotonina, di captatori di serotonina, di integratori utili quando vi sono squilibri dell’umore, ma di cosa si tratta esattamente?

Cos’è la Serotonina

La Serotonina è un neurotrasmettitore, popolarmente detto “ormone del buonumore”.

Viene sintetizzato dal Sistema Nervoso Centrale e da alcune cellule del sistema gastro-intestinale. Interagisce a diversi livelli con molti recettori, circa 7 e questo rende la sua funzione molto articolata.

Innanzitutto immaginiamo il rilascio di serotonina nel cervello a livello del Sistema Nervoso Centrale: una parte interagisce con i recettori dei neuroni bersaglio delle sinapsi, quindi la serotonina entra nel flusso informativo neuronale, mentre quella in eccesso o viene o degradata o riassorbita e immagazzinata nel terminale assonico, pre-sinaptico.

Nel caso in cui la serotonina venga rilasciata in quantità modeste o ci sia stato un disequilibrio a livello neuronale il nostro umore subisce sbalzi patologici, anche condizioni di ansia, e se non intercettati per tempo possono portare alla depressione.

In questi casi vengono spesso prescritti farmaci che captano la serotonina e ne inibiscono la degradazione in modo da lasciarne disponibile una quota maggiore.

 

Leggi anche I cibi per aiutare il buonumore >>

 

Le funzioni della Serotonina

Come anticipato sopra, la Serotonina entra in contatto con numerosi recettori e svolge in questo modo varie funzioni estremamente importanti per il benessere del nostro organismo.

La serotonina è il cosiddetto "Ormone del Buonumore" come già anticipato, e sostiene gli equilibri umorali del nostro sistema nervoso centrale.

La serotonina è un precursore della melatonina, l’ormone che regola la qualità e la durata del nostro sonno. In questo rapporto la serotonina in caso di necessità viene convertito in melatonina e regola i ritmi di alternanza sonno-veglia.

La serotonina è utile nelle diete per il controllo del peso perché è in grado di controllare l’eccesso di appetito e fame bulimica. E’ attiva nei confronti degli psicoalimenti come carboidrati, cioccolato, caffè e aiuta a limitarne l’assunzione.

La serotonina è un neurotrasmettitore che parla anche al nostro secondo cervello: l’intestino e il sistema nervoso enterico. Agisce come regolatore delle secrezioni intestinali, in quanto contenuta nelle cellule enterocromaffini, e controlla condizioni di stipsi o di diarrea.

La serotonina interagisce con la muscolatura liscia, per intenderci con la muscolatura involontaria. Promuove la contrazione delle arterie, dei bronchi, dei vasi intracranici, della vescica.

 

Eccesso di Serotonina

In caso di primi accenni alla depressione o anche in condizioni di depressione conclamata spesso vengono messe in atto cure farmacologiche che tendono a ricaptare la serotonina e a non degradarla ma a metterla a disposizione del sistema sinaptico.

Anche in erboristeria possiamo accedere a rimedi che aiutano ad integrare le quote di serotonina come la griffonia, spesso sottoforma di 5-htp, la versione di triptofano assorbibile dall'organismo, amminoacido precursore della serotonina, oppure l’iperico.

E’ importante rispettare i dosaggi consigliati sempre sotto controllo medico, perché gli eccessi di serotonina portano importanti effetti collaterali.

La sindrome serotoninergica è una possibile conseguenza, con sintomi come agitazione, stato alterato, contrazioni muscolari, tremori, febbre, diarrea.

 

Leggi anche 8 piante da coltivare se soffri di depressione >>