Articolo

Reflusso gastrico: cosa mangiare?

Quando ci sono problemi digestivi, mangiare non è più un piacere ma un grande problema. in caso di reflusso gastrico, sapere cosa mangiare e cosa evitare può servire a rendere più gradevole il momento dei pasti

Reflusso gastrico: cosa mangiare?

Il reflusso gastrico è invisibile e fastidioso. Magari non si riconosce subito, ma la sensazione di acidità permanente è uno dei campanelli di allarme principali.

Sintomi insospettabili, anche la tosse e la raucedine frequenti. Anche le future mamme ne sanno qualcosa... Possiamo aiutarci con l'alimentazione, mentre, insieme al medico curante, si indagano le cause (fisiche? mentali/emotive?).

Iniziamo a capire meglio cosa evitare e cosa mangiare in caso di reflusso gastrico.

 

Reflusso gastrico: cosa non mangiare mai

Iniziamo dal difficile: ecco gli alimenti da evitare assolutamente, perché complessi da digerire, troppo impegnativi per uno stomaco che "ha già il suo daffare".

  • Alimenti confezionati già pronti, spesso eccessivamente conditi con grassi
  • Fritture (tutte, verdure incluse)
  • Condimenti a base di panna e/o burro, strutto, margarina
  • Cotture lunghe: bolliti, ragù, stracotti
  • Il grasso delle carni (inclusa la pancetta, il lardo) e dei prosciutti
  • Superalcolici (tossici per il fegato)

 

Tosse da reflusso, rimedi naturali in aiuto

 

Reflusso gastrico, cosa mangiare raramente

Ecco i cibi consentiti con molta moderazione, non più di una volta alla settimana:

  • Cioccolato
  • Agrumi
  • Pomodoro, anche in sugo o passata
  • Cipolla
  • Peperoni e peperoncino
  • Spezie ed erbe quali pepe, menta, aglio
  • Caffè, tè, bevande gassate zuccherate
  • Vino

 

Reflusso gastrico: cosa mangiare

Alimenti che sono di facile digestione, che non portano scorie al corpo, cibi naturali poco complessi:

  • Cereali integrali
  • Frutta e verdura fresche di stagione
  • Acqua (almeno 1,5 lt al giorno)
  • Latte e yogurt magri o parzialmente scremati
  • Bevande vegetali
  • Formaggi freschi, magri
  • Carni bianche
  • Pesce
  • Uova (non fritte), massimo 2 alla settimana
  • Olio extravergine d'oliva, a crudo

 

Reflusso gastrico: come mangiare

Ecco alcune semplici regole di comportamento alimentare che aiuteranno ad alleviare i sintomi del reflusso gastroesofageo:

  1. Fare piccoli pasti frequenti, evitando i pasti abbondanti.
  2. In generale, preferire i cibi di origine vegetale e con pochi grassi.
  3. Evitare gli sbalzi di temperatura, ovvero cibi e bevande troppo caldi o troppo freddi.
  4. Bere soprattutto lontano dai pasti
  5. Mangiare masticando lentamente.

 

Rimedi per il reflusso gastroesofageo nei neonati

Per approfondire:

> Alimentazione per gastrite: quali cibi assumere e quali evitare

> Aciditià di stomaco, sintomi e rimedi naturali

> La gastrite curata con la fitoterapia

> Come prevenire l'esofagite da reflusso

> Reflusso gastroesofageo notturno, cosa fare