Articolo

Arti marziali: quali scegliere?

Per sapersi orientare tra le varie scuole di arti marziali o palestre di sport da combattimento è bene conoscere qualche nozione in materia, specie per assecondare e sviluppare le proprie attitudini e quelle dei propri figli senza rischiare di incorrere in delusioni per via di scelte sbagliate.

Arti marziali: quali scegliere?

Ecco un elenco dei punti importanti da conoscere per fare la scelta giusta in materia di arti marziali.

 

Età per praticare arti marziali

Non è mai né troppo presto né troppo tarsi per iniziare una disciplina marziale, tuttavia l'età ha una importanza primaria nella scelta della disciplina.

I bambini sotto i cinque anni dovrebbero evitare tutta una serie di esercizi che possono influire sulla corretta crescita e che di norma vengono insegnati dopo un certi gradi di sviluppo del corpo.

Inoltre la componente ludica è fondamentale e il bambino dovrebbe allenarsi assieme ai suoi coetanei; si può sfruttare questa fase della vita per sviluppare la coordinazione e la propriocezione.

Fino ai 40 anni il corpo è ricco di energie, soprattutto attorno ai venti anni: questa è l'età giusta per spingere col fisico, sfogarsi e mettersi alla prova.

Dopo i 40, considerato non a caso il limite di età per combattere, bisogna cominciare a rispettare le esigenze del corpo, a curare le articolazioni, a mantenere salute ed elasticità.

 

Perché volete praticare arti marziali?

Possono esistere svariati motivi per intraprendere un'arte marziale: mantenersi in forma, formare un corpo solido e crescere in modo sano, imparare a difendersi da soli, amore per le arti marziali, stare in gruppo, combattere, ecc.

Tutte le arti marziali aiutano a stare in forma e a mantenere la salute e molte di esse sono ideali per la formazione di corpi armoniosi e forti.

 

Dedizione

Quanto tempo e quante energie si è disposti ad investire nella pratica di un'arte marziale? Quando lontano da casa avete voglia di viaggiare per seguire un corso?

Alcune arti marziali richiedono molta dedizione per poter essere apprese, soprattutto in termini di preparazione fisica e tecnica. Per ottenere risultati eccellenti alcune arti marziali debbono essere praticate addirittura quotidianamente.

Altre arti marziali meno famose hanno scuole solo in poche città, e questo richiede spostamenti continui e un minimo investimento in termini di tempo e spese di viaggio. 

 

Arte marziale oggi tra tradizione e sport

 

Il Maestro e la palestra

Fondamentale nella valutazione di un'arte marziale è il Maestro. Oltre che a esibire tutti i vari diplomi un Maestro dovrebbe dimostrare la sua arte attraverso i suoi allievi, valutandone non solo la bravura ma anche il carattere e la disciplina.

Valutate con cura le condizioni della palestra e dei suoi strumenti e assicuratevi che i soldi che date per l'assicurazione per gli infortuni siano effettivamente utilizzati. A parità di bravura e professionalità, ogni maestro ha un proprio carattere e un proprio stile di insegnamento: scegliete quello che vi mette più a vostro agio e nelle condizioni di dare il 100%.

Non abbiate paura di fare domande, di valutare i feedback e di provare molte discipline e molti maestri prima di scegliere. Ricordatevi di fare almeno una lezione di prova, specialmente prima di abbonarsi per uno o più mesi.

Quando si tratta di bambini, ascoltate bene i loro desideri ed evitate di mandarli semplicemente nella scuola più vicina per mera comodità o perché ci sono i suoi amichetti: se il bambino ama la lotta, non mandatelo a Karate... se è attratto dalla Capoeira non mandatelo a Judo.

 

Elenco arti marziali

  • Arti marziali adatte ai bambini: tutte meno quelle troppo concentrate sulla difesa personale. Dimostrano ottimi risultati discipline come i vari stili di Kung Fu e la Capoeira.
  • Arti marziali adatte a persone non più giovanissime: tutte quelle che non prevedono un'esasperazione atletica, sparring e che lavorano per il mantenimento della salute, come il Tai Chi, l'Aikido e molte arti marziali soft.
  • Arti marziali per sentirsi in forma: quelle dove c'è un sostanzioso lavoro atletico... Boxe, Kickboxing, Brazilian Jiu-Jitsu, MMA, Capoeira. 
  • Arti marziali per lo sviluppo di un corpo solido: se ben praticate quasi tutte, ricordando che gli sport di combattimento praticati a livello agonistico per troppo tempo tendono a indurre dei «difetti» nel corpo.
  • Arti marziali per imparare a difendersi: tutti i sistemi di autodifesa come il Wing Chun, il Krav Maga e il Jeet Kune Do e molte arti marziali classiche che si sono rivelate efficaci nei tornei di arti marziali miste come Judo, Karate, Muay Thai, Brazilian Jiu Jitsu.
  • Arti marziali per poter combattere: tutti gli sport da combattimento: Boxe, Kickboxing, Muay Thai, MMA.

 

Quali sono le arti marziali e come si differenziano?

 

Per approfondire:
>  Qual è il giusto fisico per le arti marziali 

Arti marziali cinesi

>  Quali sono le arti marziali femminili

>  Shou Dao, un diverso approccio alle arti marziali

Arti marziali del Sudest asiatico

>  Arti marziali africane

Arti marziali coreane

Arti marziali giapponesi

Arti marziali thaliandesi

Alla scoperta dei Ninja e del Ninjitsu

Thai Fit® Shao, il mix tra arti marziali e fitness

> Le arti marziali in un contesto reale

> Le armi più comuni nelle arti marziali

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio