Articolo

Ganoderma: proprietà e benefici

Il Ganoderma è un fungo con innumerevoli benefici per la salute: scopriamo quali sono le sue proprietà salutari.

Ganoderma Lucidum

Credit foto
©martinak / 123rf.com

Questo fungo orientale particolarmente apprezzato in Cina e Giappone vanta diversi nomi emblematici: Pianta dello Spirito, Fungo dei Diecimila Anni, Fungo dell’Immortalità, perché si ritiene favorisca la longevità

 

Reishi è come è definito e conosciuto in Occidente e proviene dal Giappone. Il nome scientifico è Ganoderma Lucidum: ganos significa “brillante”, derma “pelle” e Lucidum “lucido”.

 

 

Cos'è e a cosa serve il Ganoderma

Il Ganoderma è un fungo saprofita che cresce sugli alberi di quercia e di castagno. Questo fungo viene utilizzato sin dai tempi antichi nella medicina tradizionale cinese e attualmente è conosciuto anche in occidente per le sue proprietà. Il periodo di sviluppo si estende dalla primavera all'autunno mentre resta a riposo in inverno. 

 

La sua coltivazione a scopo commerciale è diffusa soprattutto nelle terre di origine tra la Cina e il Giappone. Le dimensioni di questo fungo si aggirano su un diametro di 15 centimetri circa e la sua superficie è liscia quasi laccata. Il colore è differente a seconda delle varietà tra il rossiccio e il marrone scuro. La sua consistenza è dura e legnosa, il sapore è amaro e non è un fungo commestibile.

 

Viene utilizzato come rimedio naturale sotto forma di polvere. La sua crescita spontanea in natura è rara ma il suo uso come rimedio naturale lo annovera tra le 10 sostanze benefiche naturali più efficaci al mondo.

 

Dove viene coltivato il Ganoderma

In natura questo fungo cresce nelle province costiere boscose ed umide della Cina, su ceppi di castagno, quercia e altre latifoglie. Viene coltivato anche in Giappone su tronchi di vecchi pruni. Le varietà di Ganoderma sono di sei colori: rosso (akashiba), bianco (shiroshiba), nero (kuroshiba), azzurro (aoshiba), giallo (kishiba) e viola (murasakishiba). Il Reishi rosso è il Ganoderma Lucidum, usato per scopi medicinali. 

 

Il reishi è raro e difficile da trovarsi in natura perché il rivestimento delle spore è molto duro e non ne consente la germinazione come per gli altri funghi. Perché ciò avvenga sono necessari i giusti mix di ossigeno e umidità, e grazie ai micologi è possibile creare le condizioni favorevoli affinchè questo processo avvenga. Il Ganoderma Lucidum può essere inoculato anche in ceppi di legno duro o su tronchi artificiali in segatura.

 

Qual è il miglior Reishi

Il Reishi è stato definito dal professor Hiroshi Hikino dell’Università di Tohoku come “uno dei più importanti elisir dell’Oriente”. Nel 1995 alcuni ricercatori sono riusciti ad isolare il DNA del Ganoderma tsigae e del Ganoderma Lucidum, e hanno sottolineato la difficoltà nel distinguerli l’uno dall’altro. Studi più recenti hanno isolato le due specie e hanno evidenziato l’esistenza anche di due tipi di reishi, uno con il classico corpo fruttifero ampio e simile a un ventaglio e l’altro dall’aspetto ramificato, chiamato Rokkaku-Reishi. 

 

Questa seconda varietà era molto ambita dagli antichi taoisti. Stabilire quale sia il migliore è piuttosto difficile. Tutte le varietà di Ganoderma sembrano possedere gli stessi composti e le stesse proprietà benefiche. L’Antico testo cinese Shen Nong Ben Jing del 500 d.C. afferma che il Ganoderma Lucidum è "utile per aumentare l’energia vitale, migliorare le facoltà mentali e prevenire la smemoratezza".

 

Leggi anche Ganoderma lucidum, il re delle erbe >>

 

Composizione del Ganoderma

Il fitocomplesso del Ganoderma annovera 17 aminoacidi rispetto ai 22 esistenti e in particolare contiene gli 8 aminoacidi essenziali che lo rendono un integratore estremamente ricco in componente proteica. La parte polisaccaridica vede presenti il glucosio, il galattosio, il mannosio e anche tracce di fucosio e xilosio, polisaccaridi β-glucani e gli etero-β-glucani, sostanze conosciute per le loro proprietà immunostimolanti e anti-tumorali. 

 

Contiene principi attivi come triterpeni tra cui l'acido lucidenico, l'acido genolucido e l'acido ganodermico scoperti proprio in questo fungo. Sono stati contati oltre 120 composti terpenoidi all'interno del fitocomplesso del Ganoderma, ognuno con sue specificità. La ricca componente vitaminica del gruppo B ed in particolare la presenza di riboflavina, niacina, biotina e acido folico connotano il Reishi quale integratore di importante valore nutrizionale. 

 

La presenza di sali minerali quali ferro, calcio, potassio, magnesio, rame, manganese, zinco e germanio, lo rendono un integratore multiminerale naturale. Infine contiene steroli come precursori ormonali, sostanze dalle proprietà antistaminiche e adenosina.

 

Proprietà e benefici del Reishi

  • Anti-infiammatorio e analgesico: il fitocomplesso del Ganoderma esplica azione antinfiammatoria ed esercita una buona capacità analgesica. Questa proprietà è legata anche al suo effetto simil-cortisonico in grado di ridurre il gonfiore e attenuare il dolore permettendo un più facile processo di guarigione.
  • Sostegno per il sistema immunitario: i principi attivi presenti nel Ganoderma esercitano un’azione modulatoria dell’intero sistema immunitario. Infatti le proteine di questo fungo stimolano la produzione dei linfociti T e delle cellule Natural Killer che sono elementi essenziali per la nostra difesa da infezioni di origine sia batterica sia virale. In particolare il Ganoderma apporta benefici nel trattamento delle infezioni causate da herpes simplex, nell'influenza e nelle micosi provocate dalla Candida Albicans. Anche nel caso di bronchite si sono riscontrati ottimi benefici e un eccellente stimolo per sollecitare la guarigione grazie all'uso di Ganoderma, sotto forma di sciroppo.
  • Antiossidante e antitumorale: Il Ganoderma contiene molte sostanze antiossidanti come le vitamine B, C e D che hanno la capacità di contrastare i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cellulare nel corpo e iniziatori tumorali. Tra i minerali presenti il germanio stimola il sistema immunitario per contrastare la propagazione delle cellule tumorali.
  • Adattogeno e anti-ipertensivo: il Ganoderma promuove la resistenza allo stress ed è un tonico generale. A livello psicofisico questo fungo aiuta ad equilibrare il sistema nervoso, calmandolo o infondendo energia in base alla necessità. Nello specifico l’adenosina svolge effetto calmante per favorire il rilassamento dalle tensioni sia dell'apparato muscolare sia scheletrico permettendo di allentare lo stress. In caso di insonnia questo rimedio viene in nostro soccorso quale sedativo e calmante naturale. Il Ganoderma manifesta effetti benefici anche sulla pressione sanguigna grazie alla presenza degli acidi ganoderico e ganoderolico.
  • Ipocolesterolizzante e protettivo dell’apparato cardiovascolare: questo fungo oltre ad aiutare la circolazione sanguigna modulando la pressione sanguigna, esercita un’azione diretta contro il colesterolo cattivo. Il Ganoderma agisce sulla fluidificazione del sangue, un rimedio preventivo delle trombosi.
  • Controllo della glicemia e del peso: grazie alla presenza di sostanze come l'agoderano questo fungo diventa efficace nella regolazione della produzione di insulina. Stimola il metabolismo del glucosio epatico e riesce a mantenere i livelli di glicemia più equilibrati. Inoltre il Ganoderma sostiene il metabolismo basale del nostro corpo aiutando a bruciare più velocemente i grassi. Queste due azioni combinate aiutano a mantenere un peso corporeo più stabile e rendono il Ganoderma un rimedio utile per dimagrire.
  • Antiallergico ed eudermico: grazie alla presenza degli acidi ganodermici e oleici, questo fungo è capace di modulare la risposta istaminica in caso di reazione allergica. Inoltre aiuta a rendere la pelle più tonica e liscia contrastando l'acne e le macchie dell'epidermide. Grazie all'azione antiossidante riduce l'invecchiamento delle cellule della pelle con azione antiage del tutto naturale. Migliora le lesioni con cicatrici  grazie ad un effetto distensivo e rigenerativo del tessuto epiteliale.

 

Controindicazioni ed effetti collaterali del Reishi Ganoderma

Non sono stati annoverati effetti indesiderati o controindicazioni dalla somministrazione di Reishi, nè interazioni con altri farmaci, ma l'estratto di Ganoderma Lucidum è ancora sottoposto a studi. Come per tutti i rimedi naturali è consigliabile assumerlo per brevi cicli di 2 o 3 mesi poi sospendere. Può essere un ottimo rimedio nei cambi di stagione per sostenere l'organismo nei processi di adattamento.

 

Leggi anche Reishi nero, proprietà e benefici >>

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio