Articolo

Colite nervosa: cosa mangiare?

Soffrire di colite è molto sgradevole, soprattutto quando gli attacchi compaiono nei momenti più delicati o di grande stress. La colite nervosa può trarre giovamento anche da una corretta alimentazione.

Colite nervosa: cosa mangiare?

Può essere molto sgradevole, e chi ne ha sofferto lo sa bene, avere un attacco improvviso di colite appena prima di un colloquio di lavoro, di un esame in università, prima di un appuntamento importante.

L’intestino, il cervello e le emozioni sono strettamente connessi, anche dal punto di vista biologico.

La colite nervosa è cosa seria, da trattare sotto tutti i punti di vista, non solo intestinali.

Mentre considerate il fenomeno anche dall’aspetto emotivo, provate a considerare anche l‘alimentazione.

Vediamo cosa mangiare e cosa non mangiare in caso di colite nervosa.

 

Colite nervosa: cosa mangiare?

Premesso che il trattamento della colite nervosa è di competenza innanzitutto medica, e che ci sono cibi ben tollerati da alcune persone e mal tollerati da altri, vediamo alcuni cibi che solitamente sono tollerati e preferibili in caso di colite:

  • Legumi: solo se ben cotti e passati a mixer, oppure decorticati o in forma di farina
  • Pesce: magro (es. merluzzo)
  • Olio extravergine di oliva
  • Verdura cotta
  • Frutta non zuccherina (che fermenta) es. arancio, pompelm
  • Cereali integrali, se tollerati; meglio limitare i cibi ricchi di fibre nei periodi di riacutizzazione della colite, utilizzando cereali raffinati, per ridurre i sintomi.
  • Carni magre
  • Uova: massimo due la settimana

 

Le combinazioni alimentari per chi soffre di colon irritabile

 

Colite nervosa: cosa non mangiare?

In caso di colite si eviteranno tutti i cibi che fermentano nell’intestino, le sostanze eccitanti e le spezie che irritano l’intestino stesso, ovvero:

  • Te, caffe, cacao e derivati
  • Prodotti dolci, pasticceria da forno
  • Latte e derivati
  • Spezie piccanti (paprika, peperoncino, curry per esempio) aglio e cipolla crudi
  • Legumi con la buccia
  • Frutta secca
  • Frutta acida e zuccherina (uva, fichi, cachi…)
  • Verdure che favoriscono la produzione di gas intestinale:Peperoni, cavoli, broccoli, cavolfiori
  • Edulcoranti (hanno effetti lassativi)
  • Cibi e condimenti molto grassi


Colite nervosa: buone abitudini alimentari

In caso di colite nervosa possono essere utili accorgimenti alimentari e integrazioni di alcuni nutrienti persi negli episodi diarroici.

  1. Integrazione di Vitamina B12, in caso anche di asportazione chirurgica dell’ileo
  2. Integrazione con antinfiammatori naturali quali Omega3, da olio di semi di lino o di zucca
  3. Prebiotici e fermenti lattici che favoriscano la ricrescita della flora batterica corretta.
  4. Fare attenzione ai metodi di cottura: evitare le fritture, le temperature troppo elevate e l’eccesso di condimenti
  5. Bevete circa 10 bicchieri di acqua al giorno, soprattutto durante gli episodi di diarrea, per ripristinare i liquidi corporei, e nei periodi di stitichezza, per facilitare il transito intestinale
  6. Provate rimedi come tisane alla malva, al tiglio o alla melissa o passiflora, che diminuiscono l’infiammazione, favoriscono il sonno e la serenità.

 

Dieta per la colite: rimedi naturali senza farmaci

 

Per approfondire:

> Colite, i rimedi naturali omeopatici

> L'alimentazione in caso di colite

> Colite spastica, sintomi e cibi da evitare