Articolo

Cellulite, il piano d'attacco naturale

La cellulite è un inestetismo che colpisce la maggioranza delle donne e che può essere debellato solo agendo su più fronti. Vediamo il piano d’attacco naturale per eliminare o almeno ridurre la cellulite in vista dell'estate.

cellulite-piano

Credit foto
©puhhha / 123rf.com

Cellulite, cos'è e perché si forma

La cellulite è un inestetismo che riguarda la maggior parte delle donne, a prescindere dal peso corporeo. 

 

La cellulite è dovuta a un ispessimento del tessuto connettivo, a sua volta causato da un rallentamento della circolazione sanguigna. Quando la circolazione ematica rallenta, infatti, l’apporto di nutrienti e ossigeno ai tessuti diminuisce, così come la rimozione delle scorie. 

 

A livello del tessuto connettivo si ha, quindi, un accumulo di grasso, acqua e scorie che formano noduli sottocutanei percepibili dall’esterno come “pelle a buccia d’arancia”.

 

La cellulite dipende soprattutto da fattori genetici ma è favorita da un’alimentazione non equilibrata, da uno stile di vita sedentario, da disturbi della circolazione sanguigna e da squilibri ormonali.

 

Generalmente la cellulite interessa soprattutto la zona delle cosce, dei fianchi e dei glutei, ma può formarsi anche in altre zone del corpo come pancia e braccia. Inizialmente la cellulite è visibile solo quando si pizzica la pelle, ma con il passare del tempo può diventare visibile anche senza effettuare pressione.

 

Cellulite, il piano d’attacco naturale

Per debellare (o almeno per ridurre) la cellulite è necessario agire su più fronti e con costanza. La cellulite infatti può essere combattuta solo attraverso una vera e propria strategia sinergica che includa la depurazione dell’organismo, la riduzione dell’infiammazione e dei depositi di grasso e il miglioramento del microcircolo, così da portare ossigeno e nutrienti ai tessuti.
 

Cosa deve prevedere un piano anticellulite

  • Per prima cosa è necessario curare l’alimentazione e idratare l’organismo mangiando almeno cinque porzioni di frutta fresca e verdura al giorno e bevendo molta acqua, circa due litri al dì. 
  • Via libera anche alle tisane, assolutamente non zuccherate, e agli integratori drenanti, utili per contrastare la ritenzione idrica.
  • Anche i massaggi con olio di mandorle dolci e oli essenziali di agrumi e ginepro possono essere d’aiuto per debellare la cellulite, soprattutto se effettuati con costanza e con i giusti movimenti: per ottenere buoni risultati, i massaggi andrebbero eseguiti dalle caviglie ai glutei con movimenti circolari esercitando una pressione moderata. I massaggi anticellulite possono essere eseguiti anche su pancia e braccia, sempre effettuando movimenti circolari.
  • Oltre agli oli da massaggio, anche i trattamenti cosmetici esfolianti come gli scrub possono rappresentare un rimedio utile in caso di cellulite: gli scrub infatti migliorano l’aspetto della pelle e riattivano la circolazione sanguigna.
  • Un altro metodo per riattivare la circolazione e contrastare la pelle a buccia d’arancia è rappresentato dalle docce effettuate alternando l’acqua fredda all’acqua calda, sempre partendo dalle caviglie e risalendo lungo le gambe fino ai glutei.
  • Non bisogna poi dimenticare l’attività fisica. Anche in questo caso, l’esercizio fisico dovrà essere costante anche se moderato: è sufficiente una passeggiata di trenta minuti al giorno a passo svelto per migliorare il tono della pelle e la circolazione sanguigna.

 

Erbe e integratori per combattere la cellulite

Le erbe più indicate per eliminare la cellulite sono quelle che favoriscono la circolazione sanguigna e linfatica e che svolgono un’azione drenante, depurativa e antinfiammatoria.

 

Per combattere la cellulite si utilizza spesso il gambo d’ananas che, grazie al contenuto in bromelina, svolge un’azione drenante e antinfiammatoria. Al gambo d’ananas sono associate altre piante dall’azione diuretica come la centella (Centella asiatica), la betulla e l’ortosiphon, la cui assunzione aiuta a ridurre la ritenzione idrica.

 

Per un’azione ancora più efficace si somministrano anche vite rossa per favorire il microcircolo, garcinia per ridurre il senso di fame e gynostemma, dall’azione antinfiammatoria e di regolazione sul metabolismo di carboidrati e lipidi.

 

Nella strategia anticellulite risulta poi utile sostenere la funzionalità del fegato, soprattutto durante i cambi di stagione per contrastare l’accumulo di tossine, ma anche durante tutto l’anno per migliorare il metabolismo di carboidrati e grassi assunti con la dieta. A questo scopo si utilizzano piante come il cardo mariano, il carciofo, la fumaria e le foglie d'olivo.

 

Assumendo con costanza questi rimedi naturali è possibile notare un miglioramento della cellulite in un periodo da uno a tre mesi: oltre alla riduzione della buccia d’arancia  e a una pelle più liscia, si ha una diminuzione del senso di pesantezza e di gonfiore agli arti inferiori.

 

Quando si sceglie un integratore anticellulite è bene controllare le etichette e optare per prodotti in cui è indicato il contenuto dell’estratto secco titolato, poiché in questo modo si ha la garanzia della presenza certa e costante del fitocomplesso in quantità adeguata a svolgere un’azione efficace.