Articolo

Burri vegetali a uso cosmetico

I burri vegetali allo stato puro sono utilizzati in cosmetica per la cura del corpo e dei capelli: ciascuna varietà di burro contiene specifiche proprietà e si adatta a particolari utilizzi. E' bene, allora, sapersi orientare.

burro-vegetale-cosmetica

Credit foto
©belchonock / 123rf.com

I burri di natura vegetale sono preziosi alleati per la bellezza e il benessere della nostra pelle, dei nostri capelli e unghie. Sono impiegati largamente nell’industria fitocosmetica e possiedono virtù emollienti, idratanti, lenitive, protettive, antisettiche.

 

Li troviamo in preparati per proteggere le labbra, lipstick che nel gergo comune vengono spesso definiti semplicemente "burrocacao", in maschere per capelli, per nutrirli e far riacquistare lucentezza, in burri per il corpo per nutrire la pelle inaridita.

 

Ultimamente si va sempre più alla ricerca di burri al naturale, senza emulsionanti che li rendano più fluidi: l’importanza della cura del sé, anche quella che richiede un po’ più di tempo, porta a risultati di comprovata efficacia.



I burri vegetali più diffusi sono il burro di karité, il burro di mango, il burro di cocco e il burro di cacao, alcuni dei quali possono essere declinati in preparati fai da te, come scrub, maschere e impacchi nutrienti e rigeneranti, dentifrici naturali. Vediamo nel dettaglio le loro peculiarità.

 

Karité, un burro vegetale dall’Africa

Il burro di Karité si ricava dai semi della Vitellaria Paradoxa, albero chiamato anche “della giovinezza” che cresce nella savana sub-sahariana. 

 

I semi subiscono un lungo trattamento, dall’ebollizione all’essicazione, fino alla macinazione.

 

Il burro ottenuto, di colore giallo, è una miscela di vari acidi grassi che apportano le loro singole virtù al karité: acido oleico, acido stearico, acido linoleico e alfa linoleico, acido palmitico, acido arachico, acido ialuronico, vitamine quali la A e la E dalle proprietà antiossidanti.

 

Le proprietà del burro di karité in ambito cosmetico sono: 

 

> proprietà idratanti: in caso di pelli disidratate, inaridite, utile per contrastare le smagliature

 

proprietà nutrienti: per pelli asfittiche, senza tono, senza turgore, per capelli trattati e impoveriti, per dermatiti ed eczemi secchi;

 

proprietà emollienti: in caso di arrossamenti della pelle, scottature da sole, eritemi

 

proprietà antiossidanti: per prevenire il fotoinvecchiamento, un efficace trattamento anti-age. 

 

Mango, un burro vegetale dall’India

Il burro di mango si ricava dai semi del mango, un albero ad alto fusto che può svettare fino a 40 metri, originario della penisola indiana.

 

La miscela che si ricava dalla lavorazione dei semi è un composto di colore bianco inodore ricco di vari componenti preziosi come l’acido oleico, l’acido isostearico, l’acido palmitico, fitosteroli, polifenoli, squalene, dalle virtù rigeneranti, antinfiammatorie.
 

Le proprietà del burro di mango in ambito cosmetico sono: 

 

> proprietà emollienti: per le pelli arrossate dai raggi UV, lenisce le irritazioni e può essere utilizzato come doposole;

 

> proprietà nutrienti: conferisce elasticità alle pelli inaridite, alle labbra provate dagli agenti atmosferici, nutre i capelli disidratati ed indeboliti; 

 

proprietà antiossidanti: trattamento anti-age, protegge la pelle dall’invecchiamento precoce;

 

proprietà tonificanti: viene assorbito in profondità e grazie ai fitosteroli aiuta a sollecitare e tonificare il microcircolo, dona turgore alla pelle del corpo. 

 

Cocco, un burro vegetale dai Tropici

Il burro di cocco è in realtà olio di cocco che si solidifica intorno ai 15°C se puro, e si ricava dalla polpa, detta copra, essiccata della noce di cocco per pressatura a freddo. 

 

La palma da cocco è tipica di moltissimi paesi tropicali a diverse latitudini. Il burro di cocco contiene trigliceridi, acidi grassi come il laurico, il miristico, l’oleico, il palmitico, e lo stearico.

 

Le proprietà del burro di cocco in ambito cosmetico sono:

 

proprietà emollienti: un ottimo rimedio per le pelli arrossate da infiammazione e desquamate come eczemi e dermatiti. Il burro di cocco si può applicare anche sul cuoio capelluto per contrastare la forfora;

 

> proprietà antisettiche: grazie alla presenza di acido laurico dalle proprietà antivirali, antifungine e antibiotiche, il burro di cocco è un valido aiuto in caso di infezione della pelle dovuta a presenza batterica, a micosi. Può essere utilizzato anche sulle mucose in tutta tranquillità: utilizzabile infatti anche come pasta dentifricia, arricchendolo con oli essenziali come quello di garofano o tea tree, per disinfettare la bocca, le gengive e il cavo orale;

 

> proprietà idratanti: un perfetto doposole, spesso per lenire la pelle scottata, ma anche per ammorbidirla e idratarla dopo l’esposizione.

 

Ottimo impacco nutriente anche per i capelli, per nutrirli e ammorbidirli, per contrastare l’inaridimento da salsedine. Può essere utilizzato anche dagli uomini per la rasatura: ammorbidisce il pelo, coadiuva il lavoro del rasoio e nutre e idrata la pelle;

 

proprietà deodoranti: il burro di cocco è un perfetto deodorante per le aree ascellari più delicate. Contrasta la formazione batterica causa del cattivo odore, lenisce la pelle dopo la depilazione e conferisce un gradevole profumo di cocco. 

 

Cacao, un burro vegetale dal Sud America

Il burro di cacao si ricava dalle fave di un alberello chiamato Theobroma Cacao, tipico dei paesi tropicali del Sud America.

 

Le fave sono contenute nelle cabosse, i frutti della pianta di cacao, una volta estratte subiscono processi di fermentazione, essicazione, spremitura della porzione grassa che viene poi filtrata e raffinata per ottenere il burro. Questa risulta essere una miscela ricca di acidi grassi come i precedenti burri: palmitico, stearico, oleico e linoleico. 

 

Il burro di cacao si presenta di consistenza solida a temperatura ambiente e si scioglie intorno ai 35°C. Lo conosciamo da sempre come balsamo labbra, tanto che per metonimia ha conferito ai lipstick il suo nome, burrocacao appunto.
 

Le proprietà del burro di cacao in ambito cosmetico sono:

 

proprietà nutritive: largamente usato in protezioni per le labbra e nella composizione di rossetti altamente emollienti;

 

proprietà restitutive: il burro di cacao può essere utilizzato per maschere da applicare su capelli fortemente disidratati o molto ricci, riscaldandolo a una temperatura superiore ai 35°C per un’applicazione più semplice su capello inumidito con acqua tiepida.

 

Data la sua consistenza non consente un impiego duttile come gli altri burri vegetali se utilizzato da solo, mentre si sposa molto bene in miscele con altri burri e olii vegetali, in particolare con l'olio di jojoba.

 

E' largamente impiegato in campo farmaceutico nella produzione di supposte, poiché si mantiene della giusta consistenza per veicolare i principi attivi e sciogliersi poi con la temperatura corporea.