Articolo

Come mantenere l'abbronzatura luminosa

Tanta fatica per ottenere una tintarella omogenea, intensa e luminosa e poi al ritorno dalle vacanze rischiamo di vanificare lo sforzo in pochi giorni con abitudini errate. Rendere la pelle luminosa è questione di idratazione!

Come mantenere l'abbronzatura luminosa

L’estate è finita, ma sempre più persone scelgono di trascorrere le loro vacanze nel mese di Settembre, il sole è più mite e la pelle si abbronza in maniera più lenta e progressiva, senza traumi da ustioni.

Quando la pigmentazione avviene in questa modalità più dolce il vantaggio è anche che dura più a lungo, perché l’epidermide si desquama più lentamente.

Come possiamo mantenere  questo colorito ambrato anche in città agli albori dell’autunno?

 

Idratare la pelle

Per mantenere l’abbronzatura luminosa è importante idratare la pelle, sia da dentro sia a livello topico.

Bere molta acqua è il primo passo: fin dal mattino bere acqua tiepida aiuta a pulire l’organismo dalle scorie, coadiuva la funzionalità intestinale e renale e diamo da bere alla nostra pelle.
> Utilizziamo a livello topico oli idratanti ed elasticizzanti che ammorbidiscono l’epidermide, la idratano in profondità e la nutrono. Olio di cocco, olio di jojoba, olio di mandorle dolci sono i trattamenti elettivi per la nostra pelle abbronzata.
L’acido ialuronico è ormai un rimedio che ci è familiare, sia sottoforma di integratore per uso interno sia come componente di creme idratanti a peso molecolare modificato per essere assorbito dagli strati più profondi della pelle, stimola la formazione di collagene e mantiene la pelle elastica.

 

Pulire la pelle

Non dimentichiamo che la lucentezza della pelle è garantita dalla pulizia dell’epidermide e dalla rimozione delle cellule morte.

A tal fine è importante effettuare ogni settimana un gommage delicato per esfoliare gli strati più superficiali disidratati dal sole. Esistono prodotti delicati in gel a base di semi di ciliegio che stimolano anche la microcircolazione, l’ossigenazione dei tessuti e la loro rigenerazione.


Leggi anche 10 consigli per l'abbronzatura >>

 

Nutrire la pelle

L’alimentazione ci viene in aiuto per mantenere l’abbronzatura luminosa. Carotenoidi, vitamina A, vitamina E, licopene sono i principi che dobbiamo introiettare per illuminare la nostra pelle e aiutare a mantenere più a lungo il colorito guadagnato col sole. 

Via libera a pomodori, carote, verdure fresche, ma anche integratori a base di olio di germe di grano, betacarotene, che stimolano la melanina, nutrono la pelle a livello cellulare e svolgono un’azione antiossidante.

 

Da evitare

Per rallentare la desquamazione e non avere una pelle spenta cerchiamo di lavarci con una doccia tiepida, evitiamo il bagno con acqua troppo calda.

Saponi e bagnoschiuma aggressivi pieni di tensioattivi dovrebbero essere in ogni caso banditi dalle nostre case, prediligendo prodotti naturali e delicati.

La ceretta per l’epilazione purtroppo non è amica dell’abbronzatura e per un po’ dobbiamo pensare ad un’alternativa, perché la ceretta calda si porta via lo strato più superficiale della pelle.

Lampade UV tanto care a coloro che vogliono apparire abbronzati tutto l’anno, in realtà sono una delle cause del foto invecchiamento e la pelle risulta spenta e stanca.

 

Leggi anche Cosmesi fai da te per mantenere l'abbronzatura >>