Articolo

Dieta alcalinizzante: come funziona, menu di esempio, ricette

Cos’è la dieta alcalinizzante, come funziona e perché fa bene alla salute.

Dieta alcalinizzante: come funziona, menu di esempio, ricette

Cos’è la dieta alcalinizzante, come funziona e perché fa bene alla salute: è davvero una questione di ph? Vediamolo insieme, con menu e ricette che ci fanno bene.

 

Dieta alcalinizzante: cos’è il pH corporeo

La dieta alcalinizzante è un regime alimentare in cui si prediligono cibi ritenuti in grado di alcalinizzare l’organismo allo scopo di mantenerlo in salute.

Ma cosa significa alcalinizzare l’organismo? Il pH fisiologico del sangue è compreso tra 7.35-7.45 e i valori plasmatici sono usati come indice del pH corporeo totale. Il pH del plasma varia nell’arco della giornata a causa degli alimenti che introduciamo – in particolare acidi grassi e aminoacidi - e del metabolismo che produce acido lattico e chetoacidi.

L’equilibrio acido-base dell’organismo è assicurato dai sistemi tampone, dalla ventilazione polmonare e dalla regolazione renale. I sistemi tampone sono rappresentati dallo ione bicarbonato presente nel liquido extracellulare, da proteine, emoglobina e fosfati nelle cellule e da ioni ammonio e fosfati nelle urine.

La ventilazione polmonare, eliminando anidride carbonica e vapore acqueo attraverso la respirazione, è in grado di tamponare fino al 75% delle variazioni di pH; infine, la linea di difesa renale, più lenta ma molto efficace tampona il pH attraverso l’eliminazione attraverso le urine o il riassorbimento nel plasma di cariche positive e di bicarbonato.

 

Come funziona la dieta alcalinizzante

Come abbiamo visto i reni partecipano alla regolazione dell’equilibrio acido-base; negli anni ’90, allo scopo di prevenire i calcoli renali, venne confermato che gli alimenti sono in grado di influenzare il pH delle urine e fu messo a punto un metodo per calcolare l’acidità renale partendo dalla composizione degli alimenti: grazie a opportuni fattori di conversione sono state stimate le quantità di ioni positivi e negativi presenti nelle urine partendo dalla quantità di ioni presenti nei cibi.

Secondo i sostenitori della dieta alcalinizzante, alimentarsi con determinati cibi può prevenire osteoporosi, sindrome metabolica e addirittura l’insorgenza del cancro: secondo gli studi però, le modificazioni del pH delle urine non hanno effetto sul pH sistemico, dunque la dieta alcalinizzante non alza il pH plasmatico.

Inoltre, non esistono abbastanza evidenze scientifiche secondo le quali una dieta alcalina possa prevenire l’osteoporosi o il cancro.

La dieta alcalinizzante sembra apportare benefici per la scelta di alimenti salutari, ma non per il pH di tali alimenti: vediamo quali.

 

Leggi anche La dieta zona italiana >>

 

Dieta alcalina (o alcalinizzante): cibi e menu di esempio

Tra i cibi e le bevande classificati come acidificanti troviamo il vino e gli alcolici in genere, i cibi confezionati, i fast food, le bevande dolcificate, i dolci, il caffè, tutti i cibi di origine animale e le farine raffinate; i cibi classificati come alcalinizzanti comprendono invece frutta e verdura.

Detto questo è abbastanza chiaro che una dieta ricca di frutta e verdura e in cui venga ridotto il consumo di prodotti animali, cibi conservati e zuccherati, sia salutare a prescindere dal pH dei cibi.

Un consumo adeguato di frutta e verdura, infatti, migliora il rapporto sodio-potassio e la disponibilità di magnesio con benefici per la salute delle ossa, riduzione della perdita di massa muscolare e di malattie croniche tra cui l’ipertensione. Eliminare o ridurre i cibi industriali e i prodotti di origine animale significa poi diminuire l’apporto di tossine, prodotti chimici, proteine e grassi e questo non può che migliorare lo stato di salute generale.

Un menu di esempio può essere:

> Colazione: yogurt di soia e un frutto
> Spuntino: spremuta d’arancia e un frutto
> Pranzo: un piatto di pasta integrale (80 grammi) condita con broccoli saltati in padella con aglio e un cucchiaino di olio, 50 grammi di insalata mista condita con poco olio e succo di limone, un frutto.
> Merenda: un quadratino di cioccolato fondente e un frutto.
> Cena: 100 grammi di tofu saltato in padella, un piatto di verdure di stagione crude o cotte e un frutto.


Come abbiamo visto, la dieta alcalina prevede un alto apporto di frutta, verdura e cibi salutari che ci fanno stare bene perché ricchi di nutrienti e antiossidanti, a prescindere dal pH.

La dieta alcalina non è una dieta per perdere peso o per prevenire o curare patologie in modo naturale: si tratta semplicemente di un regime alimentare sano.

 

Dieta alcalina (o alcalinizzante): le ricette

 

Un primo: minestrone di verdure

Ingredienti
> 250 grammi di verdure di stagione per persona
> 40 grammi di legumi secchi per persona
> 1 patata
> 60 grammi di riso integrale per persona
> 1 cipolla, una costa di sedano, una carota e uno spicchio d’aglio
> 1 cucchiaio di olio
> erbe aromatiche (alloro, salvia, rosmarino, basilico)
> 1 presa di sale

Preparazione:
Pulite e tagliate le verdure di stagione che avete scelto. Preparate un soffritto con la cipolla, il sedano, la carota e l’aglio e fatelo rosolare per pochi minuti in olio evo. Aggiungete la patata e i legumi precedentemente messi in ammollo, il riso e coprite con acqua. Unite le erbe aromatiche e fate cuocere per circa mezzora a fuoco basso; aggiungete poi il resto delle verdure e completate la cottura per altri trenta minuti circa.

 

Un secondo: insalata di tofu con frutta

Ingredienti
> 100 grammi di tofu al naturale
> 50 grammi di insalata mista
> 1 kiwi
> 1 cucchiaio di mais
> 1 carota
> 5 olive verdi denocciolate
> 1 cucchiaio di semi misti (zucca, lino, girasole, sesamo)
> 1 cucchiaino di olio extravergine di oliva
> 1 pizzico di sale
>  succo d’arancia
> 1/2 cucchiaino di erbe aromatiche miste essiccate


Preparazione
Preparate un’emulsione con il succo d’arancia, l’olio, il sale e le erbe aromatiche. Lavate e tagliate la verdura e la frutta, mescolate poi tutti gli ingredienti in un’insalatiera e condite. È un piatto unico ideale da portare al lavoro o fuori casa, per un pasto equilibrato e gustoso ma semplice e veloce da preparare.

 

Leggi anche Dieta chetogenica: esempio con 2 ricette >>