Articolo

Le 10 migliori erbe medicinali

La lista delle piante i cui benefici sono preziosi per la nostra salute è certamente lunga, ecco allora una top 10 delle erbe medicinali che non dovrebbero mai mancare in casa.

migliori-erbe-medicinali

Credit foto
©kviktor / 123rf.com

Echinacea per il sistema immunitario

Con i primi raffreddamenti, soprattutto durante il cambio di stagione, l'echinacea è un valido aiuto per rafforzare le difese immunitario.

 

In particolare, questa pianta appartenenete alla famiglia delle Composite contiene polisaccaridi con azione immunostimolante. Ecco perché in fitoterapia  è utilizzata per aumentare le difese naturali e il sistema immunitario, sostenendo così l’organismo controvirus e batteri.  

 

Per uso interno, è opportuno prendere l'echinacea a cicli di massimo 8 settimane con pausa di un mese tra un ciclo e l'altro, durante i cambi di stagione. 

 

echinacea

Credit foto
©Alexander Raths / 123rf.com

Semi di finocchio contro il gonfiore addominale

Fibre, vitamine e oli essenziali: ecco perché i semi di finocchio soo importanti. In realtà non dovremmo chiamarli così, perché non d semi si tratta, bensì di fiori. 

 

L'azione carminativa permette di ridurre i dolori legati a gonfiore addominale e contrastare l'aerofagia.  

 

In tisana, i semi di finocchio stimolano l'attività digestiva e favoriscono la motilità intestinale. 

 

semi-di-finocchio

Credit foto
©pinkomelet / 123rf.com

Biancospino, pianta del cuore

Il biancospino cresce spontaneamente nelle nostre regioni e dalle sue foglie e dai suoi fiori possiamo trarre le proprietà che rendono questo profumato arbusto un efficace ansiolitico e calmante naturale. 

 

I flavonoidi, antiossidanti presenti in buone quantità, permettono un'azione cardioprotettiva inducendo la dilatazione delle arterie che portano al cuore e permettendo così un abbassamento della pressione arteriosa.  

 

Assunto in tisana, può contribuire al buon funzionamento del sistema cardiocircolatorio in caso di tachicardia, extrasistole e aritmie

 

biancospino

Credit foto
©lapis2380 / 123rf.com

Iperico contro le scottature

Anche l'iperico è una pianta spontanea facilmente reperibile in Italia.

 

Dell'iperico si usano le sommità fiorite nelle quali si trovani antiossidanti come l'ipericina, in grado di intervenire per migliorare l'umore, come sedativo naturale e come antidepressivo naturale.

 

Questo rimedio è adatto sia per uso interno che per uso estero, per scopi diversi. L'olio, l'oleolito e le creme sono utilizzate prevalentemente come antinfiammatori e per medicare piccole ferite della pelle e contro le scottature.

 

Per quanto riguarda l'assunzione per uso interno, è meglio consultare il medico, il farmacista o l'erborista poiché l'iperico può stabilire numerose interazione con farmaci e altri integratori.

 

L'uso esterno è sconsigliato prima dell'esposizione al sole per la presenza di composti fotosensibilizzanti.

 

iperico

Credit foto
©delesha / 123rf.com

Camomilla per suffumigi naturali

Regina delle tisane della buonanotte, la camomilla contiene cumarine, flavonoidi e olio essenziale che in fitoterapia hanno diverse modalità d'impiego.

 

Funge da miorilassante naturale agendo dunque per ridurre il dolore da crampi addominali, dismenorrea e spasmi muscolari. La sua azione antinfiammatoria funziona anche per infiammazioni di cute e mucose, infezioni batteriche e irritazioni tratto respiratorio. La camomilla, a tal proposito è impiegata per suffumigi naturali delle vie respiratorie.

 

Impacchi di camomilla costituiscono il pronto soccorso casalingo in caso di eczemi e congiuntivite

 

camomilla

Credit foto
©yelenayemchuk / 123rf.com

Salvia per i dolori mestruali

Alla Salvia Officinalis dobbiamo molto: questa sempreverde profumatissima è ricca di olio essenziale, terpeni, tannini e flavonoidi.

 

In ambito fitoterapico è vero alleato della donna: in caso di dismenorrea e amenorrea aiuta a regolare il ciclo mestruale e interviene per calmare i dolori quando assunto in tintura madre.

 

Anche durante la delifata fase dell'arrivo della menopausa, questa pianta medicale graie all'azione estrogenica riduce il manifestarsi di sudorazione eccessiva e delle "vampate" di calore grazie al suo intervento riequilibrante a livello ormonale.  

 

salvia-foglie

Credit foto
©Yana Gayvoronskaya / 123rf.com

Liquirizia per lo stomaco

La liquirizia è una pianta perenne giunta in Europa soltanto dopo il XV secolo: a questa radice è attribuita un'azione digestiva, diuretica, antinfiammatoria, espettorante e protettiva della mucosa gastrica.  

 

Agisce sul tratto respiratorio andando a disinfiammare la gola in caso di tosse e quando vi è la presenza di catarro. E' uno sfiammante naturale e il suo potere espettorante permette di aumentare la produzione di prostaglandine con effetto protettivo sullo stomaco.

 

Al contrario del biancospino, invece, è indicata per aumentare la pressione sanguigna.

 

benefici-liquirizia

Credit foto
©Alexander Ruiz / 123rf.com

Ginkgo biloba per la concentrazione

Il ginkgo biloba è una pianta della famiglia delle Ginkgoaceae. Contiene terpeni, plifenoli e flavonoidi che contrastano la formazione di radicali liberi, precursori dell'invecchiamento cellulare 

 

La capacità di favorire una corretta distribuzione di ossigeno e glucosio al cervello attribuita a questa pianta migliora l'attività mentale favorendo la concentrazione e la memoria a breve termine: per questo il ginkgo biloba si addice all'attività di studio e lavoro intellettuale. 

 

Non solo, i principi attivi è stato documentato abbiano efficacia per contrastare l'insorgenza e l'avanzamento di malattie neurodegenerative come l'Alzheimer. 

 

gingko-biloba

Credit foto
©Krzysztof Slusarczyk / 123rf.com

Ginseng, contro lo stress

Quando lo stress e l'affaticamento fisico e mentale insorgono, un pieno di ginseng è la soluzione che ci vuole.

 

Un antistress naturale grazie alle proprietà adattogene che rafforzano il sistema immunitario, endocrino e nervoso.  

 

Lo sportivo apprezzerà la sua proprietà stimolante con conseguente miglioramento dei riflessi e della resistenza fisica resa possibile dai ginsenosidi, saponine estratte dalle radici dall'azione adattogena e stimolante.  

 

ginseng-rimedio

Credit foto
©xb100 / 123rf.com

Artiglio del diavolo contro dolori muscolari e articolari

L'efficacia analgesica e anti-infiammatoria degli harpagosidi contenuti nella radice dell'artiglio del diavolo sono ritenuti responsabili degli effetti analgesici e antipiretici della pianta.

 

Dolori comuni come il mal di schiena, il mal di testa da artrosi cervicale, dolori muscolari e articolari di natura infiammatoria come l'artrite o la tendinite possono trovare sollievo con l'applicazione a uso esterno di una pomata a base di artiglio del diavolo. 

 

 

artiglio-del-diavolo

Credit foto
©Heike Rau / 123rf.com