Articolo

4 ricette vegan dalla Campania

Tra tutte le gustose ricette vegane offerte dalla tradizione della Campania, è difficilissimo scegliere solo quattro. Ecco allora una pizza, un primo piatto di pasta, una minestra e un contorno.

ricette-vegan-campania

Credit foto
©myviewpoint / 123rf.com

La cucina campana

La cucina italiana non sarebbe quello che è senza la Campania. Fin dai tempi più antichi questa regione è culla di una ricca tradizione culinaria che già i Romani apprezzavano profondamente.

 

La ricchezza del mare, la fertilità data dai vulcani, la prosperità del Cilento e il clima mediterraneo regalano ingredienti di altissima qualità, a cui si accosta la grande creatività del popolo campano.

 

Anche rinunciando agli insaccati, al pesce e ai prodotti caseari tipici del luogo, la vita in Campania è un vero paradiso anche per chi ha scelto la dieta vegana. Lo dimostriamo con queste quattro ricette vegan tipiche.

 

Pizza vegan mediterranea

Impossibile non citare la pizza, uno dei piatti più noti al mondo. Tra le innumerevoli varianti vegan, esploriamone una un po’ particolare.

 

Ingredienti

> 3 e ½ tazze di farina;
> lievito di birra;
> sale;
> zucchero;
> olio d'oliva;
> hummus;
> funghi champignon;
> basilico;
> olive nere;
> carciofi sott’olio;
> cipolla bianca;
> pomodorini;
> origano.

 

Procedimento

Cominciamo con l'impasto. In un recipiente mescoliamo la farina con un cucchiaino di lievito, uno di sale e un pizzico di zucchero. Solo in seguito aggiungiamo un filo d'olio e un po' di acqua tiepida.

 

Copriamo l'impasto con un canovaccio umido e lo lasciamo riposare per un’ora in un ambiente tiepido, fino a quando non sarà raddoppiato di dimensioni.

 

Quando l'impasto è pronto, lo dividiamo in due, dandogli la classica forma della palla, da lavorare su una superficie infarinata.

 

Gli altri passaggi sono molto semplici. Spalmiamo l’hummus sulla superficie della pizza e aggiungiamo i vari ingredienti, eccezion fatta per il basilico da lasciare alla fine.

 

20 minuti in un forno a 250 gradi è un tempo sufficiente per la cottura.

 

Spaghetti alla puttanesca

Con il suo nome colorito che non passa certo inosservato, gli spaghetti alla puttanesca sono un’altra prelibatezza mediterranea tutta vegan. Ecco ingredienti e il procedimento per 4 persone.

 

Ingredienti

> 500 gr di spaghetti;
> 2 teste d’aglio;
> salsa di pomodoro con basilico;
> 1 manciata di olive nere;
> ½ manciata di capperi;
> olio dìoliva;
> pepe rosso;
> origano;
> peperoncino.

 

Procedimento

Facciamo cuocere gli spaghetti in abbondante acqua bollente salata.

 

Nel frattempo prendiamo una padella, riscaldiamoci l'olio e mettiamo a soffriggere a fiamma bassa l’aglio tritato finemente. Dopo poco meno di un minuto versiamo la salsa e aggiungiamo le olive tagliate, i capperi, il pepe e l'origano.

 

In circa 8 minuti la salsa comincia a rapprendersi: è il momento giusto per aggiungere il sale e il peperoncino a piacere. 

 

Scoliamo gli spaghetti e li saltiamo in padella, mescolandoli bene con la pasta. Siamo pronti per impiattare e gustare! 

 

Talli e fave

Dalla tradizione del Cilento arriva un piatto “povero” di tutto rispetto: una minestra di talli (ovvero getti e germogli di scarola) e fave. Essendo composto da legumi e verdure, questo piatto è perfetto per i vegani.

 

Ingredienti

> 100 gr di fave fresche;
> 150 gr di talli;
> 1 cipolla rossa;
> sale;
> pepe;
> olio d’oliva.

 

Procedimento

Questa ricetta è davvero semplice. Laviamo i talli, li tagliamo e li saltiamo in padella con la cipolla rossa e un filo d'olio d'oliva.

 

Quando sono pronti, aggiungiamo una quantità di acqua sufficiente a far cuocere le fave fresche. Quando le fave sono cotte, è il momento di servire con pane croccante e con un buon bicchiere di vino rosso.

 

Zucchine alla scapece

Questa semplice ricetta campana vegan è molto saporita, ideale per accompagnare un secondo piatto.

 

Ingredienti

> 1 kg di zucchine;
> 1 spicchio d’aglio;
> olio di semi;
> foglie di menta;
> aceto bianco;
> sale.

 

Procedimento

Laviamo le zucchine, le asciughiamo per bene e le tagliamo a rondelle di medio spessore. Le friggiamo in olio caldo, le scoliamo e le posiamo su un piatto, coprendole con le foglie di menta e l'aglio tagliato grossolanamente.

 

Le irroriamo con l'aceto e lo lasciamo riposare. Dopo una o due ore, le nostre zucchine alla scapece sono pronte per essere assaporate. 

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio