Articolo

Come sbiancare i denti in modo naturale

Alcuni rimedi naturali, se usati con parsimonia, consentono di ottenere un sorriso più luminoso. A patto di ricordare che "naturale" non è sinonimo di "innocuo".

come-sbiancare-i-denti

Credit foto
© Viacheslav Krisanov -123rf

Caffè, tè, tabacco e cioccolato sono nemici per il bianco naturale e sano dei nostri denti. Per fare in modo che siano esteticamente belli, lucidi e per farli splendere naturalmente è possibile ricorrere a qualche rimedio naturale, con alcune avvertenze però, perché naturale non significa innocuo.

E’ infatti importante rispettare lo smalto dei denti, con sostanze non troppo aggressive che possono anche ripercuotersi a livello gengivale.

I rimedi naturali richiedono costanza, non aspettiamoci effetti immediati, ma in ogni caso è meglio verificare le varie soluzioni e trovare quella più indicata per il proprio caso. I rimedi naturali per sbiancare sono molti e di varia natura, dai più delicati ai più abrasivi.

Sbiancare i denti con rimedi fai da te è sconsigliato in caso di ipersensibilità dentale e retrazione gengivale.

 

Bicarbonato di sodio contro le macchie

Il bicarbonato di sodio rappresenta un buon rimedio per sbiancare i denti in modo naturale, ma non va utilizzato secco sulla superficie dentale, altrimenti rischia di graffiare lo smalto.

Il bicarbonato entra in contatto con sostanze acide, rilasciando anidride carbonica formando una schiuma che aiuta ad asportare eventuali impurità e residui presenti sulla superficie dei denti.

Come procedere? Si può effettuare un risciacquo ogni quindici giorni circa con un cucchiaio di bicarbonato diluito in un bicchiere d’acqua, oppure impastarlo con altri ingredienti naturali, come olio d'oliva, qualche goccia di limone e oli essenziali tra i quali tea tree oil, lavanda, salvia o menta piperita, in modo da attivare un’azione antibatterica.

Usato con costanza è efficace contro le macchie da caffè e nicotina. Attenzione però perché il bicarbonato di sodio agisce in modalità abrasiva, inoltre altera il pH del cavo orale a danno della flora batterica della bocca. E’ consigliato risciacquare abbondantemente la bocca dopo averne fatto uso.

Particolare attenzione all’utilizzo del bicarbonato di sodio per tutti coloro che soffrono di alterazioni dell'equilibrio acido-basico, come insufficienza renale, ipertensione, morbo di Cushing o di Addison o che assumono farmaci steroidei o diuretici.

 

Salvia anche come decotto contro l’alitosi

Le foglie di salvia sfregate sui denti danno subito una sensazione di pulizia e freschezza. Si tratta di un rimedio antico, usato dalle nostre nonne, ma ancora efficace: i principi attivi della salvia contribuiscono ad eliminare la patina dallo smalto dei denti.

Efficace è anche il decotto di salvia: si fanno bollire per circa dieci minuti alcune foglie di salvia in acqua, si lascia raffreddare e si procede a sciacquare.

Oltre all’effetto di pulizia e sbiancante, si ottiene un collutorio naturale con effetto antibatterico e con benefici anche per chi soffre di alitosi. L’effetto sbiancante della salvia è riconosciuto anche da molte aziende produttrici di dentifrici, ne hanno inserito i principi attivi nella formulazione delle loro paste.

Le foglie di salvia contengono importanti minerali come il calcio, il magnesio, il ferro, sodio e potassio e olii essenziali per la salute delle gengive.

Svolge azione abrasiva, quindi è importante non abusarne, per non danneggiare lo smalto e il colletto gengivale.

 

Limone e arancia contro i denti gialli

Il succo di limone è ricco di acido ascorbico, sostanza che, a contatto con l’ossigeno, libera perossido di idrogeno (acqua ossigenata), da cui l’effetto sbiancante.

Questo acido corrode lo smalto se usato molto frequentemente. Se ne consigliano quindi risciacqui periodici, una volta al mese, con succo di limone diluito in acqua oppure qualche goccia da miscelare al bicarbonato, creando un impasto umido, da usare sullo spazzolino.


Anche la parte bianca interna della scorza di limone, così come quella dell’arancia sfregate sui denti svolgono azione sbiancante, soprattutto sui denti dei fumatori.

 

Acido Malico

Alcuni rimedi per il bianco dei denti sono rappresentati da fragole e mele, che contengono acido malico. Si tratta di un alfa-idrossiacido tipico della frutta, abbondante in fragole e mele verdi.


E' possibile creare una pasta dentifricia in casa, basta mescolare la polpa di fragola matura e di mela verde con bicarbonato di sodio e un cucchiaino di olio d’oliva e spazzolare i denti con il composto ottenuto.

Procedere facendo movimenti delicati e rotatori sui denti per non danneggiare lo smalto. Anche in questo caso, non bisogna abusare del trattamento, 1 o 2 volte a settimana non di più. Anche mangiando la famosa “mela al giorno” con la buccia si apporta beneficio allo smalto dei denti.


Contro il tartaro e per lenire gengive infiammate un'ottima abitudine è quella di aggiungere un cucchiaino di aceto di mele a un bicchiere d'acqua e sciacquare una o due volte a settimana, se ne avrà beneficio immediato!
 

Il carbone vegetale

Il carbone vegetale è il prodotto della carbonizzazione di alcuni legnami. Può essere utilizzato per detergere in profondità i denti, un paio di volte a settimana.

Basta versare una piccola dose di carbone vegetale in polvere sullo spazzolino inumidito, qualche goccia d’acqua, per formare una pasta facile all’uso e strofinare delicatamente sui denti.


Elimina le macchie dai denti, rafforza le gengive e equilibra la flora batterica del cavo orale. La polvere di carbone vegetale è reperibile in farmacia ed erboristeria.

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio