Articolo

Miorilassanti naturali, quando preferirli

I miorilassanti naturali possono essere utilizzati in caso di problematiche di natura psicosomatica o croniche. Questo consente di tenere sotto controllo i fenomeni di irrigidimento muscolare e contratture con assunzioni prolungate senza controindicazioni per fegato e reni.

Miorilassanti naturali, quando preferirli

Spasmi muscolari, irrigidimenti incontrollati, tensioni che si riversano sulla muscolatura ma partono dal sistema nervoso centrale, contusioni da trauma sportivo, sono tutte condizioni che possono creare problematiche debilitanti, che riducono l’autonomia personale e limitare la possibilità di movimento.

In caso di condizioni acute passeggere il farmaco è il rimedio dagli effetti più immediati, che consente di tornare a una vita attiva e normale in breve tempo, senza complicazioni.

Ne esistono di vari tipi con meccanismi d’azione differente, dagli anestetici agli antispasmodici, che agiscono o solo sulla porzione muscolare, o coinvolgono anche la muscolatura scheletrica e il sistema nervoso.

 

Quando scegliere i miorilassanti naturali

Qualora invece si tratti di condizioni croniche, o di natura psicosomatica, per cui l’origine dell’irrigidimento muscolare arriva “da lontano” e si ripresenta periodicamente è consigliabile preferire miorilassanti naturali, che agiscono in tempi più diluiti, spesso non approcciano solo il sintomo ma anche la causa, possono essere associati ad altri rimedi naturali e lavorare in sinergia e soprattutto non presentano pericolosi effetti indesiderati su stomaco, fegato e reni.

Vediamo quali miorilassanti naturali prediligere in caso di cefalee, lombalgie, cervicalgie, crampi notturni.

 

Leggi anche Dormire bene, 5 consigli >>

 

Quali sono i miorilassanti naturali?

In natura esistono piante e minerali che vantano proprietà rilassanti, sia del sistema nervoso centrale sia delle fasce muscolari lisce e striate e possono essere utilizzati in sinergia per migliorare le condizioni muscolo tensive. Alcuni agiscono inviando messaggi al neurotrasmettitore inibitorio, il GABA, che in un circuito di messaggi neuronali presiede le alternanze di tensione/rilassamento muscolare.

 

Magnesio

Il Magnesio è un minerale dalle proprietà miorilassanti di grande efficacia. Agisce sul circuito GABA e consente di migliorare le condizioni di contrattura muscolare, ma non solo, contrasta lo stress, l’affaticamento e migliora la qualità del sonno.

In effetti il magnesio è presente nelle ossa, nei muscoli e nel cervello. E’ possibile assumerlo come integratore con dosaggi indicati dal medico in base alla necessità.

AncheSali di Epsom disciolti nell’acqua calda della vasca sono efficaci per sciogliere le tensioni muscolari e agiscono da miorilassanti attraverso l’assorbimento epidermico.

 

Camomilla

La camomilla è un miorilassante naturale che agisce sulla muscolatura liscia, in particolare quella dell’apparato gastrointestinale, grazie alla presenza di flavonoidi.

E’ quindi indicata in caso di spasmi addominali e come antinfiammatorio se in presenza di gastrite e colite. Svolge anche un’azione blandamente sedativa.

 

Canapa

La canapa miorilassante naturale, argomento delicato soprattutto per il suo utilizzo legale, qui ne trattiamo in maniera meramente informativa. La Cannabis Sativa è il tipo di canapa indicata per uso terapeutico e il suo principio attivo d’interesse scientifico è il Thc.

Nel cervello umano esistono recettori specifici dei cannabinoidi che sollecitati dalla sostanza sono in grado di moderare la percezione del dolore, funziona quindi da analgesico, questo consente anche di decontrarre la muscolatura.

In particolare la cannabis sativa è efficace in caso di spasmi muscolari poiché raggiunge i recettori localizzati nel cervelletto che presidia le funzioni motorie.

 

Luppolo

Anche il luppolo appartiene alla famiglia delle Cannabacee, e si usano le infiorescenze femminili ( è una pianta dioica con esemplari maschili e femminili).

Possiede proprietà sedative, spasmolitiche e non solo, anche eupeptiche, diuretiche. Agisce sul sistema nervoso centrale ed è indicato come miorilassante in presenza di contratture muscolari dovute a condizioni di stress, ansia che si riversano a livello somatico su porzioni cervicali e lombari della schiena o sulla parete gastrica.

E’ possibile utilizzare il luppolo in estratto idroalcolico per un effetto mirato.

 

Leggi anche Le tisane rilassanti >>

 

Foto: Marek Uliasz / 123rf.com